Grand tour d'Italia a piccoli passi - Philippe Daverio - copertina

Grand tour d'Italia a piccoli passi

Philippe Daverio

Scrivi una recensione
Editore: Rizzoli
Anno edizione: 2018
Pagine: 416 p., ill. , Rilegato
  • EAN: 9788891819703

nella classifica Bestseller di IBS LibriGuide turistiche e viaggi - Guide ai viaggi e alle vacanze - Guide a musei e siti storici

pagabile con 18App pagabile con Carta del Docente
Articolo acquistabile con 18App e Carta del Docente

€ 27,96

€ 32,90
(-15%)

Venduto e spedito da IBS

28 punti Premium

Quantità:
LIBRO

Altri venditori

Mostra tutti (5 offerte da 32,90 €)

Gaia la libraia

Gaia la libraia Vuoi ricevere un'email sui tuoi prodotti preferiti? Chiedi a Gaia, la tua assistente personale

Philippe Daverio ci fa da cicerone attraverso le bellezze del nostro Paese, in una sorta di “visita guidata” d’eccezione di quel museo diffuso che è l’Italia: chiese, castelli, monumenti, gallerie e opere d’arte.

“Queste pagine potrebbero servire agli italiani per godere dell’essere ciò che sono, per amare ciò che hanno ereditato e per preservarlo, e potrebbero servire a chi vien da fuori per scoprire la culla di gran parte di ciò che ha reso il mondo più bello.”

Philippe Daverio ci fa da cicerone attraverso le bellezze del nostro Paese, in una sorta di “visita guidata” d’eccezione di quel museo diffuso che è l’Italia: chiese, castelli, monumenti, gallerie e opere d’arte. Oltre 80 luoghi, noti, meno noti o decisamente insoliti, scelti e raccontati in maniera non sistematica, in base ai viaggi e agli interessi coltivati dall’autore negli anni. Un volume che supera il meccanismo un po’ schematico della guida turistica e si propone come un “invito al viaggio”, un itinerario suggestivo e sorprendente, un vagabondare “lento” attraverso un territorio ricco di tracce e testimonianze della storia e dell’arte di ogni tempo.
4,33
di 5
Totale 3
5
1
4
2
3
0
2
0
1
0
  • User Icon

    Giada

    10/03/2019 09:45:58

    Qual è a mio giudizio il migliore Cicerone per scoprire l’Italia? Certamente Daverio. I suoi libri sono una garanzia. Ben scritti, con immagini strepitosi e soprattutto appassionanti. Leggendo questo testo, l’autore mi ha preso per mano accompagnandomi tra le bellezze italiane. Non solo ho comprato quest’opera per me ma anche ho acquistato una copia per il mio ragazzo che come me adora Daverio. Il risultato? Ho fatto un’ottima figura e lui non smetteva di ringraziarmi.

  • User Icon

    Salvo P.

    02/02/2019 13:18:51

    Ottimo libro,immagini e rilegature all'altezza ma i testi sono meno coinvolgenti del solito.Comunque Daverio rimane un grande divulgatore!

  • User Icon

    Mary

    16/12/2018 21:52:34

    Sempre geniale la guida del Professore, tra luoghi che non ti aspetti e meraviglie nascoste.

L’italiano è esterofilo, si sa. Quanti di noi hanno visto il Grand Canyon ma non la Sila o le cittadine degli Stati Uniti ignorando quelle dell’Abruzzo?

Quasi nessuno di noi viaggia più attraverso il Belpaese, eppure l’Italia, soprattutto quella “minore” o lontana dai circuiti del turismo tradizionale, nasconde inimmaginabili sorprese. È un “museo diffuso”, a cielo aperto, ed è proprio lì, attraverso 80 luoghi e itinerari, che Philippe Daverio vuole portarci con Grand Tour d’Italia a piccoli passi, rinnovando, come già suggerito nel titolo, quel viaggio di formazione che la gioventù di buona famiglia europea del XVIII sec. compiva attraverso l’intero continente e l’Italia, dove restava folgorata dai paesaggi e dalle ricchezze del “paese dove fioriscono i limoni” (Goethe, Wilhelm Meister-Gli anni dell’apprendistato)

Un viaggio da fare a piccoli passi, però, lentamente, perché fare turismo non significa correre nel tentativo di arraffare il più possibile nel minor tempo possibile, ma è un percorso lento, quasi meditativo: uno slow tourism che permetta di accogliere dentro di sé la conoscenza approfondita di ciò che si guarda e ammira.

Grand Tour d’Italia a piccoli passi è un volume curato, un’edizione preziosa, ricca di bellissime fotografie a correlare e illustrare i testi di Daverio. Testi densi di contenuto – tra storia, arte, architettura, cultura, letteratura, aneddoti e curiosità – ma riferiti con il tono divertito e scanzonato a cui ci ha abituato Il conduttore di Passepartout.

Dai castelli di Trentino e Piemonte alle cattedrali normanne e ai templi della Sicilia, tra antico e contemporaneo, Daverio ci conduce in un’eccezionale visita guidata attraverso il "paese stivaluto".

Un invito al viaggio – è questo l’intento di Grand Tour d’Italia a piccoli passi – un viaggio “iniziatico” tra i gioielli nascosti dell’Italia, spesso a pochi passi dalle più note mete di turismo e vacanze, come la Basilica di San Clemente al Laterano, a due passi dal Colosseo a Roma, o il Camposanto di Pisa, poco lontano dalla più nota torre pendente, oppure il Tempio Malatestiano di Rimini, alle spalle delle spiagge affollate dai bagnanti.

Affidiamoci alle pagine di Daverio senza timore di pedanterie o insostenibili toni didattici. La sua lingua è viva, carica di emozione, giocosa – chi se non Daverio avrebbe potuto soprannominare l’artista siciliano Giacomo Serpotta (1656-1732) “Jack lo stuccatore” del Settecento siciliano? – in alcuni punti mimetica dell’oralità. Una lingua che non ci si stanca mai di ascoltare – ops – di leggere. E poi seguiamolo, nel suo viaggio.

Recensione di Francesca Barbalace 

  • Philippe Daverio Cover

    Nato il 17 ottobre 1949 a Mulhouse, nella regione francese dell'Alsazia, da padre italiano e madre alsaziana, vive stabilmente in Italia, a Milano. Nel tempo ha dato vita a 4 gallerie d'arte a Milano e a New York.Specializzato in arte italiana del XX secolo (futurismo, metafisica, novecento, scuola romana), ha dedicato i suoi studi al rilancio internazionale del Novecento.Come gallerista ed editore - nell'81 ha inaugurato una casa editrice e nell'84 una libreria, sempre a Milano - ha pubblicato una cinquantina di titoli vari tra cui: Catalogo ragionato dell'opera di Giorgio de Chirico fra il 1924 e il 1929, Catalogo generale e ragionato dell'opera di Gino Severini, Fillia e le avanguardie fra le due guerre, Ver Sacrum (Valentina Edizioni 2004), Giuseppe Antonello Leone (Skira 2010).Opinionista... Approfondisci
Note legali