I giorni e gli anni (21 agosto 1967-19 dicembre 1967) - Uwe Johnson,D. Angiolini,N. Pasqualetti - ebook

I giorni e gli anni (21 agosto 1967-19 dicembre 1967)

Uwe Johnson

Con la tua recensione raccogli punti Premium
pagabile con 18App pagabile con Carta del Docente
Articolo acquistabile con 18App e Carta del Docente
Editore: L'orma
Testo in italiano
Cloud: Scopri di più
Compatibilità: Tutti i dispositivi (eccetto Kindle) Scopri di più
Dimensioni: 824,64 KB
Pagine della versione a stampa: 479 p.
  • EAN: 9788899793012
Salvato in 1 lista dei desideri

€ 12,99

Punti Premium: 13

Venduto e spedito da IBS

EBOOK

Compatibile con tutti i dispositivi, eccetto Kindle

Cloud: Sì Scopri di più

Aggiungi al carrello
spinner
Fai un regalo
spinner

non è possibile acquistare ebook su dispositivi Apple. Puoi comunque aggiungerli alla wishlist

Gaia la libraia

Gaia la libraia Vuoi ricevere un'email sui tuoi prodotti preferiti? Chiedi a Gaia, la tua assistente personale

Agosto 1967. Inizia la rievocazione di Gesine Crespall di un passato ferito: quello della Germania tra gli anni Trenta e Cinquanta, abbandonata per emigrare in una New York gorgogliante di cambiamenti. È qui che cresce la figlia Marie, alla quale Gesine consegna il racconto quotidiano della Storia recente, una Storia controversa e devastante che ha rimodellato, stravolgendola, anche la vicenda privata della sua famiglia. Diviso in capitoli dedicati ognuno a un giorno dell'anno, il romanzo è capace di attraversare le barriere temporali e di annodare sentimenti e idee, ritraendo uno spazio collettivo percorso da molteplici tensioni. Con abilità al fabulatoria, Johnson ci porta al cospetto di una figura femminile coraggiosa facendole prendere vita sotto i nostri occhi, introducendoci nei passaggi segreti del suo pensiero più intimo, della sua lingua più vitale. Sullo sfondo, un mondo di personaggi che si muovono tra il Meclemburgo e New York, nel vortice degli eventi che hanno plasmato la contemporaneità.
Gaia la libraia

Gaia la libraia Vuoi ricevere un'email sui tuoi prodotti preferiti? Chiedi a Gaia, la tua assistente personale

5
di 5
Totale 2
5
2
4
0
3
0
2
0
1
0
Scrivi una recensione
Con la tua recensione raccogli punti Premium
  • User Icon

    Cristiano Cant

    23/09/2017 07:28:30

    Nulla meglio dell'acqua poteva aprire il sipario sui quattro tempi di questo monumento letterario e lasciarci immergere nel suo flusso enorme. Le onde son quelle di un solo anno di vita, di storia, ma erompono lo stesso in rimandi ad altre stagioni, a un passato ancora carico e caldo di impronte come "rughe profonde e nette, più profonde di quanto non possano settant'anni di vento". Gesine e Marie, madre e figlia, emigrate dalla Germania nella grande Mela, e insieme ad esse una terza grande presenza a intercalare col suo fiato stampato le vicende di un destino mondiale: il New York Times. Romanzo torrenziale, l'ieri e l'adesso si danno il cambio in un eterno aggancio di improvvisi e nostalgie, di voci che tornano e di tragiche assenze: "Se solo i morti tenessero il becco chiuso". I fili si intrecciano come in una difficile alternanza di tempi e di date, compito a volte non facile da assorbire per il lettore in un proprio ordine di dentro. Ma la potenza sottostante è quella di una promessa sicura, una stupenda tavolozza sociale dove il destino mondiale, nelle sue mille linee sfaccettate, solca ogni passaggio come una partitura magnifica; dai sofferti giorni del '33 nel nascente nazismo del Meclemburgo ai tragitti inglesi del padre che tenta di andar via da quei veleni. Ma le contraddizioni prevarranno, la vita decisa da momenti contrari alle scelte veramente sognate, lo stare al gioco, il lottare dentro strategie di morale sempre in bilico, sempre tortuose e segrete pur dentro uno spirito che sa dov'è il giusto, il vero, la salvezza. Il tutto mentre la sotterranea coi suoi passeggeri attraversa New York e la gente più varia anima e scandisce fra i vetri gli istanti della propria giornata. Una madre e una figlia in questo gorgo multirazziale, indefinito e ricco, pericoloso e pacifico insieme, a tentare di ripartire e ridare forza al senso delle cose. Dirà Gesine: "Un giorno la bimba mi assomiglierà al primo sguardo, ma il mondo la accoglierà solo al secondo".

  • User Icon

    Roberto

    23/08/2016 14:13:22

    Un elogio particolare e un ringraziamento alla casa editrice L'orma che ha permesso di portare a termine la traduzione (lasciata incompleta al secondo volume da Feltrinelli) di quest'opera in quattro volumi, che è senz'altro da annoverare tra i grandi classici del Novecento. Complimenti anche ai traduttori: hanno fatto un ottimo lavoro. Il romanzo è molto lungo, vale però la pena di affrontarlo e immergersi nella vita e nei ricordi di Gesine. Spero che l'editore pubblichi anche le altre opere di Uwe Johnson, autore tanto grande quanto poco conosciuto in Italia. Leggetelo.

  • Uwe Johnson Cover

    È uno dei maggiori scrittori e intellettuali tedeschi del dopoguerra. Fra il 1966 e il 1968 Johnson visse con la famiglia a New York, nell'Upper West Side a Manhattan, ed è proprio al suo stesso indirizzo che si svolgono le vicende di Gesine Cresspahl, personaggio femminile protagonista della sua opera più importante e travagliata: I giorni e gli anni si configura infatti come una tetralogia, la cui pubblicazione è avvenuta fra il 1970 e il 1983. Ogni capitolo rappresenta un giorno dell'anno racchiuso fra il 21 agosto 1967 e il 20 agosto 1968 (data che segna l'invasione russa in Cecoslovacchia e la contestuale, cruenta fine della Primavera di Praga). Il libro, composto nell'arco di più di quindici anni, abbraccia, sovrapponendo diversi piani temporali... Approfondisci
Note legali