Categorie

Émile Zola

Collana: Classici
Anno edizione: 1994
Formato: Tascabile
Pagine: 500 p.
  • EAN: 9788817169899

Recensioni dei clienti

Ordina per
  • User Icon

    Prof.Davide Guglielmino

    29/08/2016 14.54.19

    Tra i meno famosi romanzi di Emile Zola, ma non per questo di minor pregio, La gioia di vivere (La joie de vivre), dodicesimo romanzo del ciclo Rougon-Macquart, fu pubblicato a puntate dalla rivista "Gil Blas" dal novembre del 1883 e in volume dall'editore Charpentier nel febbraio 1884. Ambientato nel 1863 nel borgo marinaro di Bonneville, a pochi chilometri da Arromaches - Les - Bains in Normandia, ha come protagonista Pauline Quenu, figlia di Lisa Macquart e M. Quenu salumieri parigini, apparsi nel romanzo del 1873 Il ventre di Parigi. Scrive Mariolina Bertini: "La protagonista Pauline contrappone la propria energia caritatevole all'egoismo del fidanzato, Lazare, che accumula fallimenti in ogni campo, giustificando la propria morbosa disperazione con la filosofia pessimista di Schopenhauer. Ben più schopenhaueriana di lui, in realtà, è Pauline, che incarna la compassione teorizzata dal filosofo tedesco; e il contrappunto psicologico tra i personaggi, tra i quali si insinua la languida e seducente Louise, mostra ancora una volta quanto sia da accantonare il diffuso pregiudizio che fa di Zola un autore negato alle sottigliezze psicologiche, a suo agio soltanto sul terreno della descrizione, dell'analisi sociale e della dimostrazione scientifica ". Figura diversa dalle altre donne presenti nei romanzi di Zola, in forte antitesi con la cugina Nana, fatal femme, cocotte, gelida, insaziabilmente avida di lusso e di piaceri, molto egocentrica ed egoista, Pauline è onestà, buona d'animo, pronta al sacrificio di se stessa per gli altri, "mossa da quella carità attiva che della altrui felicità fa la sua personale esistenza". Ottima la traduzione di Paola Messori e molto interessante la nota a cura di Henri Mitterand.

  • User Icon

    Francesca

    21/05/2012 18.12.26

    Di Zola ho letto molto. Per me il suo miglior romanzo è senza dubbio Teresa Raquin; ognuno dei suoi scritti mi ha lasciato molto, anche quelli un pò meno famosi. La gioia di vivere, nonostante il titolo, è un libro triste. Racconta situazioni familiari dolorose, tradimenti e malattie, tra le quali si affaccia anche la depressione . Non lo collocherei tra le sue opere più felici ma un libro di Zola vale sempre e comunque la lettura.

Scrivi una recensione