Un giorno di festa - Luca Briasco,Graham Swift - ebook

Un giorno di festa

Graham Swift

Con la tua recensione raccogli punti Premium
Traduttore: Luca Briasco
Editore: Neri Pozza
Formato: EPUB con DRM
Testo in italiano
Cloud: Scopri di più
Compatibilità: Tutti i dispositivi (eccetto Kindle) Scopri di più
Dimensioni: 4,75 MB
Pagine della versione a stampa: 139 p.
  • EAN: 9788854513891
pagabile con 18App pagabile con Carta del Docente
Articolo acquistabile con 18App e Carta del Docente

€ 9,99

Punti Premium: 10

Venduto e spedito da IBS

EBOOK
Aggiungi al carrello
Fai un regalo

non è possibile acquistare ebook su dispositivi Apple. Puoi comunque aggiungerli alla wishlist

Gaia la libraia

Gaia la libraia Vuoi ricevere un'email sui tuoi prodotti preferiti? Chiedi a Gaia, la tua assistente personale

È il Mothering Sunday, la Festa della Mamma, del 1924 in Inghilterra. La guerra è alle spalle e un'altra è all'orizzonte. Ma è una bella domenica di fine marzo, perfetta per rimuovere i lutti e celebrare in allegria la speciale ricorrenza del giorno. Il rituale della festa prevede visite di cortesia, picnic all'aperto e inviti a pranzo in compagnia di amici e familiari. Un rituale già quasi in disuso, ma che i Niven e gli Sheringham, due delle famiglie più in vista del Berkshire, si tengono ben stretto, come se appartenessero ormai a un'unica famiglia dopo aver perso dei figli in guerra. Su invito degli Hobday, un altro illustre casato delle verdi contee che circondano Londra, si vedranno a pranzo per brindare e parlare dell'evento ormai imminente: le nozze tra Paul, il giovane rampollo degli Sheringham scampato alla guerra, ed Emma Hobday. Per la servitù dei Niven, com'è consuetudine, il Mothering Sunday è una "giornata libera" da trascorrere con i propri cari. Per tutti, eccetto che per Jane Fairchild. Giovane orfana che presta ormai da qualche tempo servizio presso i Niven, Jane si appresta a trascorrere la domenica di festa su una panchina in giardino quando squilla il telefono. Si affretta all'apparecchio e il suo cuore si libra in cielo allorché riconosce la voce all'altro capo del telefono: Paul Sheringham, il giovane rampollo di cui da sette anni è l'amante, la invita per la prima volta a casa sua...
5
di 5
Totale 7
5
7
4
0
3
0
2
0
1
0
Scrivi una recensione
Con la tua recensione raccogli punti Premium
  • User Icon

    Emilia Cirillo

    27/04/2018 15:28:54

    Una vicenda ambientata nel giorno della Festa della mamma, in un marzo del 1924, che cambia per sempre la vita di Jane Fairchild, giovane domestica inglese. Un racconto lungo in cui si intreccia alla narrazione i motivi profondi della nascita di una vocazione alla scrittura. Un capolavoro.

  • User Icon

    valeria

    10/07/2016 14:15:55

    "Un uomo poteva essere un 'giovane', ma una donna? D'altro canto, non esisteva quasi nulla, nel 1924, che non avesse un connotato prevalentemente maschile." Un bellissimo romanzo di formazione, la presa di coscienza di se stessa e del proprio corpo di una cameriera che arriva a diventare una scrittrice, tanto amore per Conrad e per la letteratura, una intensa e sensuale storia d'amore che si svolge nell'arco di una giornata soltanto, il 30 marzo 1924, Mothering Day in Inghilterra. Per Jane questo giorno ha ben poco significato, le sembra quasi un paradosso festeggiare la Festa della Mamma in quanto era "non orfana, ma una trovatella. Ecco una parola interessante, di quelle che è raro sentire usare al giorno d'oggi". Ma per lei, abbandonata sugli scalini di un orfanotrofio appena nata, qualcosa fa si che proprio in questo giorno tutto si svolga al contrario dei canoni prestabiliti, che tutti i ruoli del mondo che la circonda si invertano, che ogni cosa fosse capovolta. Un romanzo breve ma intenso e raffinato, dove la struttura ed il linguaggio raggiungono un equilibrio perfetto, dove ogni parola ha il peso ed il significato necessario. Un gioiellino letto e riletto con grande gioia.

  • User Icon

    Loris

    08/07/2016 14:11:15

    Tutto in un giorno: passato e futuro convergono sul Mothering Sunday del 1924. La grande guerra ha strappato figli e fidanzati, lasciando stanze vuote che incombono come mausolei. Jane è l'orfana assetata di vita e di storie, la cameriera con l'insolito 'vizio' della lettura, assecondato dal paternalismo di un'aristocrazia decadente. La pienezza delle emozioni si realizza tanto nel sesso quanto nelle pagine dei romanzi avventurosi non destinati alle fanciulle. La lunga passeggiata nuda nella casa deserta fino alla biblioteca è la sintesi dell'anelito alla libertà e alla realizzazione di sé. Il peso del passato e la morte chiederanno il loro tributo, ma la strada è tracciata. Conrad è la finestra che si apre su un'idea 'adulta' di letteratura, dove esperienza e ricordi possono essere trasposti nella loro essenza, senza per questo rivelare i segreti intimi legati a un volto o a un evento. Jane sarà una scrittrice di successo e attraverserà tutto il Secolo. Swift è un eccellente narratore, capace di usare le parole per costruire molteplici livelli di senso. Viene spontanea l'associazione con 'Espiazione' di McEwan, altro mirabile esempio di scrittore che si interroga sulla propria funzione nell'atto stesso di narrare vite e sentimenti di un passato perduto e consegnato alla Storia.

  • User Icon

    Chiara Macconi

    05/07/2016 12:59:10

    Questo è uno di quei libri che sicuramente porterò con me, nella valigia degli evergreen accanto alla Gita al faro di Virginia Woolf,è da leggere e rileggere, quando, acquietate dalla trama, sorbiremo ogni singola parola godendola. Perchè è così, ogni inciso, anticipazione, osservazione, domanda e riflessione porta con sè echi della migliore inglesità, sense of humour con una vena di malinconia. E vedo Jane correre al suo appuntamento, entrando dalla porta principale - prima e unica volta - come una specie di dichiarazione pubblica di una relazione di lunga data,iniziata quando il ruolo dei due era così disuguale per diventare, nella sua camera da letto, la quieta uguaglianza vissuta nella nudità. Quell'uguaglianza di cui diventa consapevole girando per casa, indulgendo sulle cose e ripensando che Paul non voleva tanto andarsene via di fretta.Una storia senza parole d'amore che utilizza tanti segni aperti che lasciano al lettore la possibilità di integrare meravigliosamente e farlo suo.Concentrato sapientemente in 139 pagine.

  • User Icon

    DONATELLA

    29/06/2016 18:19:41

    In un'insolita giornata estiva di marzo, il racconto di un inzio e di una fine. Una storia d amore breve e intensa : una giovane donna, la sua passione per i libri per l amore, per il sesso, per la vita. Una giornata perfetta per Jane, da trascorrere con l'uomo che ama: ma il rilassamento e la pace della stanza , il silenzio e l' immobilità dei corpi dopo l amore, l'inerzia ribelle dell'amante sono carichi di tensione, presagi di una fine drammatica. Bellissimo il racconto di Jane che, pigra e lenta, vaga sola e nuda nella casa deserta, assorbendo ogni dettaglio , soffermandosi sugli oggetti, gli arredi , i tessuti per imprimersi nella mente quell' evento che mai avrebbe rivelato ad alcuno. Come mai avrebbe rivelato di essere diventata scrittrice proprio in quella calda giornata di marzo.

  • User Icon

    PAOLA RINALDI

    24/06/2016 10:53:08

    Non so se sia un capolavoro, perché spesso si abusa di termini di questo tipo, certo è che non leggevo da tempo un romanzo così perfetto nella struttura, nella lingua e nella storia. Quale storia? Quale amore? Ecco, il romanzo per me sta tutto o quasi in questa domanda.Eros e Thanatos, funzione e realtà, apparenza e verità. Il libro è breve e vale la pena rileggerlo per trovarci ogni volta un romanzo nuovo. A cominciare da quelle tre parole citate nella prima pagina bianca che contengono, di fatto, l'intero romanzo e che sicuramente tutti riconoscerete. Non soffermarsi troppo sui nomi delle cose, che sono puri accidenti, per andare a cercare il cuore più vero delle cose, modulando le espressioni nostre su di esso: queste le regole per il lettore, ma anche per lo scrittore (o la scrittrice, vedremo). Tra le tante scene che Jane vive, ha vissuto, avrebbe potuto vivere, c'è la sua passione per Joseph Conrad, il cui Cuore di Tenebra sembra uscito da casa Nietzsche e racchiude tutto l'Ottocento: mi pare che Graham Swift sia quasi profondo quanto lui. Ma senza la drammaticità. Perché Un giorno di festa è storia di rinascita e di vittoria, nonostante tutto e su tutto. Una grande gioa è leggere questo romanzo, davvero

  • User Icon

    Lucia M

    20/06/2016 12:44:23

    Molto bello e intenso questo romanzo. Una storia d'amore: amore verso se stessi, amore tra jane e paul e amore per la letteratura. Un bel ritratto di donna che ha saputo gestire la sua vita con successo.

Vedi tutte le 7 recensioni cliente
  • Graham Swift Cover

    Graham Swift è nato a Londra nel 1949, e ha studiato a Cambridge. Nel 1996 ha vinto il James Tait Black Memorial Prize e il Booker Prize con Ultimo giro (Feltrinelli 1999). Nel 1987 ha vinto il Premio Grinzane Cavour con Il paese dell’acqua (BEAT 2016), considerato uno dei migliori romanzi britannici del secondo dopoguerra. Nel 2017 esce Un giorno di festa. Ed. speciale per Neri Pozza. Alcuni suoi libri sono diventati celebri film, come L’ultimo bicchiere, con Michael Caine e Bob Hoskins, tratto da Ultimo giro, e Il paese dell’acqua, con Jeremy Irons, tratto dall’omonimo romanzo. Approfondisci
| Vedi di più >
Note legali