Categorie

Homeric

Traduttore: M. Basile
Collana: Superbur
Anno edizione: 2001
Formato: Tascabile
Pagine: 454 p. , ill.
  • EAN: 9788817866859

Recensioni dei clienti

Ordina per
  • User Icon

    filippo nox

    09/03/2013 21.46.10

    La storia di un uomo che, unendo centinai di tribù mongole, ha creato l'impero più grande della storia massacrando migliaia di persone ("10.000 volte 10.000.. il numero delle persone che hai ucciso").. Una storia scorrevole ed estremamente interessante per chi vuole capire le abitudini e le gesta del popolo mongolo. Consigliato!!!

  • User Icon

    memphe

    09/02/2008 11.26.35

    Libro avvincente e interessante. Racconta in modo a volte crudele e terribile la vita com'era vissuta dai Mongoli di Gengis Khan in quei tempi lontani, sullo sfondo della costruzione del più grande impero della storia. Nn solo un romanzo storico, ma un intreccio di vite con amori, amicizie e potere.

  • User Icon

    biondo

    13/04/2005 11.37.22

    un capolavoro assoluto

  • User Icon

    MARCO

    09/04/2005 02.16.26

    I mongoli nn avevano il concetto di pietas romana..era normale uccidere indistintamente per spirito di sopravvivenza o per convenienza..Tutto ciò viene fuori in questo libro; narrazione rapida, scorrevole. Invoglia a saperne di più su Chingis Khan ed i suoi successori che ampliarono l'impero (Kubilay) o che cercarono di ricostruirlo (Timur). Da laggere!

  • User Icon

    Veronica

    17/09/2003 17.25.35

    Mah, un libro freddo e senza passione. Molto meglio il Gengis Khan in due volumi di Franco Forte, pubblicato da Mondadori, da cui hanno tratto uno sceneggiato tv trasmesso da Rete4 (alla Macchina del tempo). Peccato che sia esaurito. Quand'è che lo ristampano?

  • User Icon

    gianluca

    06/05/2002 22.00.41

    Lo hanno definito il personaggio del millennio. Forse ci sono stati personaggi più importanti e determinanti in tutto questo tempo, ma il fascino di Gengis Khan è unico ed inimitabile. Guerriero assoluto, condottiero infallibile, ma anche sanguinario, crudele come era ed è crudele la vita nelle steppe asiatiche, questo uomo-mito incarna la Storia, fatta spesso, purtroppo, in un mare di sangue. Per chi ama la steppa, la Mongolia, i nomadi...

Vedi tutte le 6 recensioni cliente (dalla più recente) Scrivi una recensione