Traduttore: E. Stubel
Editore: Adelphi
Edizione: 8
Anno edizione: 1996
Pagine: 354 p., ill. , Brossura
  • EAN: 9788845912009

13° nella classifica Bestseller di IBS Libri - Scienze, geografia, ambiente - Biologia, scienze della vita - Argomenti d'interesse generale - Genetica

Approfitta delle promozioni attive su questo prodotto:

€ 15,30

€ 18,00

Risparmi € 2,70 (15%)

Venduto e spedito da IBS

15 punti Premium

Disponibilità immediata

Quantità:
Aggiungi al carrello

Recensioni dei clienti

Ordina per
  • User Icon

    Tullio Pascoli

    20/08/2013 11:10:37

    Questo capolavoro è un colpo basso alle deleterie teorie razziste. Cavalli Sforza è, forse, uno dei più importanti ricercatori nell'ambito della genetica ed è pure uno degli ideatori dell'ambizioso progetto GENOMA. Dopo aver iniziato le sue ricerche fra i Pigmei in Africa, questo emerito accademico è stato invitato ad insegnare, ma anche a partecipare alle ricerche genetiche presso le più prestigiose Università al mondo. Il suo lavoro ha dato enormi contributi alla comprensione del processo paleoantropologico, includendo quello delle migrazioni, la distribuzione di popolazioni sul nostro pianeta, partendo dalle osservazioni di certi caratteri ereditari, come la presenza di minoranze dagli specifici e diversi fattori Rh in determinate zone e, perfino dell'etimologia di un certo numero di espressioni e del conseguente sviluppo dei gruppi linguistici, fra i più remoti Popoli, partiti dall'Africa per popolare il mondo, teorizzando una primordiale unica lingua iniziale. Cavalli Sforza ha anche pubblicato diverse opere di divulgazione scientifica di abbastanza facile lettura come CHI SIAMO, IL CASO E LA NECESSITA', L'EVOLUZIONE DELLA CULTURA e LA SPECIE PREPONDERANTE etc., ma è soprattutto coautore di una magistrale opera scientifica, nota in tutto il mondo dell'ambito accademico: STORIA E GEOGRAFIA DEI GENI UMANI che, probabilmente costituisce il frutto della più completa ricerca sulle nostre origini e della rispettiva evoluzione. Qui, con GENI, POPOLI E LINGUE, questo importante genetista, realizza una sintesi di tutto questo affascinante e meticoloso studio in cui molti misteri trovano concrete risposte e ad altri si presentano altrettante interessanti ampie e nuove prospettive. Una lettura quasi di obbligo per gli appassionati di antropologia ma non solo.

  • User Icon

    Per quarantacinque anni Cavalli-Sforza, con una squadra di altri scienziati, si è dedicato a un’impresa magistrale e poderosa, esposta in Storia e geografia dei geni umani. Ma il lettore troverà delineati gli elementi portanti di tale ricerca in questo volume, nel quale confluiscono due serie di lezioni tenute al Collège de France. Cavalli-Sforza e i suoi collaboratori hanno innanzitutto cartografato la distribuzione di centinaia di geni su scala mondiale, per dedurre dal confronto delle mappe le linee filogenetiche delle popolazioni. L’albero genealogico così costruito è stato quindi messo in rapporto con una enorme quantità di dati demografici, archeologici, linguistici. E la sorprendente conclusione verso cui la ricerca converge ci mostra il sovrapporsi di genealogie diverse: quella genetica, quella paleoantropologica e quella linguistica si rivelano in accordo e si corroborano a vicenda. Ne consegue che i geni, i popoli e le lingue si sono irradiati parallelamente, attraverso una serie di migrazioni che hanno avuto origine in Africa. Sotto gli occhi del lettore si viene così elaborando una prospettiva unitaria su circa centomila anni di vicende della specie umana. Mai prima d’ora una indagine scientifica aveva saputo illuminare con altrettanta precisione il rapporto tra geni e culture, riuscendo fra l’altro a liberare da presupposti erronei la controversa nozione di razza.

Scrivi una recensione