Il guerriero di Roma. Il trionfo dell'impero - Harry Sidebottom,Francesca Noto,Rosa Prencipe - ebook

Il guerriero di Roma. Il trionfo dell'impero

Harry Sidebottom

Con la tua recensione raccogli punti Premium
pagabile con 18App pagabile con Carta del Docente
Articolo acquistabile con 18App e Carta del Docente
Testo in italiano
Cloud: Scopri di più
Compatibilità: Tutti i dispositivi (eccetto Kindle) Scopri di più
Dimensioni: 2,1 MB
Pagine della versione a stampa: 379 p.
  • EAN: 9788822713162
Salvato in 5 liste dei desideri

€ 4,99

Punti Premium: 1

Venduto e spedito da IBS

EBOOK

Compatibile con tutti i dispositivi, eccetto Kindle

Cloud: Sì Scopri di più

Aggiungi al carrello
spinner
Fai un regalo
spinner

non è possibile acquistare ebook su dispositivi Apple. Puoi comunque aggiungerli alla wishlist

Gaia la libraia

Gaia la libraia Vuoi ricevere un'email sui tuoi prodotti preferiti? Chiedi a Gaia, la tua assistente personale

Una serie da oltre 500.000 copie

Un grande romanzo storico

Combatti per Roma, difendi il tuo onore

ROMA, A.D. 264.
L’impero romano si è spaccato in due. Le province occidentali – Gallia, Spagna e Britannia – sono state conquistate da Postumo, intenzionato a scalzare Gallieno. Sulle pianure dell’Italia del nord le armate dell’imperatore Gallieno si raccolgono perché egli possa riprendere il potere che gli spetta di diritto. Sta per scoppiare una guerra tra i due contendenti ed è il momento di scegliere da che parte schierarsi. Balista è inviato in missione segreta da Gallieno nella sua provincia natale, Hyperborea, dove il suo popolo sta radunando un’armata per combattere al fianco di Postumo: dovrà viaggiare lungo la Via dell’ambra per raggiungere il remoto Nord. Durante il viaggio incontrerà un temibile nemico deciso ad annientarlo, che metterà a ferro e fuoco l’accampamento dei suoi uomini con continue azioni di guerriglia. Anche il ritorno a casa non sarà pacifico.
La battaglia tra Postumo e Gallieno è imminente e solo uno di loro potrà sopravvivere e diventare imperatore.

Dall’autore della saga Il guerriero di Roma
Una serie da oltre 500.000 copie vendute nel mondo

Dal fragore del campo di battaglia ai sussurri dei circoli più vicini all’imperatore


«La prosa di Sidebottom colpisce per lo sguardo storicamente accurato sugli eventi.»
The Times

«Un eccellente romanzo epico su Roma, con un’azione esplosiva e un intreccio che mette paura.»
The Guardian


Harry Sidebottom

Ha conseguito un dottorato in Storia antica al Corpus Christi College. Attualmente insegna Storia all’università di Oxford e vive a Woodstock. È autore della saga Il guerriero di Roma, che ha appassionato milioni di lettori in tutto il mondo. La Newton Compton ha già pubblicato i primi sei episodi della serie: Fuoco a oriente, Il re dei re, Sole bianco, Il silenzio della spada, La battaglia dei lupi e Il trionfo dell’impero; nonché i primi episodi della nuova, avvincente saga Il trono di Cesare (Combatti per il potere, Il prezzo del potere, Il fuoco e la spada e, solo in e-book, le due novelle Silenzi e bugie e Ombre e sangue).

Gaia la libraia

Gaia la libraia Vuoi ricevere un'email sui tuoi prodotti preferiti? Chiedi a Gaia, la tua assistente personale

3
di 5
Totale 2
5
0
4
0
3
2
2
0
1
0
Scrivi una recensione
Con la tua recensione raccogli punti Premium
  • User Icon

    Alessandro

    04/09/2019 09:28:07

    Il libro apre con un inizio incoraggiante. Un altro vibrante, emozionante e accurato capitolo del “Il guerriero di Roma”, tra saccheggi, lotte, tradimenti e accesi scontri. Tra l’altro con nuovi interessanti personaggi, emersi dal passato dello stesso Balista. Invece si è rivelato piuttosto deludente. Perché? Per il semplice motivo che il tutto ha un’aria tremendamente sbrigativa, l’autore sembra voler disperatamente tagliare corto. Il viaggio di Balista attraverso le mitiche terre dei barbari si rivela troppo veloce, ridotto a una fugga costante in cui le varie realtà vengono toccate a stento. Lo stesso vale per le battaglie, troppo brevi, spesso prive di attrattiva. La grande battaglia finale, ad esempio, è tutt’altro che “grande”, tutto sembra terminare in pochi istanti e le sue notevoli potenzialità vanno in fumo. I nuovi personaggi, tanto quelli presentati all’inizio quanto quelli inseriti nel corso della narrazione, si limitano a brevi apparizioni tutt’altro che incisive. Sembrano quasi servire solo a fare numero. Non dico che non mi sia proprio piaciuto. La trama generale è interessante e l’autore descrive bene le situazioni in cui si trovano i grandi dell’epoca, le circostanze che potevano averli spinti in certe direzioni... Inoltre non mancano i riferimenti al futuro dell’impero (alcuni più forzati di altri). Come ho detto, più che altro è stato deludente, soprattutto se messo a confronto con gli altri titoli della collana. L’idea di vedere Balista tornare a casa, nelle terre dei suoi avi, attraversando i territori di tanti popoli, per ritrovarsi tra sanguinose faide famigliari germaniche, crea una certa aspettativa... un’aspettativa che viene delusa.

  • User Icon

    Alessandro

    04/09/2019 09:27:57

    Il libro apre con un inizio incoraggiante. Un altro vibrante, emozionante e accurato capitolo del “Il guerriero di Roma”, tra saccheggi, lotte, tradimenti e accesi scontri. Tra l’altro con nuovi interessanti personaggi, emersi dal passato dello stesso Balista. Invece si è rivelato piuttosto deludente. Perché? Per il semplice motivo che il tutto ha un’aria tremendamente sbrigativa, l’autore sembra voler disperatamente tagliare corto. Il viaggio di Balista attraverso le mitiche terre dei barbari si rivela troppo veloce, ridotto a una fugga costante in cui le varie realtà vengono toccate a stento. Lo stesso vale per le battaglie, troppo brevi, spesso prive di attrattiva. La grande battaglia finale, ad esempio, è tutt’altro che “grande”, tutto sembra terminare in pochi istanti e le sue notevoli potenzialità vanno in fumo. I nuovi personaggi, tanto quelli presentati all’inizio quanto quelli inseriti nel corso della narrazione, si limitano a brevi apparizioni tutt’altro che incisive. Sembrano quasi servire solo a fare numero. Non dico che non mi sia proprio piaciuto. La trama generale è interessante e l’autore descrive bene le situazioni in cui si trovano i grandi dell’epoca, le circostanze che potevano averli spinti in certe direzioni... Inoltre non mancano i riferimenti al futuro dell’impero (alcuni più forzati di altri). Come ho detto, più che altro è stato deludente, soprattutto se messo a confronto con gli altri titoli della collana. L’idea di vedere Balista tornare a casa, nelle terre dei suoi avi, attraversando i territori di tanti popoli, per ritrovarsi tra sanguinose faide famigliari germaniche, crea una certa aspettativa... un’aspettativa che viene delusa.

Note legali