Un gigolo in doppiopetto

Manuela Mazzi

Anno edizione: 2007
Pagine: 160 p., Brossura
  • EAN: 9788890281006
pagabile con 18App pagabile con Carta del Docente

Articolo acquistabile con 18App e Carta del Docente

Approfitta delle promozioni attive su questo prodotto:
Descrizione
Nel 2003, in un articolo comparso sul quotidiano "Il Giornale", un giovane ex gigolo ticinese si racconta: la sua ambizione a far parte della società "che conta", l'ingaggio da parte di un'agenzia di accompagnatori per signore della società bene lombarda, comasca e ticinese in cerca di discrete distrazioni a pagamento, il sesso facile, la prostituzione, la droga. Due anni di degrado di sé. Una storia vera, un viaggio nel miraggio di valori distorti, soldi facili e "bella vita", in nome dei quali è sin troppo facile incominciare a vendersi, complice un'altrettanto triste "richiesta di mercato", ma non è altrettanto scontata la facilità ad uscirne. Anche per questo Max ha deciso di raccontare la sua storia alla stampa. Manuela Mazzi, che ha raccolto la confessione-denuncia di Max e firmato l'articolo sul "Giornale" ha deciso di farne questo reportage narrativo, per denunciare una realtà torbida, quella della prostituzione d'alto bordo, protetta da un muro di omertà che salvaguarda un giro d'affari imponente. I contenuti sono a tratti espliciti, così come Max, io narrante del romanzo, ripercorrendo la sua storia anche nei tratti più scabrosi, li ha vissuti e raccontati.

€ 10,20

€ 12,00

Risparmi € 1,80 (15%)

Venduto e spedito da IBS

10 punti Premium

Disponibile in 3 settimane

Quantità:
 
 
 

Recensioni dei clienti

Ordina per
  • User Icon

    Andy

    14/12/2009 15:21:35

    Ho letto il libro e devo dire e' molto bello...non capisco ancora perche uno diventya' gigolo...non riesco ancora perche''....anche le donne perche fanno tutto questo per una sera ...siamo umani senza cervello..specialmente nel sesso come poveri poveri senza il vero' amore solo per una sera di niente amore solo per soldi ect...... Andy

  • User Icon

    Grimilde

    06/05/2009 22:22:47

    Un libro-cronaca interessante, scorrevole che offre uno squarcio su una realtà articolata e complessa che non viene mai indagata scientificamente come in questo scritto. Complimenti all'autrice per lo stile che non scade mai nella volgarità e non tentenna anche quando i temi diventano scabrosi.

  • User Icon

    nico

    21/10/2008 13:45:36

    Questa volta Manuela ha fatto centro. Il libro non mi ha lasciato alcun dubbio. Lo stile della mazzi è molto migliorato, più descrittivo, più audace. Le pagine scorrono come un fiume in piena. I capitoli sono un crescendo, intrigando il lettore che non vede l'ora di finire il romanzo per capire cosa succede al protagonista, Massimo, che si trova invischiato in questa situazione un pò particolare. Diventa gigolò per caso, all'inizio è un gioco piacevole( le descrizioni delle scene di sesso non sono mai volgari, anzi erotiche), per poi ritrovarsi un una situazione molto spiacevole. Manuela ha partorito questo libro dopo un travagliato lavoro. una situazione frustante,l'editore rifiuta la stampa del libro, manuela non demorde crea dal nulla la sua piccola casa editrice.

  • User Icon

    Celano Manuele

    29/09/2008 14:44:02

    Celano Manuele, gigolo, professionale per donne, il libro gigolo in doppiopetto e bello, mi aspettavo molto di piu ma bello...

  • User Icon

    giusi d'urso

    05/11/2007 14:34:45

    E' un romanzo-denuncia, coraggioso e schietto, che offre a chi lo legge molti spunti di riflessione su quanto sia facile, a volte, perdere di vista la strada che si ha davanti. Manuela Mazzi ci ha abituati ad un linguaggio semplice e scorrevole, capace di narrare senza stratagemmi tecnici anche storie difficili.

Vedi tutte le 5 recensioni cliente (dalla più recente) Scrivi una recensione