Un giorno questo dolore ti sarà utile

Peter Cameron

Traduttore: G. Oneto
Editore: Adelphi
Collana: Gli Adelphi
Edizione: 1
Anno edizione: 2010
Formato: Tascabile
In commercio dal: 9 giugno 2010
Pagine: 206 p., Brossura
  • EAN: 9788845925023
pagabile con 18App pagabile con Carta del Docente

Articolo acquistabile con 18App e Carta del Docente

Approfitta delle promozioni attive su questo prodotto:
Disponibile anche in altri formati:
Usato su Libraccio.it - € 5,40
Descrizione
James ha 18 anni e vive a New York. Finita la scuola, lavoricchia nella galleria d'arte della madre, dove non entra mai nessuno: sarebbe arduo, d'altra parte, suscitare clamore intorno a opere di tendenza come le pattumiere dell'artista giapponese che vuole restare Senza Nome. Per ingannare il tempo, e nella speranza di trovare un'alternativa all'università ("Ho passato tutta la vita con i miei coetanei e non mi piacciono granché"), James cerca in rete una casa nel Midwest dove coltivare in pace le sue attività preferite - la lettura e la solitudine -, ma per sua fortuna gli incauti agenti immobiliari gli riveleranno alcuni allarmanti inconvenienti della vita di provincia. Finché un giorno James entra in una chat di cuori solitari e, sotto falso nome, propone a John, il gestore della galleria che ne è un utente compulsivo, un appuntamento al buio...

€ 8,50

€ 10,00

Risparmi € 1,50 (15%)

Venduto e spedito da IBS

9 punti Premium

Disponibilità immediata

Quantità:

Altri venditori

Mostra tutti (4 offerte da 10,00 €)

 
 
 

Recensioni dei clienti

Ordina per
  • User Icon

    Fabrizio

    23/09/2018 13:06:36

    Il titolo sornione mi ha fatto allungare la mano, perché un titolo quando ti parla e ti capisce allora non va sottovalutato. É rimasto in libreria fino a che un dolore lo stavo effettivamente espletando, allora convinto di imbattermi in un discorso di auto-aiuto l'ho aperto. Il libro non è chiaramente un libro di auto-aiuto, è anzi una narrativa scaltra e ritmata che scandisce la vita prima del college di un ragazzo della New York bene, diviso tra lo studio d'arte della madre e lo studio di avvocati del padre. Un giovane che non pensa come i suoi coetanei, come lo sono in molti ma si fa fatica ad ammetterlo, e preferisce all'idea di andare in Università quella di trasferirsi in uno stato molto più rurale e nutrirsi di libri. Una famiglia che non lo accetta e si preoccupa per lui mentre lui ci da chiara dimostrazione di poter cavarsela benissimo da solo. Ma forse qui si cela l'errore del suo ragionamento, essere soli. Il libro racchiude una grande piccola lezione riguardo alla percezione di noi stessi, a quella degli altri, alla percezione del tempo, e una critica alla società post-11 settembre che ancora più di prima ci vuole risoluti ad un'età in cui invece bisognerebbe maturare alla luce dell'esperienza e degli errori. E di questo si ringrazia la migliore amica di James, la sua mitica nonna.

  • User Icon

    angela

    22/09/2018 17:06:19

    Un giorno questo dolere ti sarà utile è in assoluto il mio libro preferito. Credo che qualsiasi ragazzino amante dei libri e della tranquillità saprebbe riconoscersi nei panni del protagonista. In questo libro il tema del benessere psicologico viene trattato in maniera eccellente. Come anche il tema della solitudine, della voglia di sentirsi soli e isolati da tutto. Ho amato leggere del protagonista e del rapporto con sua nonna, si sente molto l’affetto che provano entrambi l’uno verso l’altro

  • User Icon

    vale

    22/09/2018 13:13:38

    Sebbene non sia amante del genere young adult, devo ammettere che l'ho trovata una lettura piacevole. Il romanzo si concentra nel periodo successivo alla fine della scuola superiore, quando i ''giovani adulti'' sono chiamati ad essere parte attiva della società. James, si trova di fronte ad un bivio: frequentare l'università o trasferirsi in un luogo più isolato e coltivare autonomamente le sue passioni?

  • User Icon

    Andrea

    22/09/2018 08:05:26

    Ho acquistato questo libro per un gruppo di lettura, inutile dire che appena iniziato non sono riuscito a posarlo prima della fine, divorato in pochissimi giorni. La storia di un ragazzo "diverso" che ha difficoltà a relazionarsi con persone della sua stessa età; un inno ai problemi del crescere e dell'adolescenza, del sentirsi un pesce fuor d'acqua ovunque, quel particolare periodo della vita così breve ma così importante e critico in cui si può essere tutto in potenza ma consapevoli che le scelte e le esperienze che si faranno in questo periodo ti segneranno per tutta la vita e ti formeranno come persona. consigliatissimo a chiunque ma specialmente ai ragazzi delle superiori.

  • User Icon

    silvia

    21/09/2018 16:13:01

    Un bel libro, fa riflettere e indigna nel modo giusto. James è un ragazzo introverso, ma intelligente e gran conoscitore della razza umana. Cameron descrive bene il malessere di James, la sua incapacità di adattarsi alle situazioni, il fastidio per l’imprecisione mondiale e l’uso scorretto delle parole. Involontariamente, il lettore, spiando questo ragazzo dotato di un’intelligenza superiore alla media, s’innamora del silenzio, perché a volte è davvero meglio tacere, le parole non pronunciate sono idee innocenti, una volta espresse ad alta voce diventano ingestibili, e James lo sa bene, è il suo mantra. Seguire il protagonista è faticoso, ci si perde nel turbinio dei suoi ragionamenti, si alternano concetti artefatti a pensieri spogli di qualsiasi montatura, nudi e crudi; si respira pessimismo e depressione, a volte semplicemente ci si imbatte nella verità e la si accetta. Sfogliando queste pagine, si getta uno sguardo alla complessità della mente umana. Il ritmo del libro è lento e non c’è azione. Sono le confessioni di James che tengono alto l’interesse, si sente il desiderio di tendere una mano per strapparlo a quelle pagine grigie, donargli colore e calore. Si arriva alla fine della lettura speranzosi di risolvere le questioni aperte lungo il tragitto, ma non è così. L’autore non spiega fino in fondo dei punti importanti, lascia un senso di incompiuto e di fastidio per la poca chiarezza. Non ci si può buttare con anima e corpo in una lettura, provando determinate sensazioni, soffrire o gioire e poi essere abbandonati a se stessi. Nonostante la delusione per il mancato chiarimento, consiglio a tutti la lettura di questo libro, non semplicissimo, ma umano.

  • User Icon

    Arianna Zargar

    19/09/2018 07:34:06

    Ho adorato il protagonista sin dalla prima pagina, perché tutti, chi più chi meno, ci siamo sentiti come James.

  • User Icon

    Carmela

    19/09/2018 07:10:40

    Ho amato questo libro. Riletto e consigliato perché mi ha emozionato. Ne apprezzo la chiarezza e la trama.

  • User Icon

    Holden

    17/09/2018 23:17:01

    Il libro è paragonato spesso a Il giovane Holden di Salinger, ed è vero, non si può leggerlo senza pensarvi: l’ambientazione è New York, la stessa, nessuno dei due sembra trovarsi a suo agio nel luogo in chi è, e vi è addirittura il discorso con una persona più grande e più saggia di loro – il professore per Holden e la nonna per James – prima della svolta, ma allo stesso tempo sono molto diversi. Mentre Holden rifugge dal mondo adulto perché consapevole della loro corruzione, James per gran parte del romanzo è convinto che frequentare gli adulti sarebbe più conveniente. Il primo ama la famiglia, soprattutto la sorellina, mentre in Un giorno questo dolore ti sarà utile il protagonista ci presenta il rapporto complicato che ha con ognuno dei membri della sua. In generale nel loro anticonformismo considero quello di Holden molto più positivo di quello di James, che a confronto sembra proprio senza scampo. Tutto ciò che il lettore vorrebbe fare è entrare nel romanzo e offrirgli una spalla, ma sa bene che lui non l’accetterebbe. La lettura scorre molto velocemente complice una scrittura molto semplice e un flusso di pensieri che induce a seguirlo. Inoltre James – talvolta anche la nonna – ci offre ottimi spunti di riflessioni su cose cui, magari, nemmeno facciamo caso; perché lui è fatto così, nello sfuggire alla quotidianità e al mondo attorno si nasconde nelle cose a cui nessuno presta attenzione o che qualcuno troverebbe stupide. Lui è fin troppo sveglio, e non gli giova. Non ai livelli di Salinger, ma una lettura che vale la pena fare, nonostante il finale fin troppo frettoloso e un po’ contraddittorio in alcuni punti.

  • User Icon

    Anna

    17/09/2018 21:32:15

    Ho terminato questo libro per inerzia, anche perché già dalle prime pagine ho capito che io e il protagonista non saremmo andati d'accordo. James ha 18 anni ed è un disadattato sociale, niente amici, niente aspirazioni, niente relazioni amorose. Quindi, vi chiederete, di cosa parla "Un giorno questo dolore ti sarà utile?" La risposta è : di nulla. Questo romanzo è tutto un susseguirsi di racconti delle sedute di James dalla psicoterapeuta, litigi con la madre pluridivorziata e incontri con una nonna un po' particolare. Insomma, il romanzo di Peter Cameron prosegue sulla falsa riga de "Il giovane Holden" che neanche mi aveva entusiasmata, sempre per l'astio da subito provato nei confronti del protagonista. Ho sperato e aspettato invano che James decidesse di suicidarsi mettendo la parola fine alla sua vita vuota, ma ahimè neanche questo mio desiderio è stato esaudito. Caro Cameron, non so se ci incontreremo di nuovo, ma per adesso posso dirti che non mi hai convinta per niente.

  • User Icon

    Roberto A.

    01/03/2018 21:24:11

    Questo romanzo di formazione offre molti spunti di riflessione su alcune tematiche importanti, come ad esempio l'omosessualità, il rapporto tra fratelli, l'effetto che il divorzio ha sui figli, specie se adolescenti e le possibili difficoltà relazionali a quest'età. Ho votato quattro stelle su cinque perché nonostante sia ricco di particolari e scritto in modo semplice, non è stata ben chiarita la questione di John. Consiglio questo libro a tutte le persone riflessive a cui piacciono i romanzi di formazione

  • User Icon

    Nora

    27/02/2018 06:52:54

    Questo libro mi è piaciuto abbastanza, la storia è particolare ma in certi tratti parla di aspetti tipici degli adolescenti in cui spesso mi imbatto. Quello che non mi è piaciuto sono stati i momenti in cui la narrazione era lenta , quasi pesante. Consiglio questo testo alle persone più introspettive che amano la riflessione.

  • User Icon

    Marta v

    27/02/2018 06:47:22

    Il libro mi è piaciuto molto, fa riflettere su varie tematiche tra cui l'adolescenza, i rapporti familiari e l'omosessualità. Forse però alcuni fatti narrati sono inutili e a volte anche troppo pesanti. Consiglio questo libro agli adolescenti.

  • User Icon

    Valentine

    27/02/2018 06:33:27

    Se devo essere sincera inizialmente questo libro non mi aveva presa più di tanto, lo trovavo molto lento e molto lontane da quello che io personalmente pensavo. Successivamente però ho incominciato a più, scoprendo che questo libro tratta si numerosi punti di rifelssione come l’omosessualità, la visione del mondo di una persona molto diversa da noi e la situazione si una famiglia poco stabile. Lo consiglio soprattutto a tutti gli adolescenti.

  • User Icon

    Francesca

    27/02/2018 06:24:30

    Questo libro mi è piaciuto molto perché ha affrontato delle tematiche attuali e molto importanti come l’omosessualita e l’adolescenza. Mi sono ritrovata in alcuni comportamenti di James in quanto sono tipici dell’adolescenza e lo consiglierei ai ragazzi ma non solo.

  • User Icon

    Anna Rita

    26/02/2018 20:47:52

    Libro singolare che si legge fluentemente e in poco tempo che tratta di temi interessanti come l'omosessualità ,il divorzio e l'adolescenza raccontati attraverso la vita di James,un ragazzo disadattato , restio nell'instaurare relazioni umane . Questo libro non mi è piaciuto in particolar modo ,sia per l'ambientazione che ritengo inadatta e nella quale non sono riuscita ad immergermi ,sia per il contesto generale , la conclusione dell'intero romanzo che non mi ha trasmesso un messaggio davvero significativo.

  • User Icon

    flavia

    26/02/2018 20:30:34

    Questo libro permette riflessioni su molte tematiche differenti come l’omosessualità, le relazioni con la società, la conseguente instaurazione di rapporti sociali e il legame con la famiglia. Nonostante ciò credo che il modo di James di relazionarsi con chi gli sta accanto sia in certi momenti seccante e questo non agevola la lettura del libro. Inoltre non ho apprezzato il fatto che alle varie situazioni che si sono create nel corso della storia non venga data una conclusione, ma rimangano irrisolte.

  • User Icon

    flavia

    26/02/2018 20:24:52

    Questo libro permette numerose riflessioni su diverse tematiche come l’omosessualità, l’integrazione con la società, la conseguente instaurazione di rapporti sociali e il legame con la famiglia. Nonostante ciò, credo che il modo di James di relazionarsi con chi gli sta accanto sia in certi momenti seccante e questo non ha agevolato la lettura del libro. Inoltre non ho apprezzato il fatto che a tutte le situazioni che si sono create non venga data una conclusione, ma rimangono per la maggior parte irrisolte.

  • User Icon

    silvia

    26/02/2018 20:22:50

    E' un libro molto bello, che tratta in modo dettagliato alcuni temi adolescenziali e che offre molti spunti di riflessione. La lettura è scorrevole, piacevole e semplice. Mi è piaciuto soprattutto il modo in cui lo scrittore permette a chi legge di vedere il mondo con gli occhi del personaggio e di immedesimarsi nei suoi panni. Lo consiglio ma sono rimasta delusa dal finale che lascia in sospeso alcuni aspetti della storia.

  • User Icon

    Beatrice

    26/02/2018 19:30:02

    Ho trovato questo libro davvero molto interessante, soprattutto per le importanti tematiche affrontate, tra cui l’omosessualità e le problematiche adolescenziali. Non è impegnativo, e la storia del protagonista è abbastanza chiara. Questo libro mi è molto piaciuto, tuttavia avrei preferito che si concludesse in maniera migliore, senza lasciare argomenti e punti in sospeso. La sua lettura è adatta sia agli adolescenti, che possono rispecchiarsi nella situazione del protagonista, che ai genitori perché permette loro di capire meglio le dinamiche adolescenziali.

  • User Icon

    Elena

    26/02/2018 19:02:17

    Un libro molto interessante, presenta alcune delle problematiche e punti interrogativi principali dell’adolescenza. Non ho apprezzato fin da subito l’articolatissima personalità di James e solo proseguendo con la lettura del testo ho potuto farmene un’idea più precisa e completa. Avrei preferito un finale differente per quanto riguarda la relazione con John anche se si è rivelata essenziale per evidenziare come il protagonista non riuscisse a stringere rapporti sociali fluidamente forse per anche paura del confronto con gli altri( ad eccezione della nonna che però non l’ha mai messo in discussione).

Vedi tutte le 125 recensioni cliente (dalla più recente) Scrivi una recensione