Getz Meets Mulligan in Hi-Fi - Vinile LP di Stan Getz,Gerry Mulligan

Getz Meets Mulligan in Hi-Fi

0 recensioni
Con la tua recensione raccogli punti Premium
Supporto: Vinile LP
Numero supporti: 1
Etichetta: Vinyl Passion
Data di pubblicazione: 26 aprile 2019
  • EAN: 8719039005482

€ 14,90

Punti Premium: 15

Venduto e spedito da IBS

Quantità:
VINILE
Gaia la libraia

Gaia la libraia Vuoi ricevere un'email sui tuoi prodotti preferiti? Chiedi a Gaia, la tua assistente personale

Edizione in vinile
Gerry Mulligan and Stan Getz are far and away two of the greatest legends of Jazz. This album is like two sax shaped butterflies, one baritone, one tenor darting around one another. Together Mulligan and Getz make the most sublime combinations and riff off each other with a musical choreography that is dazzling. They also improvise simultaneously with great results. They even swap horns for several songs...Getz playing baritone and Mulligan playing tenor with Lou Levy on Piano, Ray Brown on bass and the great Stan Levey is on drums. The album contain two bonus tracks: Charlie Parker's "Scrapple From The Apple (8:09)" and Lorenz Hart & Richard Rogers' "I Didn't Know What Time it Was (8:59)."
Disco 1
1
Let’s Fall In Love
2
Anything Goes
3
Too Close For Comfort
4
Scrapple From The Apple (Bonus Track)
5
That Old Feeling
6
This Can’t Be Love
7
A Ballad
8
I Didn’t Know What Time It Was (Bonus Track)
  • Stan Getz Cover

    Tenorsassofonista statunitense di jazz. Fortunato volgarizzatore del più intellettualistico cool jazz di Lee Konitz, sviluppò una sonorità vellutata e quasi priva di vibrato, derivata da Lester Young. Fece parte dell'orchestra di Woody Herman all'epoca di una celebre sezione sassofoni denominata «four brothers» (1947-48); poi costituì propri complessi. Nei primi anni '60 fu un protagonista nel dare una veste jazzistica alla bossa nova brasiliana. Approfondisci
  • Gerry Mulligan Cover

    Propr. Gerald Joseph Mulligan. Baritonsassofonista e arrangiatore statunitense di jazz. È stato la personalità di maggior rilievo del tardo «cool jazz».?La sua vena di arrangiatore e di solista si mise in luce nelle incisioni della piccola orchestra di Miles Davis (1949-50).?Affermatosi grazie al fortunato quartetto con il trombettista Chet Baker in California (1952), in seguito diresse gruppi propri, tra i quali una grande orchestra (Concert Jazz Band, dal 1960), e collaborò con Dave Brubeck e in incisioni con Stan Getz, Ben Webster, Johnny Hodges, Thelonious Monk, Duke Ellington, sempre esprimendo un sottile lirismo melodico, impensabile prima di lui sul sax baritono. Approfondisci
| Vedi di più >
| Vedi di più >
Note legali