Gioventù. Scene di vita di provincia - J. M. Coetzee - copertina
Salvato in 4 liste dei desideri
disponibile in 3 gg lavorativi disponibile in 3 gg lavorativi
Info
Gioventù. Scene di vita di provincia
10,00 €
;
LIBRO
Dettagli Mostra info
Gioventù. Scene di vita di provincia Venditore: Libreria Internazionale Romagnosi snc + 7,60 € Spese di spedizione Solo 2 copie disponibili
Chiudi
Altri venditori
Prezzo e spese di spedizione
Libreria Internazionale Romagnosi snc
10,00 € + 7,60 € Spedizione
Disponibile in 3 gg lavorativi Disponibile in 3 gg lavorativi
Info
Nuovo
ibs
9,50 € Spedizione gratuita
Disponibile in 7 settimane Non disponibile
Info
Nuovo
Altri venditori
Prezzo e spese di spedizione
Libreria Internazionale Romagnosi snc
10,00 € + 7,60 € Spedizione
Disponibile in 3 gg lavorativi Disponibile in 3 gg lavorativi
Info
Nuovo
ibs
9,50 € Spedizione gratuita
Disponibile in 7 settimane Non disponibile
Info
Nuovo
Altri venditori
Prezzo e spese di spedizione
Chiudi

Tutti i formati ed edizioni

Nome prodotto
13,30 €
Chiudi
Gioventù. Scene di vita di provincia - J. M. Coetzee - copertina
Chiudi
Chiudi

Promo attive (0)

Dettagli

2007
Tascabile
28 febbraio 2007
178 p.
9788806187651

Valutazioni e recensioni

4,16/5
Recensioni: 4/5
(8)
Scrivi una recensione Scrivi una recensione
5
(3)
4
(2)
3
(3)
2
(0)
1
(0)
Michael Moretta
Recensioni: 4/5

La seconda parte della trilogia di Coetzee, "Scene di vita di Provincia", abbraccia tre anni della vita dell'autore. Il libro ci racconta il periodo inglese di Coetzee, che comincia a 21 anni. Lo avevamo lasciato studente tredicenne e lo ritroviamo all'università di matematica di Città del Capo. Lavora come aiuto bibliotecario e si è finalmente affrancato dalla opprimente presenza di sua madre, per la quale continua a provare sentimenti conflittuali di amore ed odio. Comincia anche a vivere le sue prime serie relazioni sentimentali, che si rivelano essere tutte dei disastri. Ossessionato dall'idea di scrivere poesie e di diventare un artista parte per l'Inghilterra e trova lavoro come programmatore alla Ibm. Ben presto Coetzee capisce di non essere adatto a Londra, e forse di non essere nemmeno destinato ad essere un poeta, e tantomeno un artista. La monotonia del lavoro distrugge ogni sua vena artistica e la routine della vita londinese uccide sul nascere le poche ispirazioni che gli vengono. Gli inglesi non lo apprezzano ed anzi lo considerano alla stregua di un intruso. Decide allora di licenziarsi e di andare a lavorare per un'altra azienda ma le cose non migliorano. Anche questa seconda parte è molto cupa e triste. Ci mostra un ragazzo che continua ad apparire inadatto alla vita adulta....pessimo amante, pessimo scrittore, pessimo nelle relazioni interpersonali, incapace di portare a termine un compito. Lui stesso ammette di assomigliare di più ad un bambino che ad un adulto ed è ben evidente la lacerante lotta tra ciò che vorrebbe essere e ciò che invece è. La presunzione di essere speciale si trasforma in consapevolezza di essere uno dei tanti. Libro molto interessante, non facile, angosciante, triste, cupo. E lo stile di Coetzee è incredibile poiché con brevi frasi e con moltissime domande ci rende perfettamente l'idea dello stato di inadeguatezza, di sofferenza, di sconfitta che ha vissuto in tutto questo periodo di permanenza a Londra.

Leggi di più Leggi di meno
francesco v
Recensioni: 3/5

Un libro meraviglioso rovinato da uno stile narrativo a tratti insopportabile. La scelta di un io narrante in terza persona e la serie infinita di frasi interrogative rendono la lettura pesante e distante. Peccato

Leggi di più Leggi di meno
paolo
Recensioni: 4/5

Questa è la storia di tutti quelli che hanno un diario, un romanzo, un manoscritto nel cassetto e che vorrebbero una vita che non è quella che vivono. Coetzee mette in scena il suo stesso apprendistato morale, il suo incontro - scontro con il cinismo dell'esistenza, non nascondendo nulla, fino ai limiti dell'autoflagellazione psicologica. Il giovane John vive come su un ring, ed è un grande incassatore: riceve, usando forse troppo poco la guardia, i pugni di un destino che lo trascina sempre più lontano da quell'esistere consacrato all'arte ed all'amore che abita i suoi sogni fin dall'adolescenza sudafricana. Il trasferimento a Londra sembra preludere per lo meno ad un avvicinamento all'ideale agognato, ma qui cominciano i colpi duri: ogni brutta poesia scritta, ogni triste serata passata a giocare a scacchi da solo, ogni squallida relazione conclusa fuggendo sembrano affondarlo sempre più nella mediocrità per la quale, pur sentendone il comodo fascino, prova orrore, ma al pari del "coniglio" di Updike, si rialza e va avanti. La sua principale occupazione è un impietoso e inarrestabile scandagliamento della coscienza, alla ricerca affannosa dei tratti del poeta, ma nella rete restano invece impigliati i preoccupanti indizi dell'inerzia, dell'attrazione per il rassicurante "ceto medio" del quale teme di far sempre più parte con quello strano ma tranquillo lavoro di programmatore di computer nella grande multinazionale. "E se fosse quello il mio vero destino?" si chiede un John angosciato, constatando ogni sera la sua invincibile stanchezza di fronte alle pagine bianche dei quaderni che vorrebbere riempire di versi immortali. La mediocrità non lascia tracce, ma emana un tepore attraente. Sappiamo che Coetzee poi ce l'ha fatta, a fare dell'arte la sua vita, e questo romanzo, che pure si chiude senza catarsi consolatoria, ne è una prova. Peccato per qualche eccesso retorico e qualche lungaggine nella seconda parte, ma si rasenta il capolavoro.

Leggi di più Leggi di meno
Chiudi

Recensioni

4,16/5
Recensioni: 4/5
Scrivi una recensione Scrivi una recensione
5
(3)
4
(2)
3
(3)
2
(0)
1
(0)

Conosci l'autore

J. M. Coetzee

1940, Città del Capo

John Maxwell Coetzee è uno scrittore sudafricano di lingua inglese, ma di discendenza afrikaner. Nel 2003 viene insignito del Premio Nobel per la Letteratura.Nelle sue opere narrative ha attaccato il sistema dell'apartheid e condannato il colonialismo nei suoi vari esempi storici, trovando il giusto equilibrio tra esigenza di denuncia e attenzione alle necessità tecniche ed estetiche del romanzo. Il suo esordio letterario avviene nel 1974 con Deserto, al quale fanno seguito Nel cuore del paese (1977), Aspettando i barbari (1980), Storia di una fattoria africana (1983), Foe (1986).Coetzee esplora nuovi territori letterari con Il Maestro di Pietroburgo (1994), Torna all’attualità con il romanzo Vergogna (1999, vincitore del Booker Prize; pubblicato in Italia nel...

Chiudi
Aggiunto

L'articolo è stato aggiunto al carrello

Cerca Cerca
Cerca
Chiudi

Chiudi

Siamo spiacenti si è verificato un errore imprevisto, la preghiamo di riprovare.

Chiudi

Verrai avvisato via email sulle novità di Nome Autore