Categorie

Saverio Lodato

Editore: Mondadori
Collana: Oscar storia
Anno edizione: 2006
Formato: Tascabile
Pagine: 209 p. , Brossura

24 ° nella classifica Bestseller di IBS Libri - Società, politica e comunicazione - Servizi sociali e criminologia - Reati e criminologia - Criminalità organizzata

  • EAN: 9788804558422

Recensioni dei clienti

Ordina per
  • User Icon

    Cinzia - Madame Selle 24

    02/02/2013 16.06.04

    Dare un voto di gradimento a questo libro è superfluo, perché sulla base di cosa attribuisci le stelline? ?è scritto bene ma non puoi certo dire che apprezzi la trama o che ti ha lasciato senza fiato. E' impossibile rimane impassibili davanti alle confessioni di alcuni assassini. Ai particolari o alla freddezza in cui veniva effettuati. Sappiamo tutti chi è, e cosa ha fatto nella sua vita Giovanni Brusca, lui stesso dice di avere uno dei cognomi più ingombranti d'Italia. "?per me era un lavoro come un altro e ci tenevo a farlo bene!" E' un libro obiettivo?in cui alcuni tratti risultano essere anche invadenti in quello che è Cosa Nostra. E' un libro memoria per non dimenticare - e chi potrebbe farlo - quella che è stata la Storia della Sicilia e di Cosa Nostra. Difficile da leggere per via dei mille e più nomi citati che si intrecciano continuamente.

  • User Icon

    Luca

    06/10/2009 09.46.55

    Giovanni Brusca attinge al suo arsenale armandosi di spietatezza e sfrontatezza, le medesime peculiarità che ne hanno contraddistinto l’attività criminale, per offrirci uno spaccato tanto reale quanto crudo di quel mondo parallelo autoalimentato dall’entità seminascosta chiamata Cosa Nostra. La precisione nella definizione dei legami con i politici, i continui riferimenti a favori per conto di “onorevoli” miserabili e infine gli inestricabili intrecci con il mondo della "finanza che conta" sono tutti elementi che contribuiscono ad alimentare con terribile pesantezza, l’opinione su di un’istituzione, diffusa e capillare, difficile da estirpare da una società in cui il clientelismo e il servilismo verso i potenti ne fanno da padroni. La triste realtà che si apprende si scontra ferocemente con il mondo di quei pochi che, con il coraggio e la fermezza, sono stati in grado di ribellarsi a quella realtà sommersa già in grado di rovesciare i valori fondamentali della solidarietà e della giustizia, che dovrebbero contraddistinguere qualsiasi stato ma che in realtà sono destinati a rimanere ideali, quantomai irraggiungibili.

  • User Icon

    Julio

    08/11/2007 14.48.51

    Non ho comprato questo libro per lungo tempo, pur sentendomene attratto. Pensavo siceramente che leggere le confessioni di un uomo come Giovanni Brusca fosse un modo per dare comunque spazio ad un mostro; un pò come quando si esaltano in una Trasmissione dai colori sgargianti le gesta di un serial killer, col pretesto di raccontarle. Devo dire però che l'impatto è stato insinuante e profondo. Ascoltare le confessioni di un uomo che è stato in prima linea in Cosa Nostra, sentire la sua voce che racconta passo per passo, con siciliana e fredda precisione, il come, il quando, il perché, motivando DA DENTRO (un punto di vista molto difficile quando si tratta di mostri, poiché la morale comune tende semplicemente a tenerli lontani o a schiacciarli senza voce quando capitano sotto la macina) del modus agendi mafioso, è stato qualcosa di vicino ad una rivelazione. Quando dice ad esempio che il pizzo in fondo conveniva ai commercianti (adesso non è più così) perché si pagavano la protezione ad un costo inferiore delle tasse, oppure quando parla di come alcuni politici agiscono per ripulire la loro immagine, e avallino leggi contro la mafia dopo aver contratto debiti enormi con le cosche, o come la mafia sia scesa a trattative con lo Stato, quando dice questo, egli getta luce su una zona oscura che è sempre bene portare alla coscienza di tutti. Libri come questo dovrebbero venir letti nelle piazze, a scuola, nei convegni politici. Ogni giorno.

  • User Icon

    AQUILA DEL NORD

    13/05/2006 16.16.23

    Questo splendido libro, scritto da Lodato Saverio ci da un'immagine veramente nitida circa la vita di un latitante,mafioso nel nostro caso, oltre che mettere in evidenza una Italia, quella di un tempo,quella di oggi purtroppo e speriamo non quella di domani che è dilaniata dalle lotte intestine, messa in ginocchio dalle spaccature politiche e resa invivibile ( soprattutto al Sud) da un vero e proprio POTERE DEL TERRORE basato sui traffici illeciti e su qualsivoglia tipologia di estorsione ed attività illegali....... La MAFIA dunque, che ha falciato le proprie vittime ; ieri ed oggi... I compianti PAOLO BORSELLINO e GIOVANNI FALCONE due magistrati che hanno scritto LA STORIA con le loro vite e di cui ogni italiano dovrebbe essere fiero... Paolo e Giovanni dunque hanno combattuto la mafia anche a sprezzo delle loro vite... e ne sono usciti VINCITORI... GRAZIE PAOLO, GRAZIE GIOVANNI.. AQUILA DEL NORD

Vedi tutte le 4 recensioni cliente (dalla più recente) Scrivi una recensione