Recensioni L' Honda anomala. Il rapimento Moro, una lettera anonima e un ispettore con le mani legate

  • User Icon
    13/05/2020 14:38:08

    Ho dovuto leggerlo due volte per apprezzarlo al massimo. Lo consiglio.

    Leggi di più Riduci
  • User Icon
    11/05/2020 12:59:25

    Un libro che tenta di fare chiarezza su un fatto accaduto, molto importante, della nostra storia,presentato con una narrazione molto fluida,coinvolgente che denota una profonda preparazione dell'autore

    Leggi di più Riduci
  • User Icon
    21/06/2019 08:02:40

    È storia poco nota nelle scuole e fuori. Può piacere o meno la forma ma il messaggio è forte. Siamo una colonia americana che fa di tutto per mantenerci tali, anche a costo della vita di chi dissente. Matrix e Orwell svelati nei fatti

    Leggi di più Riduci
  • User Icon
    25/03/2019 18:07:29

    Un racconto di (quasi) fantasia, per raccontare una fantastica quanto tragica verità, sulla morte dello statista ucciso dallo Stato.

    Leggi di più Riduci
  • User Icon
    19/03/2018 07:52:38

    Ottimo racconto, che con espediente delle due storie offre numerosi spunti di riflessione. Questa storia, infatti, non è stata ancora del tutto chiarita. In attesa di ulteriori sviluppi ognuno si può costruire la sua verità.

    Leggi di più Riduci
  • User Icon
    08/03/2018 11:59:10

    Leggendo il libro ho apprezzato di più le parti riguardanti le indagini dell'ispettore che il resto inerente alla tesi di maturità di uno studente. Pur riconoscendo nella stesura del libro uno stile asciutto,le due storie non si amalgamano abbastanza pur non rendendo il manoscritto nel suo complesso noioso.

    Leggi di più Riduci
  • User Icon
    22/05/2017 18:26:25

    Attraverso un interessante parallelismo tra l’indagine di un Ispettore della D.I.G.O.S. e l’esame di maturità di uno studente, il saggio-racconto di Pietro Ratto ripercorre i fatti connessi al sequestro e all’omicidio di Aldo Moro utilizzando una narrazione originale e fluente che rapisce l’attenzione del lettore senza annoiare o cadere in facili complottismi. Un’esposizione lucida, diretta e senza fronzoli del percorso investigativo intrapreso dall' Ispettore per identificare uno dei due uomini che la mattina del 16 marzo 1978 transitarono in via Fani a bordo di una moto Honda, pochi istanti dopo l’azione omicida dei brigatisti. Riuscita l’idea di inframmezzare il racconto dell’indagine con l’interrogazione di storia di un diplomando per allargare il quadro di insieme della vicenda, inserendo elementi di concretezza e di indubbia riscontrabilità. Un libro ben scritto che lascia al lettore la discrezionalità di decidere se il sequestro e l’omicidio di Aldo Moro e degli uomini della scorta sono un capitolo chiuso, dove tutto è noto, oppure se la verità sulla vicenda non è ancora emersa. Attraverso un interessante parallelismo tra l’indagine di un ispettore della D.I.G.O.S. e l’esame di maturità di uno studente, il saggio-racconto di Pietro Ratto ripercorre i fatti connessi al sequestro e all’omicidio di Aldo Moro utilizzando una narrazione originale e fluente che rapisce l’attenzione del lettore senza annoiare o cadere in facili complottismi. Un’esposizione lucida, diretta e senza fronzoli del percorso investigativo intrapreso dall’ispettore Rossi per arrivare, con difficoltà, all’identificazione di uno dei due uomini che la mattina del 16 marzo 1978 transitarono in via Fani a bordo di una moto Honda, pochi istanti dopo l’azione omicida dei brigatisti.

    Leggi di più Riduci