The Gift

Con la tua recensione raccogli punti Premium
Regia: Sam Raimi
Paese: Stati Uniti
Anno: 2000
Supporto: DVD

13° nella classifica Bestseller di IBS Film Film - Fantasy e fantascienza - Fantasy

Salvato in 25 liste dei desideri

€ 5,49

€ 6,49
(-15%)

Venduto e spedito da Shop Mio

Solo 1 prodotto disponibile

+ 2,98 € Spese di spedizione

Quantità:
DVD

Altri venditori

Mostra tutti (5 offerte da 4,99 €)

Annie Wilson è una sensitiva che vive a Brixton, una piccola cittadina del sud degli Stati Uniti. Donna ricca di umanità e madre di tre bambini, per sbarcare il lunario dopo la morte del marito Annie sfrutta il suo potere con vicini di casa ed amici. Quando Jessica King - donna facoltosa e avvenente - scompare misteriosamente, la polizia, a corto di indizi, decide di rivolgersi ad Annie per le ricerche.
4,6
di 5
Totale 5
5
3
4
2
3
0
2
0
1
0
Scrivi una recensione
Con la tua recensione raccogli punti Premium
  • User Icon

    massimo

    22/06/2020 15:08:10

    Film particolarissimo, in cui recitano dei grandi attori, che danno tutti ottima prova di se.. con un ottimo sviluppo della trama, seppure ha un finale che ad un certo punto cominci ad immaginare.

  • User Icon

    Alberto

    11/03/2019 11:12:08

    La prima cosa che colpisce nel film di Raimi è la scelta del cast in quanto è davvero un’anomalia trovare in pellicole di questo tipo attori di così alto livello, una soluzione fortunata che impreziosisce e valorizza la sceneggiatura ad orologeria di Thornton che proprio sui personaggi è costruita e sviluppata. The Gift infatti è un thriller parecchio distante dalle recenti produzioni di genere, l’aspetto action e anche quello degli effetti speciali (comunque presenti) passa in secondo piano di fronte alla caratterizzazione dei diversi personaggi. Raimi si prende il giusto tempo per delineare al meglio tutti i protagonisti e se frega altamente se i ritmi sono lenti e poco attuali, l’obiettivo non è quello d cercare il facile colpo ad effetto (che di fatto non c’è vista la pochezza della trama) ma quello di presentare un film compatto e solido che richiami nella memoria dello spettatore un cinema passato, sempre di genere, ma dall’impronta più classica.

  • User Icon

    Ernesto

    29/12/2015 18:48:50

    Qualche analogia con "La Zona Morta" di Croneberg. Anche in questo caso il "dono" per Annie diventa una maledizione che metterà a rischio la sua vita e quella dei suoi figli e che farà sprofondare sempre di più Annie nella disperazione e nella paura. Bel film!

  • User Icon

    Mr Gaglia

    23/01/2015 01:44:14

    Anche se lo avevo già visto al cinema; anche se lo avevo guardato in Whs e successivamente (comprato) in Dvd, ieri notte non ho saputo resistere a riguardarmi questo bellissimo film. Una pellicola come The Gift rappresenta davvero un "dono" per lo sguardo di chi ama il cinema in senso tradizionale, quello che conta sulla forza di immagini semplici e storie costruite con solida e classica materia. Sam Raimi si diverte a prendere in giro il paranormale, ma lo fa con rispetto e pudore. La nozione di gioco presuppone uno scetticismo di fondo, reale o simulato. Arte di appagamento, il film trasmette la paura in forma molto stilizzata. Lo spettatore proietta i suoi fantasmi, sublima la sua paura in un gioco ben regolato; gode della propria paura. Il gioco dell'identificazione e della distanza ha qui dunque come meccanismo essenziale la paura e il riso. Esattamente come nel peggiore degli incubi sentiamo i protagonisti che si stanno incamminando su un piano inclinato su una viscida discesa verso l'abisso. La "bellezza del diavolo" già tante volte vista in azione ha un conto in sospeso anche nella sorniona, silenziosa, Brixton. Fin dalle prime immagini siamo avvertiti: sta per accadere qualcosa: l'ironico Raimi ci prepara al peggio (o al meglio, secondo il punto di vista). Il regista gioca con le convenzioni del thriller per affrontare, nel suo modo sornione e disincantato, interrogativi che vanno ben al di là di una storia "nera": lo spazio, la relazione, che corre tra gli eventi minimi della vita quotidiana e le leggi che governano l'universo; le misteriose tensioni conflittuali, il rapporto di affetti, invidie, le feroci rivalità che sembrano nascondersi in ogni comunità. Le visioni di Annie non mostrano un'articolazione drammatica dell'inespresso, ma rivelano il significato dell'inespresso, il suo motore informativo, cioè l'inconscio.

  • User Icon

    lover of movie

    15/02/2014 20:50:40

    Mi sono stupita quando non ho visto nessuna recensione di qst movie! Io trovo ke è meraviglioso! Un cast di alta qualità anke Ribisi Italoamericano ha fatto la parte del ragazzo disturbato, lo ha fatto molto bene, quando ha dato fuoco al padre... ke altro dire, io ce l'ho!

Vedi tutte le 5 recensioni cliente

Una "ghost story" nel segno del classico

Trama
A Brixton, piccola cittadina degli Stati Uniti, la giovane Annie, rimasta vedova con tre figli da mantenere, usa la sua chiaroveggenza, assieme ad una spiccata attenzione per il prossimo, per sopravvivere: legge le carte in cambio di libere donazioni. Tra i suoi clienti ci sono Valerie Barksdale, che viene percossa abitualmente dal marito e Buddy Cole, giovane meccanico con qualcosa da risolvere nel suo passato. Annie si trova al centro delle attenzioni di Donnie, il marito di Valerie, che la inizia a minacciare ritenendola colpevole di interferire nella sua vita coniugale, arrivando a spaventarne i bambini.

  • Produzione: Medusa Home Entertainment, 2013
  • Distribuzione: Warner Home Video
  • Durata: 112 min
  • Lingua audio: Italiano (Dolby Digital 5.1);Inglese (Dolby Digital 5.1)
  • Lingua sottotitoli: Italiano per non udenti
  • Formato Schermo: Widescreen
  • Area2
  • Sam Raimi Cover

    Propr. Samuel Marshall R., regista statunitense. Sin da giovanissimo gira diversi cortometraggi in Super8: tra questi, nel 1978, Within the Woods, che anticipa i temi del suo primo lungometraggio, La casa (1982), un horror autoprodotto, immediatamente apprezzato dalla critica di settore e lodato da S. King. Il film è una pirotecnica, rutilante variazione sul tema della casa infestata in cui la scarsità del budget viene riscattata da una sorprendente inventiva, per es. nella realizzazione dei sanguinosi effetti speciali. Dopo la poco riuscita commedia demenziale I due criminali più pazzi del mondo (1985), sceneggiata assieme agli amici J. ed E. Coen, realizza nel 1987 La casa 2 che, più che un vero e proprio seguito, è piuttosto un remake del primo film, con effetti speciali più riusciti grazie... Approfondisci
  • Cate Blanchett Cover

    "Propr. Catherine Elise B., attrice australiana. Diplomatasi all’Accademia nazionale d’arte drammatica, ottiene prestigiosi riconoscimenti sui palcoscenici di Sydney, che le aprono le porte della televisione e ben presto del cinema. Fattasi notare in Oscar e Lucinda (1997) di G. Armstrong, ottiene la consacrazione a Hollywood con la sua magistrale interpretazione di Elizabeth (1998) di S. Kapur. Impeccabile lady inglese in Un marito ideale (1999) di O. Parker, è al centro del misterioso The Gift (2000) di S. Raimi e veste gli eterei panni di Galadriel, regina degli elfi, in Il signore degli anelli (2001) di P. Jackson. Nel 2002 è invece una spia che collabora con la Resistenza nella Francia occupata dai nazisti in Charlotte Gray di G. Armstrong. Nel 2005 vince l’Oscar come miglior attrice... Approfondisci
  • Keanu Reeves Cover

    Propr. K. Charles R., attore canadese. Attore dallo sguardo imperscrutabile, dimostra un solido talento interpretando una sorprendente varietà di ruoli, come il simpatico Parenti, amici e tanti guai (1989) di R. Howard, il maledetto Belli e dannati (1991) di G. Van Sant o il sereno Piccolo Buddha (1993) di B. Bertolucci. Apparentemente destinato a interpretare ruoli di adolescenti problematici, presto si dimostra credibile in pellicole in costume come Le relazioni pericolose (1988) di S. Frears, Dracula di Bram Stoker (1992) di F.F. Coppola o Molto rumore per nulla (1993) di K. Branagh. Parallelamente interpreta alcuni originali film d’azione come Point Break (1991) di K. Bigelow e Speed (1994) di J. De Bont. Con il ruolo di Neo in Matrix (1999) e nei due sequel di A. e L. Wachowski, dove... Approfondisci
  • Hilary Swank Cover

    Attrice statunitense. Esile, bruna, volto angoloso, grandi occhi scuri, alle spalle un passato di nuotatrice e ginnasta, esordisce sul grande schermo agli inizi degli anni '90. Dopo alcuni ruoli di scarsa importanza, è la giovane protagonista perseguitata da una banda di teppisti nel mediocre Karate Kid IV (1994) di C. Cain, che la fa conoscere a critica e pubblico. Il grande e meritato successo arriva però cinque anni più tardi con l'intenso ruolo dell'omosessuale frustrato Brandon-Tina nel drammatico Boys Don't Cry (1999, con cui vince l'Oscar) di K. Peirce, senza dubbio la sua migliore interpretazione. Seguono ruoli eclettici in pellicole di successo tra cui il detective Ellie Burr nel giallo Insomnia (2002) di C. Nolan, e la pilotessa di Shuttle nel kolossal fanta-catastrofico The Core... Approfondisci
Note legali