Il giornalino di Gian Burrasca

Vamba

Con la tua recensione raccogli punti Premium
Editore: Giunti Junior
Formato: EPUB
Testo in italiano
Cloud: Scopri di più
Compatibilità: Tutti i dispositivi (eccetto Kindle) Scopri di più
Dimensioni: 3,67 MB
Pagine della versione a stampa: 288 p.
  • EAN: 9788809753983
Salvato in 1 lista dei desideri
Ogni giorno Giannino Stoppani, detto Gian Burrasca, annota in un diario gli avvenimenti della sua vita e della vita della sua famiglia. Naturalmente, poiché è stato educato a non mentire mai, dice sempre la verità, anche quella che non dovrebbe o potrebbe dire, o che le sorelle e i loro fidanzati, poi mariti, non vorrebbero si sapesse. E, certo, combina un sacco di guai per merito dei quali viene chiuso nel collegio Pierpaoli dove non solo non si educa, bensì diviene l'anima di una ribellione contro la falsa e tirannica disciplina che vi è imposta da una ridicola ma prepotente coppia di proprietari-direttori. Il diario diviene così la protesta e la rivolta di un ragazzo contro il mondo conformista e soffocante dei ''grandi''. Non per nulla Vamba dedicò il Giornalino ''ai ragazzi d'Italia perché lo facciano leggere ai loro genitori''. Diffusa in ogni pagina del diario c'è una scintillante comicità tutta toscana.
4,4
di 5
Totale 8
5
5
4
1
3
2
2
0
1
0
Scrivi una recensione
Con la tua recensione raccogli punti Premium
  • User Icon

    zombie49

    13/09/2019 04:19:26

    Giannino Stoppani è un ragazzino di nove anni, classe 1887, e vive in Toscana con i genitori e le tre sorelle maggiori, Ada, Virginia e Luisa. Per suo compleanno riceve in regalo un diario, il giornalino su cui annoterà gli episodi della sua vita quotidiana. Giannino è un monello che, con un misto di ribellione e candore infantile, combina guai di ogni tipo, tanto da meritare il detestato soprannome di Gian Burrasca. Con maliziosa sincerità sbeffeggia una colorita moltitudine di conoscenti, amici di famiglia, corteggiatori delle sorelle, facendo loro sapere le maldicenze sussurrate alle loro spalle. A fin di bene s’intromette nella vita degli adulti, suscitando risentimenti e guadagnando punizioni, finché è mandato in collegio. Ho letto e apprezzato questo libro quando avevo circa l’età del protagonista, dono di mio padre che lo aveva a sua volta letto da bambino. Il romanzo è ristampato ancora oggi, a un secolo dalla prima pubblicazione nel 1912, un classico che ha divertito bambini di più generazioni. Anche la copertina e le simpatiche illustrazioni sono rimaste immutate. Negli anni ’60 ne fu tratto uno sceneggiato per la TV, con Rita Pavone nei panni di Giannino che canta della mitica pappa col pomodoro. Ho scelto questo romanzo x la curiosità di leggere in età adulta un libro che mi aveva entusiasmato nell’infanzia, identificandomi nello scatenato protagonista. Scritto con qualche voluto errore di vernacolo toscano, il diario è opera di un ragazzino di una famiglia borghese d’inizio ‘900, perbenista, bacchettona, attenta alle apparenze, ma affettuosa anche se severa. Fino agli anni ’60 del secolo scorso il collegio era considerato la massima punizione per un ragazzino indisciplinato, quasi una sorta di riformatorio per bambini di buona famiglia. Le vicende non sono credibili, ma è irrilevante: a una lettura adulta, il libro è una satira sulle convenzioni borghesi. Lo stile è scorrevole, fresco, divertente, e non risente degli anni trascorsi.

  • User Icon

    Sara

    18/09/2018 17:54:34

    Ho voluto rileggere questo libro da adulta e non potevo fare scelta migliore! Uno spaccato di un'Italia che non c'è più ma che fa sorridere ricordare nelle parole di un bimbo e delle sue marachelle. Non ho smesso di ridere dall'inizio alla fine. Veramente bello e da far riscoprire anche ai bimbi di oggi!

  • User Icon

    sinateva@virgilio.it

    08/06/2018 15:04:23

    Bella copertina rigida, formato pocket molto comodo...

  • User Icon

    n.d.

    20/07/2017 08:57:54

    CARINISSIMO

  • User Icon

    n.d.

    20/07/2017 08:57:54

    CARINISSIMO

  • User Icon

    laura

    13/05/2009 21:28:39

    Ehi ragazze/i leggete questo libro vi farà spellicare dalle risate e anche da qualche momento di sospenzione di tristezza. comunque è proprio bello!

  • User Icon

    GLORIA

    03/04/2009 15:54:08

    Troppo bello!!! che dolore averlo terminato!!!! Un consiglio sincero? Leggetelo!

  • User Icon

    Anto, un grande lettore...

    25/01/2008 17:56:46

    Questo libro e stupendo!!!!

Vedi tutte le 8 recensioni cliente
  • Vamba Cover

    Pseudonimo di Bertelli Luigi (Firenze 1858-1920) scrittore italiano. Collaborò a numerose riviste di satira politica e sociale. Fra le sue pubblicazioni per l’infanzia, nelle quali fuse felicemente propositi didascalici e umorismo, si ricorda soprattutto Il giornalino di Giamburrasca (1920), brioso «diario» di un ragazzo vivacissimo e un po’ ribelle; ma notevoli sono anche il racconto Ciondolino (1895) e il libro in versi La storia di un naso (1915). Nel 1906 Vamba fondò un settimanale per i piccoli destinato a divenir celebre: «Il Giornalino della domenica». Approfondisci
| Vedi di più >
Note legali