Give a Glimpse of What Yer not

Artisti: Dinosaur Jr.
Supporto: Vinile LP
Numero dischi: 1
Etichetta: Jagjaguwar
Data di pubblicazione: 5 agosto 2016
  • EAN: 0656605228518
Disponibile anche in altri formati:

€ 26,50

Venduto e spedito da IBS

27 punti Premium

Disponibile in 10 gg

Quantità:
Aggiungi al carrello
Descrizione


Considerate le scorrevolezze, le jangly ballad, al puzzle mancherebbero giusto l’afflato più confusionale e noise della band di Amherst, anche se poi i pedali non mancano di emettere vortici sonori, soprattutto nella parte degli assolo - Blow Up

L’ennesimo episodio fastidiosamente impeccabile di una discografia senza una falsa nota, quella di J Mascis, poco importa se a nome Dinosaur Jr o meno - Rumore

‘Give a Glimpse of What Yer Not’ segna il passaggio di testimone tra il passato e il futuro della mitica band nord americana, senza snaturare quel mitico trio formato da J Mascis alla chitarra, Lou Barlow al basso e Murph alla batteria. Degli 11 brani del nuovo lavoro ben 9 sono firmati da J Mascis, vera e propria icona del rock alternativo americano. J oramai si divide tra vari progetti – pensate alla carriera solista, gli Sweet Apple, gli Witch e gli Heavy Blanket – ma riesce ancora a dare il meglio di se quando è in studio per lavorare sul materiale dei suoi immortali Dinosaur Jr. Il sound della band è riconoscibile tra mille e brani come le nuove ‘Tiny’ e ‘Going Down’ vi ricorderanno per quale motivo ancora oggi non potete fare a meno del sound immortale di questo trio. Il nuovo album è per J, Lou e Murph l’occasione di riabbracciare i fan di vecchia data e incontrarne di nuovi. L’album è stato realizzato come un ponte tra il pubblico degli anni ’80 e quello del nuovo indie rock. Per promuovere il nuovo lavoro i Dinosaur Jr. hanno chiamato all'appello due testimonial d’eccezione: Henry Rollins, eroe della scena indipendente degli anni ’80 e ’90, e Kurt Vile.

Disco 1
  • 1 Goin' Down
  • 2 Tiny
  • 3 Be a Part
  • 4 I Told Everyone
  • 5 Love Is...
  • 6 Good to Know
  • 7 I Walk for Miles
  • 8 Lost All Day
  • 9 Knocked Around
  • 10 Mirror
  • 11 Left/right

Ok, questo è un disco bellissimo. Giuro. E non lo dico solo perché sono un nostalgico del cazzo e i Dinosaur Jr sono stati uno dei gruppi che meglio ha scandito la mia adolescenza fino ad accompagnarmi all’età adulta.
Il motivo non è quello e vi prego di credermi: Give a Glimpse of What Yer Not è un disco figo anche se si hanno solo vent’anni e un po’ di curiosità per capire com’è che va affrontata quella faccenda che una volta si chiamava indie rock e adesso pure, anche se non è più la stessa cosa. Perché non è più la stessa cosa, lo sappiamo, e quella che un tempo era di moda chiamare musica alternativa ora è diventata il classic rock dei nostri figli, roba fuori moda, che non rappresenta lo spirito del momento, ma pure terribilmente genuina e onesta.
E se in giro per il mondo continuano a esistere gruppi di ventenni che vanno in sala prove con l’idea di suonare questa roba e poi finire regolarmente a calcare i palchi dei grandi festival del globo, il merito è proprio anche di gente come i Dinosaur Jr. Gente che aveva smesso di suonare insieme ed è tornata a farlo più o meno per soldi e che poi non si è più fermata. Da quando J Mascis, Lou Barlow e Murph hanno ricominciato a fare musica insieme sono passati più di dieci anni e quattro album, quattro album in cui i Dinosaur Jr. hanno ripercorso la loro carriera precedente senza cercare mai di “suonare nuovi”, ma provando semplicemente a fare la loro cosa nel loro modo. Ci sono più o meno riusciti a fasi alterne, ma adesso finalmente ci siamo: se questo disco dovesse rappresentare il capitolo definitivo della loro carriera, non storcerà il naso nessuno. Perché è perfetto così: con le canzoni suonate a mille all’ora, con Lou Barlow che scrive i suoi pezzi migliori dopo un sacco di tempo, Murph che picchia duro e una pioggia d’assoli di quelli che così solo J Mascis. Tutto al posto giusto, tutto come deve essere. Con buona pace di quei famosi ventenni che dischi così forse ancora se li sognano di notte. Voto 4/5

Recensione di Emiliano Colasanti