Giungla d'asfalto

The Asphalt Jungle

Con la tua recensione raccogli punti Premium
Titolo originale: The Asphalt Jungle
Regia: John Huston
Paese: Stati Uniti
Anno: 1950
Supporto: DVD
Salvato in 32 liste dei desideri

€ 12,99

Punti Premium: 13

Venduto e spedito da IBS

Quantità:
DVD

Altri venditori

Mostra tutti (9 offerte da 9,99 €)

In una grande città, dominata dalla lotta per la ricchezza, alcuni gangster preparano ed eseguono meticolosamente un grosso furto in una gioielleria. Il colpo riesce, ma subito dopo, per un concorso di fatalità minime, tutti i rapinatori vengono catturati o uccisi. Il film ha avuto vari rifacimenti.
5
di 5
Totale 3
5
3
4
0
3
0
2
0
1
0
Scrivi una recensione
Con la tua recensione raccogli punti Premium
  • User Icon

    miss virgie

    14/06/2018 08:36:45

    Un film, ancorché datato, ancora apprezzabile fedele al romanzo di Burnett sia nelle ambientazioni che nei caratteri dei protagonisti, tutti affidati ad attori di fama e perfetti per nelle parti loro assegnate. La mitica Marilyn vi appare in una particina nella quale, più che per la capacità recitativa, spicca per la bellezza fisica e per le impeccabili (e invidiabili) toilettes

  • User Icon

    Michele Bettini

    26/01/2014 21:55:40

    In una grande città della opulenta America piena di soldi che si spendono in fretta e non si guadagnano col sudore, la gente si arrangia, con le sale da gioco, la rapina, le escort, la ricettazione, l'usura, la falsa immagine. Nulla che abbia a che vedere col lavoro utile alla società. Almeno questa è la metropoli. La polizia fatica a far fronte alla malavita, specie se i gangster hanno modi civili e sociali, perché la differenza tra il bene e il male non appare riconoscibile. Molti uomini privi di un vero mestiere si mettono insieme per ottenere un ingiusto profitto. Ci stanno dentro perfino donne innocue, attente solo al proprio benessere, che non si domandano da dove provengano i dollari. Entrano nel gioco anche un detective, un poliziotto e un avvocato penalista che deve la propria fortuna nell'aver assistito chi non riga dritto, che dopo aver dissipato ogni risorsa anche lui non regge alla tentazione d'infrangere le regole della convivenza. Al cervello del colpo non sono bastati sette anni di galera, perché se tutto va bene conta di rifarsi e, come al solito, andarsi a godere quanto realizzato dalla vendita della refurtiva in Messico. Ma i nodi vengono al pettine, anche le rare volte in cui i protagonisti non sono malati e cercano di andare d'accordo. Un poliziesco insuperabile e insuperato, interpretazioni e doppiaggi da fare invidia, caratteristi divertenti, donne fragili, uomini in cerca d'affermazione, tutti al massimo. Niente che abbia a che vedere con le porcherie di oggi, prodotte da menti malate per un pubblico malato pigro e rassegnato. Non basta vederlo una sola volta, perché ad ogni ripasso si acquisisce da una trama perfetta qualche cosa che prima era sfuggita. Le garbate e misurate sequenze non cadono mai nel ridicolo e nell'improbabile. In una tragedia collettiva non è necessario il verismo. Il pubblico è trattato con rispetto, consentendogli un congruo distacco. E' riduttivo e inappropriato definire NOIR questo CAPOLAVORO.

  • User Icon

    by Ax

    27/04/2012 21:10:44

    Bellissimo film, in cui tutti gli elementi che hanno fatto del noir un genere di punta di quegli anni si incastrano alla perfezione per poi virare verso il drammatico, e capaci di mantenere l'intensità necessaria per non perdere l'attenzione dello spettatore. Ottima la regia, che asciuga la sceneggiatura all'essenziale, caloroso il bianco e nero, e molto credibili gli attori, in grado di dar corpo a personaggi senza tracciare quella ipotetica linea netta che divide il bene dal male.

1950 - Mostra d'arte cinematografica di Venezia - Miglior attore (Coppa Volpi) - Jaffe Sam

  • Film in bianco e nero
  • Produzione: A & R Productions, 2011
  • Distribuzione: A & R Productions
  • Durata: 112 min
  • Lingua audio: Italiano (Dolby Digital 2.0 - stereo);Inglese (Dolby Digital 2.0 - stereo)
  • Lingua sottotitoli: Italiano
  • Formato Schermo: 1,37:1
  • Area2
  • John Huston Cover

    "Regista e sceneggiatore statunitense. Terminata la scuola superiore, si dedica prima alla carriera militare, poi al giornalismo e contemporaneamente alla boxe, nella categoria dei medi leggeri. Pubblica quindi un libro di racconti, American Mercury, per lo più ambientato nel milieu pugilistico, e scrive anche una commedia, Frankie and Johnny, denotando una certa attitudine alla narrazione. Per questo il padre, l'attore Walter H., forse perplesso per il suo turbolento spirito d'avventura, lo spinge a dedicarsi alla recitazione, e lo introduce nell'ambiente teatrale. Nel 1931 collabora così alla sceneggiatura di un film interpretato dal padre, La sposa della tempesta, diretto da W. Wyler. Assunto dalla Warner Bros, scrive o collabora alla sceneggiatura di vari film, tra i quali La figlia del... Approfondisci
  • Sterling Hayden Cover

    Nome d'arte di S. Relyea Walter, attore statunitense. Alto, possente, dotato di una voce roca e di un viso impenetrabile, è celebre per i suoi ruoli da duro e per i suoi modi spicci. Dopo l'esordio in Passaggio a Bahama (1941) di E.H. Griffith, comincia a recitare con grande regolarità, ma è nel 1950 che la sua carriera vive l'attimo decisivo: è infatti protagonista di Giungla d'asfalto di J. Huston, film che lo consacra come uno degli attori più apprezzati a Hollywood, molto richiesto per film western o d'azione (nonostante un momento di difficoltà dovuto al coinvolgimento nelle indagini della commissione McCarthy). Seguono importanti ruoli in Johnny Guitar (1954) di N. Ray, Rapina a mano armata (1956) di S. Kubrick e una pausa di riflessione alla fine del decennio. H. torna al cinema scegliendo... Approfondisci
  • Sam Jaffe Cover

    Attore statunitense. Dopo gli inizi in teatro, ha un ruolo significativo nel delirante e barocco L'imperatrice Caterina (1934) di J. von Sternberg, a fianco di M. Dietrich. Questo brillante esordio è l'inizio di una impegnativa carriera cinematografica, ricca di numerosissime caratterizzazioni di rilievo. Viene diretto da registi quali F. Capra (Orizzonte perduto, 1937), E. Kazan (Barriera invisibile, 1947), J. Huston (Giungla d'asfalto, 1950, in una breve ma sensazionale parte accanto alla Monroe), W. Wyler (Ben-Hur, 1959). Oltre al cinema non trascura il teatro e si concede qualche intermezzo televisivo. Approfondisci
  • Louis Calhern Cover

    Nome d'arte di Carl Henry Vogt, attore statunitense. Protagonista in teatro grazie alla prestanza fisica e alla bella voce, esordisce nel cinema nel 1921 e lavora in oltre settanta film, soprattutto in ruoli da comprimario. Ambizioso ambasciatore di Sylvania in La guerra lampo dei fratelli Marx (1933) di L. McCarey, impersona il capitano Prescott in Notorious - L'amante perduta (1946) di A. Hitchcock. Nominato all'Oscar per The Magnificent Yankee (Il magnifico Yankee, 1950) di J. Sturges, già interpretato a Broadway, è l'avvocato connivente in Giungla d'asfalto (1950) di J. Huston e l'imperatore in Giulio Cesare (1953) di J.L. Mankiewicz. Muore d'infarto sul set di La casa da tè alla luna d'agosto (1956) di D. Mann. Approfondisci
Note legali