Editore: TEA
Collana: Narrativa Tea
Anno edizione: 2012
Formato: Tascabile
In commercio dal: 18 ottobre 2012
Pagine: 145 p., Rilegato
  • EAN: 9788850229192
pagabile con 18App pagabile con Carta del Docente

Articolo acquistabile con Carta del Docente e 18App

Approfitta delle promozioni attive su questo prodotto:
Disponibile anche in altri formati:
Usato su Libraccio.it - € 5,94

€ 8,25

€ 11,00

Risparmi € 2,75 (25%)

Venduto e spedito da IBS

8 punti Premium

Disponibilità immediata

Quantità:
 
 
 

Recensioni dei clienti

Ordina per
  • User Icon

    Tiziana

    11/12/2013 22:58:10

    ah! non ho capito (come direbbe uno dei Teletubbies di Colorado!) Mi son persa qualche cosa? Sono arrivata al finale e non so se c'era qualche arcano da svelare oppure era tutto lì. A parte l'incalzare di ansia che serpeggia tra le pagine, il soggetto è buono, come tutte le creazioni di Zivkovic, ma qui mi è sembrato un po' sottotono e a corto di spunti. Boh, forse non l'ho centellinato a dovere. Qualcuno mi spiega come finisce? :-)

  • User Icon

    Eliana

    01/04/2013 15:53:57

    Si legge molto velocemente ma alla fine non mi ha lasciato molto. A parte il gatto Felix e Pandora gli altri soggetti mi sono sembrati superficiali.

  • User Icon

    GIANNI

    11/02/2013 11:48:41

    Non leggo volentieri i romanzi, preferendo la saggistica. Questo libro mi ha incuriosito per l'argomento trattato: la scrittura sotto anonimato o sotto pseudonimo. Uno scrittore intrattiene rapporti attraverso e.mail con alcuni interlocutori alquanto singolari, conosciuti o meno personalmente. Con essi intraprende delle competizioni paradossali o insensate. In tema di comunicazione rileva l'aspetto sociologico delle relazioni interpersonali così snaturate dal dilagare del mezzo tecnologico. Sembra di dialogare con tante persone, ma sempre più si affonda nella propria solitudine e nelle proprie paranoie. Davanti allo schermo dove compaiono i messaggi, si riflette, si aspetta, si decide di rispondere in un modo o in un altro o di non replicare affatto. Tutta la relazione si esaurisce in sé stessa. Produce in comunicazione l'effetto che in fisiologia produce il matrimonio tra consanguinei. Il protagonista ha un rapporto, però, assiduo e costante, umano quasi, con il suogatto Felix, del quale ha preso anche il proprio nickname.

Scrivi una recensione