Traduttore: M. Attardo Magrini
Editore: Garzanti Libri
Edizione: 2
Anno edizione: 2006
Formato: Tascabile
Pagine: 225 p., Brossura
  • EAN: 9788811676928

26° nella classifica Bestseller di IBS Libri - Biografie - Memorie

Approfitta delle promozioni attive su questo prodotto:

€ 10,20

€ 12,00

Risparmi € 1,80 (15%)

Venduto e spedito da IBS

10 punti Premium

Disponibile in 3 gg lavorativi

Quantità:
Aggiungi al carrello

Recensioni dei clienti

Ordina per
  • User Icon

    Fabrizio Porro

    13/07/2012 23:28:33

    «Nel giugno del 1942, a Leopoli, in circostanze insolite, una giovane SS che stava per morire mi confessò i suoi delitti. Voleva morire in pace, mi disse, dopo avere ottenuto il perdono da un ebreo. Ritenni di dover rifiutarglielo. Questa vicenda continua a tormentarmi. Così decisi di fissarla per iscritto, e alla fine del mio racconto rivolgo la domanda che ancor oggi merita una riposta, per il suo significato politico, filosofico e religioso: ho avuto ragione o torto negando il perdono?». Infine decide di raccontare quella vicenda (e lo fa con grande intensità) per chiedere a se stesso e ad altri testimoni e intellettuali se ha commesso un errore, negando il perdono. Nasce così Il girasole, pubblicato per la prima volta nel 1970 e ora arricchito da nuovi contributi: l'angosciata domanda di Wiesenthal suscita una riflessione collettiva sul tema del perdono da parte di filosofi, storici e teologi.

  • User Icon

    monica

    10/02/2012 08:33:15

    Io sono ebreo e come tale destinato all'annientamento tu sei un giovane SS, sei diventato un assassino per scelta e ora mi chiedi perdono per il dolore inguaribile che hai inflitto al mio popolo. Hai commesso un crimine orrendo, indimenticabile, ma quando morirai avrai il tuo girasole sulla tua tomba, io invece sono destinato a passare per il camino nessuna tomba nessun girasole saro' solo cenere da concime. A me, che guardo la morte in faccia ogni giorno chiedi perdono, ma sono io quello che puo' perdonare a nome di tutto il mio popolo i crimini da te commessi? Ci avete sterminati a milioni e milioni, nessun perdono per l'ebreo, io invece da ebreo non mi capacito, non so se ho fatto la cosa giusta negando il perdono ad un uomo morente. Un libro meraviglioso, Simon chiede aiuto a chiunque sia in grado di ascoltarlo, a chiunque sia in grado di comprendere questo suo dilemma. Bellissime le lettere che gli pervengono da ogni parte del mondo per poter confortare Simon, per poterlo aiutare a sciogliere questo suo nodo che gli stringe la gola.

  • User Icon

    claudia70

    28/09/2007 12:19:30

    Bellissimo! Lucida disamina degli interrogativi, e dei sentimenti ad essi legati, che un uomo si pone di fronte ad una domanda fondamentale: può un uomo concedere il perdono a nome di un popolo? Molto interessante la diversa risposta che danno i rappresentanti di diverse religioni.

Scrivi una recensione