Chiudi

Aggiungi l'articolo in

Chiudi
Aggiunto

L’articolo è stato aggiunto alla lista dei desideri

Chiudi

Crea nuova lista

Stripe PDP Libri IT
Salvato in 4 liste dei desideri
Attualmente non disponibile Attualmente non disponibile
Info
Giacinto Motta. Un ingegnere alla testa del capitalismo industriale italiano
26,60 € 28,00 €
LIBRO
Venditore: IBS
+270 punti Effe
-5% 28,00 € 26,60 €
Attualmente non disp. Attualmente non disp.
Chiudi
Altri venditori
Prezzo e spese di spedizione
ibs
26,60 € Spedizione gratuita
disponibile in 7 settimane Non disponibile
Info
Nuovo
Altri venditori
Prezzo e spese di spedizione
ibs
26,60 € Spedizione gratuita
disponibile in 7 settimane Non disponibile
Info
Nuovo
Altri venditori
Prezzo e spese di spedizione
Chiudi

Tutti i formati ed edizioni

Chiudi
Giacinto Motta. Un ingegnere alla testa del capitalismo industriale italiano - Luciano Segreto - copertina
Chiudi

Promo attive (0)

Descrizione


Professore associato di Storia economica e Storia delle relazioni economiche internazionali alla Facoltà di Scienze politiche dell'Università di Firenze, Luciano Segreto ricostruisce in questo libro la vita di Giacinto Motta (1870-1943), il più importante manager-imprenditore dell'industria elettrica italiana del XX secolo. La ricca documentazione archivistica personale ha consentito di tracciare un nitido ritratto che riesce non solo ad illustrare l'insieme delle attività di Motta, ma ci restituisce anche l'uomo con le sue passioni intellettuali e politiche, le sue incertezze, i suoi drammi interiori, la sua generosità nei riguardi dei bisognosi ed i suoi interessi culturali.
Leggi di più Leggi di meno

Dettagli

2005
1 giugno 2005
XI-366 p., ill. , Brossura
9788842075769

Voce della critica

Nella storia del capitalismo italiano Giacinto Motta costituisce una figura eccentrica: nel perdurante dominio del capitalismo familiare, nell'incompiutezza dell'evoluzione verso più avanzate forme di organizzazione societaria basate sulla separazione tra proprietà e controllo, Motta ha a lungo rappresentato un caso tra i più rilevanti di manager alla testa di un colosso industriale. Laureatosi in ingegneria al Politecnico di Milano sul finire dell'Ottocento, fu nel primo quindicennio del secolo successivo un libero professionista di grande successo ed enorme prestigio in campo elettrotecnico e docente al Politecnico, prima di essere chiamato nel 1916 alla Edison in qualità di direttore generale e poi di consigliere delegato, per divenirne infine, nel 1935, presidente. Imprenditore non proprietario, Motta rappresentò per altro un ideale anello di congiunzione tra la cultura tecnica che tra la fine dell'Ottocento e la prima guerra mondiale segnò profondamente la belle époque milanese e diede un contributo indiscusso all'industrializzazione italiana e alla grande impresa, che di quell'industrializzazione fu protagonista assoluta.
Sugli anni della formazione e sulla lunga e poliedrica attività professionale di Motta si sofferma ampiamente la bella biografia di Luciano Segreto, che ha potuto servirsi per la prima volta del ricco archivio privato dell'imprenditore. A occupare magna pars del volume sono naturalmente i lunghi anni alla guida della Edison, che collocarono Motta "alla testa del capitalismo italiano". Le vicende biografiche si intrecciano perciò strettamente, nella ricostruzione di Segreto, a quelle societarie e, indirettamente, a quelle dell'intera industria elettrica italiana. Al tempo stesso il volume di Segreto costituisce un prezioso contributo all'assai dibattuto tema del rapporto tra fascismo ed élite economiche.
Attivo politicamente sin dagli anni precedenti la guerra nelle file dell'Unione liberale democratica e poi, nel dopoguerra, su posizioni liberalconservatrici, Motta si avvicinò, a partire dal 1922, al fascismo e prese poi parte attiva alla vita politica del regime, pur non senza momenti di forte contrasto con Mussolini. A fronte del disorientamento prodotto dal biennio rosso e dall'avanzata dei socialisti e delle organizzazioni operaie, Motta vide nelle camice nere il male minore, l'unico rimedio contro il dilagare dei "sovversivi". Giunto al potere, il fascismo divenne, ai suoi occhi, la forza politica in grado non solo di ripristinare l'ordine, ma anche di interpretare al meglio le esigenze delle imprese e di realizzare una politica economica a esse favorevole, prima con le misure liberiste e poi, con qualche contrasto in più, con un intervento pubblico particolarmente attento agli interessi dei privati ("non siamo noi che appoggiamo Mussolini", scrisse in una lettera del 1924, ma "fu lui ad appoggiare le nostre idee"). Si trattò di un percorso comunque mai pienamente lineare, non privo di tensioni e contraddizioni, e, fatta salva la peculiarità del personaggio, comune alla grande maggioranza dei maggiori esponenti delle élite industriali e finanziarie italiane; un percorso che Segreto indaga facendo risaltare, accanto alle scelte e alle decisioni, le complesse motivazioni e i tormenti che spesso le precedettero e le accompagnarono.

Alessio Gagliardi

Leggi di più Leggi di meno

Conosci l'autore

Luciano Segreto

Luciano Segreto insegna Storia economica internazionale e Storia della finanza alla Facoltà di Scienze politiche di Firenze; è autore di numerose pubblicazioni sulla storia dell’industria e del mondo finanziario. Tra le sue opere più recenti ricordiamo: L’economia mondiale dopo la guerra fredda (il Mulino, 2018); con Gian Luigi Basini, Credito Emiliano 1910-2010. Dalle radici agricole alla diffusione nazionale (Laterza 2010); Europe at the Seaside. The Economic History of Mass Tourism in the Mediterranean (Berghahn Books, 2009); Giacinto Motta. Un ingegnere alla testa del capitalismo industriale italiano (Laterza 2005); e I Feltrinelli. Storia di una dinastia imprenditoriale (1854-1942) (Feltrinelli, 2011).

Chiudi
Aggiunto

L'articolo è stato aggiunto al carrello

Chiudi

Aggiungi l'articolo in

Chiudi
Aggiunto

L’articolo è stato aggiunto alla lista dei desideri

Chiudi

Crea nuova lista

Chiudi

Chiudi

Siamo spiacenti si è verificato un errore imprevisto, la preghiamo di riprovare.

Chiudi

Verrai avvisato via email sulle novità di Nome Autore