Chiudi

Siamo spiacenti si è verificato un errore imprevisto, la preghiamo di riprovare.

Gerry Mulligan meets Johnny Hodges - CD Audio di Gerry Mulligan,Johnny Hodges

Gerry Mulligan meets Johnny Hodges

0 recensioni
Con la tua recensione raccogli punti Premium
Supporto: CD Audio
Numero supporti: 1
Etichetta: Verve
Data di pubblicazione: 7 luglio 2003
  • EAN: 0044006551326

€ 27,67

Punti Premium: 28

Venduto e spedito da IBS

Attualmente non disponibile
Leggi qui l'informativa sulla privacy
Inserisci la tua email ti avviseremo quando sarà disponibile
spinner

Grazie, riceverai una mail appena il prodotto sarà disponibile

Non è stato possibile elaborare la tua richiesta, riprova.

Gaia la libraia

Gaia la libraia Vuoi ricevere un'email sui tuoi prodotti preferiti? Chiedi a Gaia, la tua assistente personale

Disco 1
1
Bunny
2
What's the rush?
3
Back beat
4
What it's alla about?
5
18 carrots for rabbit
6
Shady side
Gaia la libraia

Gaia la libraia Vuoi ricevere un'email sui tuoi prodotti preferiti? Chiedi a Gaia, la tua assistente personale

  • Gerry Mulligan Cover

    Propr. Gerald Joseph Mulligan. Baritonsassofonista e arrangiatore statunitense di jazz. È stato la personalità di maggior rilievo del tardo «cool jazz».?La sua vena di arrangiatore e di solista si mise in luce nelle incisioni della piccola orchestra di Miles Davis (1949-50).?Affermatosi grazie al fortunato quartetto con il trombettista Chet Baker in California (1952), in seguito diresse gruppi propri, tra i quali una grande orchestra (Concert Jazz Band, dal 1960), e collaborò con Dave Brubeck e in incisioni con Stan Getz, Ben Webster, Johnny Hodges, Thelonious Monk, Duke Ellington, sempre esprimendo un sottile lirismo melodico, impensabile prima di lui sul sax baritono. Approfondisci
  • Johnny Hodges Cover

    Altosassofonista statunitense di jazz. Fu la voce solista più caratteristica dell'orchestra di Duke Ellington, con cui suonò dal 1928 fino alla morte, salvo il periodo dal 1951 al '55, quando diresse una propria orchestra. È stato uno dei maggiori solisti nella storia del jazz, dallo stile assai imitato ma inconfondibile, caratterizzato da frequenti glissando. La matrice del suo lirismo è il blues più autentico. Impiegò, talora, anche il sax soprano. Approfondisci
Note legali