Il grande ascensore di cristallo

Roald Dahl

Scrivi una recensione
Traduttore: P. F. Paolini
Illustratore: Q. Blake
Editore: Salani
Collana: Istrici d'oro
Anno edizione: 2005
In commercio dal: 10 novembre 2005
Pagine: 187 p., ill. , Rilegato
  • EAN: 9788884516527

Età di lettura: Da 7 anni

€ 8,00

€ 12,00
(-33%)

Venduto e spedito da Libro di Faccia

Solo una copia disponibile

+ 2,90 € Spese di spedizione

prodotto usato
Quantità:
LIBRO USATO
Nuovo - attualmente non disponibile

10 punti Premium

Attualmente non disponibile
Leggi qui l'informativa sulla privacy
Inserisci la tua email ti avviseremo quando sarà disponibile

Grazie, riceverai una mail appena il prodotto tornerà disponibile

Non è stato possibile elaborare la tua richiesta, riprova.

Gaia la libraia

Gaia la libraia Vuoi ricevere un'email sui tuoi prodotti preferiti? Chiedi a Gaia, la tua assistente personale

Il grande ascensore di cristallo è il seguito della Fabbrica di cioccolato, ma anche un incredibile romanzo di fantascienza a sé stante, scatenato e sarcastico. Una presa in giro delle campagne pubblicitarie che sorgono intorno ai viaggi interplanetari, con Presidenti infantili devoti alla loro Tata e Alberghi Spaziali infestati da malefiche uova: i Cnidi Vermicolosi. E per ogni circostanza il signor Wonka, proprietario della fabbrica, ha una trovata, una battuta, una stupefacente soluzione: un po' prestigiatore, un po' clown, un po' filosofo. Età di lettura: da 8 anni.
4,14
di 5
Totale 7
5
3
4
3
3
0
2
1
1
0
  • User Icon

    Valentina

    29/08/2014 15:44:05

    Dopo aver letto la fabbrica di cioccolato mi aspettavo di meglio. I personaggi sembrano essere del tutto cambiati, i nonni dovrebbero essere generosi visto che hanno sempre vissuto nella povertà e condiviso tutto, Wonka non vuole sprecare le sue favolose pastiglie ma poi non si preoccupa di lasciare l'intero flaccone e farlo così sprecare, la signora Bucket da tutta la colpa al signor Wonka quando bastava che i nonni ascoltassero...ecc

  • User Icon

    Valentina

    09/01/2008 21:09:27

    Cosa dire di questo libro, come di Dahl in generale? Geniale, fantasioso, unico. Roald Dahl ha accompagnato tutta la mia infanzia, l'ha segnata con i suoi libri, l'ha riempita di quella fantasia, quella ironia anche nei momenti difficili dei suoi personaggi, che l'ha reso incommensurabile. Il Grande Ascensore di cristallo è stato un grande protagonista, se cosi si può dire, delle mie letture Dahliane (lasciandomi passare il maccheronico termine!). Divertente (nonno Joe, nonna Josephine, nonno George e nonna Georgina sono geniali!), scorrevole e incredibilmente fantasioso. Che dire.. con questo libro, si vola!

  • User Icon

    ilenia

    26/12/2007 11:29:14

    il libro era interessante ma l' inseguimento dei cnidi vermicolosi non mi è piaciuto!

  • User Icon

    Nico 11

    01/09/2007 16:07:11

    Mi è sembrato BELLISSIMO!

  • User Icon

    Antonio

    26/12/2006 20:14:08

    Di certo è molto meglio "la fabbrica di cioccolato" ma anche il suo proseguimento non è male. Certo, non esiste alcuna realtà in questo libro, ma la fantasia abbonada davvero. William Wilbur "Willy" Wonka è davvero una personcina simpatica e nn so come abbia potuto Roald Dahl inventarlo. Certo, Charlie Bucket è un pò antipatico e certe volte TROPPO buono ma a parte questo è un bellissimo libro adatto a bambini che nn sonoabituati a libri troppo reali

  • User Icon

    Elena

    02/05/2006 14:44:13

    Il proseguimento della fabbrica di cioccolato, mi è piaciuto molto, e mi ha fatto emozionare, soprattutto la pastiglia che rende più giovani, e il paese dei meno. LO CONSIGLIO A TUTTI!!!

  • User Icon

    Ginny

    24/01/2006 20:15:48

    è il proseguimento della fabbrica di cioccolato, è più bello del primo, scritto con fantasia.

Vedi tutte le 7 recensioni cliente
  • Roald Dahl Cover

    Scrittore inglese di origine norvegese. Lavorò in Africa e fu pilota della RAF durante la Seconda guerra mondiale. Si trasferì poi negli Stati Uniti dove scrisse racconti, romanzi e libri per ragazzi di grande successo internazionale. Adottò il punto di vista dei più giovani in storie percorse da una forte vena di humour nero, spesso animate da scenari macabri e grotteschi: Gli Sporcelli (The Twits, 1980), La fabbrica di cioccolato (Charlie and the Chocolate Factory, 1964), il suo seguito Il grande ascensore di cristallo (Charlie and the Great Glass Elevator, 1973), Il GGG (The BFG, 1982), il grande gigante gentile. Nella produzione per adulti si segnalano raccolte di racconti dallo spiazzante finale a sorpresa (Storie impreviste, Tales of the Unexpected, 1979;... Approfondisci
Note legali