Chiudi

Siamo spiacenti si è verificato un errore imprevisto, la preghiamo di riprovare.

Recensioni I guardiani di Roma. La saga della legione occulta

  • User Icon
    24/12/2020 13:18:37

    fino a pagina 230 tutto bene. Da Azio in poi male: iperbolico, tanto da scadere nel fantasy, lento, noioso. piu' di 100 pagine dedicate alla battaglia di Azio, combattuta con magie varie, roba da far impallidire harry potter ed i suoi amici aspiranti maghi. deludente.

    Leggi di più Riduci
  • User Icon
    12/12/2020 14:48:50

    In questo nuovo capitolo de" la saga della legione occulta", Victor Iulius Felix scopre la sua vera missione e il suo grande talento e non ci sono se e ma che tengano perché con convinzione corre a caccia del proprio destino tra colpi di gladio e mistero. Infatti, creerà, con la protezione di Cesare e di Ottaviano poi, la temuta e misteriosa Legione sine nota, conosciuta per sempre come i Guardiani di Roma. Sicuro di prestare quel suo misterioso dono a chiunque ne avesse bisogno, specie a Roma dove intrighi e complotti strisciano assetati di potere. La storia di Madron, mi ha entusiasmata ed emozionata per la narrazione ricca di particolari, tanto da farci letteralmente proiettare dentro scene dense di mito e leggenda, attenta agli aspetti psicologici, abilmente miscelati in un romanzo storico dalle tinte horror e dalla ineccepibile struttura narrativa. Ma il bello non finisce qui perché tutta la seconda parte del romanzo si snoda e si concentra ad Azio, in un contesto estremamente dinamico, dove la grande protagonista è la guerra e il sangue sparso nella battaglia più famosa del mondo antico e immortalata nell'arte di tutti i tempi. Antonio è un uomo di Cesare, ma Ottaviano è il suo erede designato, paladino dell’orgoglio nazionalista romano. I due danno corpo a due visioni del mondo antagoniste, destinate a scontrarsi. La battaglia segnò la sconfitta di Antonio mentre Ottaviano, sarebbe diventato imperatore di Roma con l'istituzione dell'impero romano. Tantissimi i dettagli tecnici della marina militare romana e quasi le vediamo le grandi navi di Antonio e le agili imbarcazioni di Ottavio mentre solcano il mare, così come sentiamo la tensione mentre lo scontro diventa sempre più concitato. Ma pagina dopo pagina, ad Azio si celano i segreti di una vera e propria guerra sacra. Insomma, in perfetto stile Genovesi, permettetemi di dirlo, sui ponti delle navi, non è in corso solo uno scontro tra gli uomini ma anche una battuta tra gli Dei.

    Leggi di più Riduci