Humour classico e moderno

Alberto Cantoni

Editore: Quodlibet
Formato: EPUB
Testo in italiano
Cloud: Scopri di più
Compatibilità: Tutti i dispositivi (eccetto Kindle) Scopri di più
Dimensioni: 290,42 KB
  • EAN: 9788874629060
pagabile con 18App pagabile con Carta del Docente

Articolo acquistabile con 18App e Carta del Docente

Disponibile anche in altri formati:

€ 3,99

Venduto e spedito da IBS

4 punti Premium

Scaricabile subito

Aggiungi al carrello Regala

non è possibile acquistare ebook su dispositivi Apple. Puoi comunque aggiungerli alla wishlist

Descrizione
Humour classico e moderno, opera fino ad oggi quasi dimenticata di Alberto Cantoni, è una raccolta di «grotteschi», testi brevi a schema libero dove concetti e personaggi cari all'autore prendono la scena, dentro «congegni umoristici» insieme di piacevole lettura e di notevole impegno teorico: il dialogo fra l'humour moderno, un ometto basso e insicuro, e il ben più tonico e vigoroso umorismo antico; le contrattazioni per un bacio fra bambini già esperti tanto di desideri quanto di recite sociali; la vicenda di un solitario scontroso e nevrotico che incontra un cattivo raccontatore di storie in compagnia del suo cavallo.In questa nuova edizione i testi di Humour classico e moderno, uscito nel 1889, sono accompagnati da un saggio di Massimo Rizzante, poeta, saggista e traduttore, l'ultimo a riscoprire Cantoni e a rivendicare l'eccezionale modernità della sua vena umoristica, tra le più criticamente attrezzate e felici della nostra letteratura. In appendice viene proposto un profilo di Cantoni scritto da Luigi Pirandello, che per primo ammirò l'arte dell'autore e vi riconobbe la migliore traduzione della teoria dell'umorismo.Alberto Cantoni (Pomponesco, 1841-Mantova, 1904), nato da una famiglia ebraica di proprietari terrieri, fu autodidatta e grande viaggiatore. Si formò sui classici della filosofia greca, latina e dell'Ottocento europeo. Lettore attento di Rabelais, Swift, Heine e Sterne, collaborò con importanti riviste del suo tempo, tra cui «La Nuova Antologia» e «Il Marzocco». Scrisse novelle critiche, grotteschi e romanzi, fra i quali si ricordano Un re umorista (1891) e L'Illustrissimo, uscito postumo.