Categorie

Jill Santopolo

Editore: Nord
Collana: Narrativa Nord
Anno edizione: 2017
Pagine: 400 p., Rilegato
  • EAN: 9788842929796

17° nella classifica Bestseller di IBS Libri - Narrativa straniera - Moderna e contemporanea (dopo il 1945)

Approfitta delle promozioni attive su questo prodotto:
Disponibile anche in altri formati:
Usato su Libraccio.it € 9,50

Dove eravate l’11 settembre 2001? Chi avevate accanto?

Se avete vissuto quella giornata con consapevolezza, sicuramente ricorderete questi particolari. È stato uno di quei giorni che rimane nella memoria di tutti: il disastro in diretta, il crollo delle torri, le immagini mandate in loop in ogni canale televisivo.
Ora pensate di vivere quei momenti proprio a New York. Di essere alle prese con le prime lezioni in università e di accorgersi della catastrofe che lentamente sta accadendo sotto i vostri occhi. E di avere bisogno - nel momento in cui il mondo intero cambia - di sentirsi vivi, con il guizzo tipico dei ventenni che, anche nelle tragedie, trovano un piccolo lato positivo.

Immaginate di innamorarvi l’11 settembre. Non è una cosa così strana: molti quel giorno hanno detto per la prima volta “Ti amo” o si sono promessi in matrimonio, o hanno fatto scelte impensabili. Ritrovarsi faccia a faccia con la caducità della vita fa prendere decisioni estreme.

Gabe e Lucy si conoscono proprio quell’11 settembre, alla Columbia University. E si baciano lo stesso giorno, sul tetto del dormitorio della Wien Hall. Il destino dei due giovani si lega, in quell’istante, indissolubilmente. Non importa se, lo stesso giorno, Gabe scelga di rimanere accanto alla sua ex fidanzata, minando i sentimenti di Lucy. Il fato, quando si mette in moto, è come una pallina su di un piano inclinato: fermarlo è impossibile.

Mi sono voltata di nuovo a guardarti. Bellissimo, fragile, pieno di desiderio per me. Il mio regalo di compleanno da parte dell’universo, chissà «La cosa bella delle strade è che a volte ti capita di tornarci. E così hai l’occasione di prendere la svolta che non hai scelto la prima volta»

Il destino sa anche essere crudele. Le strade che scelgono i due protagonisti li porteranno verso vie sconosciute; le decisioni prese faranno in modo che i loro percorsi si dividano, per ritrovarsi tragicamente verso la fine.

Jill Santopolo ha scritto questo libro dopo una lunga gestazione di quattro anni e una cocente delusione d’amore. La tormentata storia d’amore è in parte autobiografica e la narrazione ne guadagna: il dolore permea ogni capitolo del libro. Sia chiaro, l’autrice è bravissima a descrivere ogni particolare emozionante della storia, dalle scene di sesso a quelle più sdolcinate, ma il senso della tragedia è presente sin dall’inizio del romanzo. Dolce e tragica allo stesso tempo, una lettura che saprà coinvolgere, commuovere e trascinare verso l’inatteso finale.

Recensione di Eros Colombo

 

Recensioni dei clienti

Ordina per
  • User Icon

    Un libro toccante, emozionante, travolgente, che fa vibrare il cuore per l'intensità con cui ci fondiamo ai personaggi. Con una narrazione che incanta e ammalia, leggiamo dell'evoluzione di un amore dirompente ma dalle tempistiche sbagliate. La trama si snoda attraverso uno spazio di tempo lungo anni, vediamo Lucy laurearsi, trovare un lavoro, incontrare di nuovo Gabe per caso, amarlo, andare a vivere con lui, e poi vediamo Gabe partire per l'Iraq, verso quella vita da reporter che tanto sognava e agognava, perfino più di un'esistenza accanto a Lucy. Li vediamo perennemente nei pensieri l'uno dell'altra, anche se nella realtà sono accanto a persone diverse. Li vediamo crescere, fare scelte, diventare adulti, e la cosa più commovente di tutte è che non riescono mai a lasciarsi andare, non completamente.

  • User Icon

    Valentina

    03/06/2017 19.11.44

    La lettura è molto piacevole e i due protagonisti ben delineati..devo dire che il libro mi ha catturato, scorre molto veloce,forse troppo!! Durante la lettura del libro ti accompagna un velo di malinconia che si traduce in un finale non scontato e purtroppo triste...vale la pena versare qualche lacrimuccia

Scrivi una recensione