Lo Hobbit o La riconquista del tesoro

John R. R. Tolkien

Editore: Adelphi
Collana: Gli Adelphi
Edizione: 29
Anno edizione: 1989
Formato: Tascabile
In commercio dal: 29 maggio 1989
Pagine: 342 p., ill. , Brossura
  • EAN: 9788845906886
pagabile con 18App pagabile con Carta del Docente

Articolo acquistabile con 18App e Carta del Docente

Disponibile anche in altri formati:
Usato su Libraccio.it - € 5,94
Descrizione
"Lo hobbit" è il libro con cui Tolkien ha presentato per la prima volta, nel 1937, il foltissimo mondo mitologico del Signore degli Anelli, che ormai milioni di persone di ogni età, sparse ovunque, conoscono in tutti i suoi minuti particolari. Tra i protagonisti di tale mondo sono gli hobbit, minuscoli esseri "dolci come il miele e resistenti come le radici di alberi secolari", timidi, capaci di "sparire veloci e silenziosi al sopraggiungere di persone indesiderate", con un'arte che sembra magica ma è "unicamente dovuta a un'abilità professionale che l'eredità, la pratica e un'amicizia molto intima con la terra hanno reso inimitabile da parte di razze più grandi e goffe" quali gli uomini. Se non praticano la magia, gli Hobbit finiscono però sempre in mezzo a feroci vicende magiche, come capita appunto a Bilbo Baggins, eroe quasi a dispetto di questa storia, che il grande "mago bianco" Gandalf coinvolgerà in un'impresa apparentemente disperata: la riconquista del tesoro custodito dal drago Smog. Bilbo incontrerà così ogni sorta di avventure, assieme ai tredici nani suoi compagni e a Gandalf, che appare e scompare, lasciando cadere come per caso le parole degli insegnamenti decisivi. E il ritrovamento, apparentemente casuale, di un anello magico, è il germe della grande saga che Tolkien proseguirà nei tre libri del "Signore degli Anelli" illuminando nel suo durissimo senso un tema segreto de "Lo hobbit": cosa fare dell'Anello del Potere?

€ 5,94

€ 11,00

11 punti Premium

€ 8,25

€ 11,00

Risparmi € 2,75 (25%)

Venduto e spedito da IBS

Nuovo - attualmente non disponibile
 
 
 

Recensioni dei clienti

Ordina per
  • User Icon

    al. n.

    03/02/2019 08:58:52

    Voto alto e meritato. Libro da far leggere a tutti.

  • User Icon

    Filippo

    05/09/2013 20:12:09

    Non aspettatevi un'avventura epica come quella narrata nel signore degli anelli, ma la piccola grande avventura di un normale hobbit. E' un libro magico, che trasporta il lettore in un mondo gentile, puro ma allo stesso tempo "intellettuale", corroso dalle prime malvagità, che si svilupperanno poi nella triologia del signore degli anelli.

  • User Icon

    Sophie

    31/01/2013 09:36:30

    Un fantastico libro di avventura per ragazzi e per adulti, degna anticipazione di quello che poi sarà "Il Signore degli Anelli".

  • User Icon

    Arianna

    02/12/2012 14:49:57

    Il libro mi è piaciuto molto...il fatto che i personaggi li avevo già conosciuti avendo visto " La Trilogia del Signore degli Anelli", ha fatto che mi affezionassi di più. Bellissima fiaba, scritta benissimo, lettura molto scorrevole. Quasi che alla fine ti dispiace abbandonare la lettura e l'avventura di Bilbo e compagnia!!! Ora attendo la visione del film che uscirà al cinema prossimamente!!! Da leggere!!!

  • User Icon

    Dama Galadriel

    07/11/2012 19:21:34

    Inizio consigliando "Lo Hobbit annotato", aggiornato, ampliato e completamente rivisto nel 2002, disponibile in Italia a partire da ottobre 2004, nel formato rilegato (ISBN-10: 88-452-3292-1 EAN (ISBN-13): 978-88-452-3292-3) o in brossura (ISBN-10: 88-452-5607-3 EAN (ISBN-13): 978-88-452-5607-3). Perché più ricco di informazioni, dettagli e retroscena, grazie alle preziose note di Douglas Allen Anderson. Mentre quello in oggetto è non annotato e scritto nella prima (discutibile) traduzione italiana, sovente incoerente con "Il Signore degli Anelli" (di allora, dato che da ottobre 2003 ne esiste una seconda). "Lo Hobbit o la Riconquista del Tesoro" è la cosiddetta edizione Adelphi con copertina azzurra (ISBN-10: 88-459-0081-9 EAN (ISBN-13): 978-88-459-0081-5 Dati: brossura, illustrato bianco/nero e colori, Dim.[mm](HxLxD): 220x140x26). Si distingue da quella con copertina rossa (ISBN-10: 88-459-0688-4 EAN (ISBN-13): 978-88-459-0688-6) o da quella del 2012 con in copertina l'immagine del film (ISBN-10: 88-459-2755-5 EAN (ISBN-13): 978-88-459-2755-3) per il più grande formato, le illustrazioni di J.R.R. Tolkien a colori su carta patinata e le mappe a doppio foglio estraibile, stampate in nero e scritte rosse. Si segnalano però: «Smaug» storpiato in «Smog» (era «Smaug» nel SdA); «Troll» noti come «Uomini Neri» (erano «Vagabondi» nel SdA, «Troll» da ottobre 2003); «Sting» tradotto con «Pungiglione» (era «Pungolo»); «Dale» invariato (era «Valle»); «Carrock» diventa «Carroccia» (era «Carrock»); «Hobbiton» convertito in «Hobbitopoli» (era «Hobbiville»); «Rivendell» reso con «Forraspaccata» (era «Gran Burrone»); «Lake-town» muta in «Pontelagolungo» (non c'è nel SdA). E il sottotitolo «The Hobbit, or There and Back Again» cede il posto a «Lo Hobbit, o la Riconquista del Tesoro», contro il più fedele «Lo Hobbit, o Andata e Ritorno». Altre "stranezze": «Midsummer» reso con «Ferragosto», «Yule-tide» con «il periodo natalizio», «mince-pie» con «pizza» e «cram» con «rimpinzimonio».

  • User Icon

    Palestrione

    14/09/2012 19:53:16

    Una cocente delusione! Avevo una voglia fortissima di leggere questo romanzo ma ne sono rimasto profondamente deluso. Niente a che vedere con "Il Signore degli Anelli", che è di tutt'altro livello! Le avventure di Bilbo Baggins, zio di Frodo Baggins, acquistano interesse solo in occasione dell'incontro con Gollum/Smèagol. Quella è stata la parte che ho divorato e che ho apprezzato di più. Ma per il resto è come se avessi letto "Il Signore degli Anelli" minore. Ci sono quasi gli stessi ingredienti: il viaggio, la compagnia composta lì da due uomini, quattro hobbit, uno stregone, un elfo e un nano, qui da ben quattordici nani, un solo hobbit e uno stregone (sempre lo stesso, Gandalf). Ma regna la noia! "Il Signore degli Anelli" aveva una trama davvero affascinante, mentre qui di affascinante c'è solo il furto dell'anello. Bilbo non mi sembra poi un personaggio ben caratterizzato. Insomma, del grande romanzo del '55 qui non c'è traccia, sebbene sia un prequel. Carine le canzoni ma nel complesso le ultime cento pagine le ho lette superficialmente e trascinandomi lento verso una conclusione scontata. Non vedevo l'ora che finisse e in alcuni momenti ho addirittura pensato di abbandonarlo quando mi mancavano appena trenta pagine. Sconsigliato.

  • User Icon

    Antonio

    31/08/2012 23:47:32

    un classico del genere. uno di quei libri che leggi con molto piacere e trasporto. la caratteristica di tolkien e di narrare le vicende dei suoi protagonisti sempre in itinere. un movimento continuo nella scoperta dei personaggi nei loro luoghi, descritti a casa loro e in mezzo alle loro cose e tradizioni. tutti personaggi tipici e circoscritti tranne gandalf, che pare non avere appartenenza a nessun luogo se non a tutti i luoghi percorsi. credo che gandalf, più che il vero protagonista dietro le quinte, sia in fondo lo stesso tolkien che scende in campo a muovere i fili riordinandoli per bene. consigliatissimo

  • User Icon

    A.G.

    15/07/2012 21:55:02

    Nemmeno sono riuscito a finirlo, questo libro. L'ho trovato prolisso, la storia poi ... Fino a dove mi sono fermato era più il resoconto di una scampagnata che un' "avventura" come aveva promesso Gandalf. Dò 2 solo per lo stile di scrittura che non è affatto squallido. Peccato, signor Tolkien, ma questa saga non fa per me

  • User Icon

    Ale

    14/06/2012 18:35:26

    Meraviglioso. Un libro leggenda. Non ci possono essere parole per commentare il lavoro di un autore geniale, che ha inventato il fantasy che oggi conosciamo.

  • User Icon

    Domenico Tranchina

    20/03/2012 15:59:40

    Non posso che dare un meritatissimo 5. E' u libro che non dimenticherò mai.

  • User Icon

    Giesse

    05/01/2012 17:52:43

    Per molti versi meglio de "Il Signore degli anelli". A differenza di quello, questo è più un libro per ragazzi, con indovinelli e battutine. Purtroppo il vero lettore è chi resta bambino e perciò "Lo Hobbit" unisce l'avventura della trilogia a un umorismo là spesso mancante. Uno dei miei libri preferiti. Baratterei la mia vita per essere Bilbo.

  • User Icon

    armando

    30/12/2011 10:59:28

    Naturalmente è un libro per l'infanzia e come tale va giudicato.Tolkien ci regala una bellissima fiaba,che ci introduce al monumentale mondo da lui creato e soprattutto ci presenta la felicissima invenzione narrativa degli hobbit.Ottimo pequel del ben più complesso "Il Signore degli Anelli"

  • User Icon

    Jon

    13/10/2011 22:14:38

    Una fiaba per bambini, certo... per farli addormentare la notte se non funziona la ninna nanna! Per me uno dei libri più noiosi che mi sia capitato di leggere. Già la storiellina in sé è piatta e banale, ma il problema soprattutto è che tutti gli spunti che sembrava potessero offrire un minimo di interesse (in particolare il finale) vengono risolti alla fine con dei deux-ex-machina (per esempio i vari uccelli intelligenti). E per quanto uno possa impegnarsi nel cercare di tornare bambino, questi difetti non si possono ignorare. Come succede fin troppo spesso nei romanzi fantasy, l'aspetto magico alla fine non ha l'effetto di dare chissà quale "incanto" alla storia, ma semplicemente le fa perdere di consistenza.

  • User Icon

    KidChino

    29/04/2011 00:12:21

    Seppur considerato una favola l'ambientazione e i personaggi che Tolkien di nuovo riesce a descrivere in un libro che ti fa sognare come questo sono stupefancenti. Molto più fiabesco del Signore degli Anelli e del Silmarillion può essere considerato una fiaba per ragazzi, ma se letto senza la superficialità che la società moderna ci impone è davvero incantevole. Riesce a portarti in mondi che solo nei sogni, e soprattutto solo nei sogni dei bambini, riesci ad esplorare. A volte tornare un po' bambini serve, e questo è il libro adatto. Ricco di fantasia, di magia ma soprattutto di amicizia. Ti trasmette ciò che a volte vorresti essere ma che non riesci ormai più. Ingenuo si, ma felice. Consigliatissimo!

  • User Icon

    Giak81

    17/04/2011 21:51:14

    Lo considero anche meglio del Signore degli Anelli, meno descrittivo e più azione, proprio come piace a me

  • User Icon

    giacomo k

    13/12/2010 16:31:39

    Un libro rivolto ai più giovani, ma da leggere assolutamente, consigliato.

  • User Icon

    Davide

    11/12/2010 08:22:43

    Libro meraviglioso... E' il primo libro di Tolkien che leggo, e sono sicuro che non sarà l'ultimo... Senza dubbio, questa avventura mi ha fatto sognare e mi ha tenuto con il fiato sospeso fino all'ultimo. Lo consiglio a tutti, grandi e piccini.... :)

  • User Icon

    Francesco

    12/01/2010 21:05:09

    Una spanna al di sotto de "Il signore degli anelli" (e non potrebbe essere altrimenti), ma Tolkien rimane pur sempre Tolkien...quindi da non perdere. Consigliato vivamente a chi ama il genere.

  • User Icon

    Armando

    13/11/2009 14:47:10

    E' il primo libro di Tolkien che ho letto e devo dire che si tratta di un libro straordinario. L'avventura fantastica sconfina nel fiabesco, narrata con maestria dall'autore. E inoltre lancia a parer mio anche un prezioso insegnamento.

  • User Icon

    Ricki

    01/04/2009 15:58:12

    stupendo... da leggere prima del Signore degli Anelli...

Vedi tutte le 61 recensioni cliente (dalla più recente) Scrivi una recensione