L' illettore. Una confessione - Hermann Bürger,Anna Ruchat - ebook

L' illettore. Una confessione

Hermann Bürger

Con la tua recensione raccogli punti Premium
pagabile con 18App pagabile con Carta del Docente
Articolo acquistabile con 18App e Carta del Docente
Traduttore: Anna Ruchat
Editore: L'orma
Testo in italiano
Cloud: Scopri di più
Compatibilità: Tutti i dispositivi (eccetto Kindle) Scopri di più
Dimensioni: 1,72 MB
Pagine della versione a stampa: 159 p.
  • EAN: 9788899793425
Salvato in 1 lista dei desideri

€ 9,99

Punti Premium: 4

Venduto e spedito da IBS

EBOOK

Compatibile con tutti i dispositivi, eccetto Kindle

Cloud: Sì Scopri di più

Aggiungi al carrello
spinner
Fai un regalo
spinner

non è possibile acquistare ebook su dispositivi Apple. Puoi comunque aggiungerli alla wishlist

Gaia la libraia

Gaia la libraia Vuoi ricevere un'email sui tuoi prodotti preferiti? Chiedi a Gaia, la tua assistente personale

Rinchiuso in una misteriosa e metafisica gattabuia, un uomo, affetto da uno strano morbo che gli impedisce di leggere i libri e di decifrare i segni del mondo, cerca la guarigione nel rapporto epistolare con una radiosa principessa, vestale dei classici letterari di ogni tempo. In sette vertiginose missive l'«illettore» racconta la propria vita come una «morte apparente». La narrazione, pagina dopo pagina, si trasforma in terapia per riaffacciarsi alla speranza e all'immaginazione, un percorso capace di regalargli infine l'euforia della convalescenza. Libro ossessionato dai libri, corso intensivo per lettori convulsi e dissennati, questo romanzo è un viaggio all'interno di una miniera oscura, ricca di frasi e immagini lucenti, sfaccettate ed enigmatiche come pietre preziose. Allucinato esperimento su «quanto in là si possa andare nello spingersi troppo in là», la confessione di Burger è anche - come rivela il breve saggio autobiografico che chiude il volume - il documento unico di un'esperienza di depressione clinica, un ironico «tentativo di sopravvivenza in prosa» scritto contro l'oblio: «Lo scrittore non dimentica mai, serba rancore in eterno».
Gaia la libraia

Gaia la libraia Vuoi ricevere un'email sui tuoi prodotti preferiti? Chiedi a Gaia, la tua assistente personale

5
di 5
Totale 2
5
2
4
0
3
0
2
0
1
0
Scrivi una recensione
Con la tua recensione raccogli punti Premium
  • User Icon

    Cristiano Cant

    05/05/2017 05:39:21

    Sezionare la dolcezza di un delirio e farne musica epistolare, graffiarsi fra i rami del passato, fra padri nobili e robusti e le loro voci autorevoli, fra i rintocchi di un'infanzia mai volata via, cedere a una condizione solitaria contro ogni invito a farsi incontro, abitare se stessi, la parola come intralcio e libertà al tempo stesso, sotto la coltre di un destino che divora, pesa e che in fondo tocca accettare, come si accettano un dito storto o una ruga che si affaccia presto, o un cuore nato per battere un canto raro. Questi sono i libri che amo, nati da un dentro romanticissimo, folle e tenerissimo, imprendibile nei suoi strati primi, e lasciati lì come alla ruota di un ideale convento del sentire per paura quasi o per eccesso di pudore, figli quasi non voluti da un autore che li ha troppo sofferti. Tocca a noi allora amarli nel ludibrio di un mondo che li scansa, li emargina, farcene custodi migliori, perché essi contengono le lontananze della nostra voce,il chicco che colma il nostro spazio interiore, la traccia del difforme nell'esatto, la fodera del giusto,del magnifico che ahimè accoglie in sé ogni inatteso della vita; insomma, quella regale solitudine che fa del lettore il Vero traduttore interiore di ogni nodo sulla pagina.Capolavoro di buio e ipocondria,un destino isolato,chiuso nel suo guscio sapiente e malato(forse sapiente proprio perché malato...)che spedisce lettere a un'enigmatica donna,forse un sogno o un luogo del suo spirito,delle sue liriche contrarietà ad ogni cosa,di un sé che ha bisogno di un fuori, di una voce,ma che finisce poi per riavvolgersi nelle sue mura solitarie come in un sonno dell'agire,come se avesse capito tutto, e quel tutto fosse chiarissimo e lui l'avesse nei pugni,la misera condizione umana che è quasi sempre volto di patimento e quasi mai una linea di sollievo.Questi sono i libri unici,i libri che sfondano le porte dell'ovvio e seminano grandezza in ogni riga che gli dimora dentro.Dicono la felicità d'essere malati.

  • User Icon

    alida airaghi

    05/04/2017 19:25:40

    Sette lettere pseudo-autobiografiche che il protagonista scrive a una illuminata e colta Principessa, raccontandole del proprio esistere fuori dal mondo, ossessionato da fantasmi mentali e paure, idiosincrasie ed esaltazioni improvvise: ma soprattutto straziato da una misteriosa malattia, il “morbus lexis” (una sorta di catatonia cerebrale, derivata dall’infiammazione delle “terminazioni nervose pre-sinaptiche”) che gli impedisce di leggere, o anche solo di avvicinarsi fisicamente alla carta stampata. “L’Illettore” vive recluso in uno scantinato, senza rapporti con il prossimo, comunicando epistolarmente con la nobile dama, che vive nello sfarzoso castello di Blankenburg. In tono sarcasticamente reverenziale e beffardamente rispettoso, illustra alla sua amica di penna la propria esistenza amorfa e sprecata di recluso, in passato gran divoratore di libri al punto da diventare egli stesso una lettera dell’alfabeto: all’invito di lei a trasferirsi nel suo castello come esperto bibliotecario, confessa orgogliosamente di volersi accontentare di una conversazione epistolare «elisia e sferica e serafica ed eolica». Il turbinoso e caleidoscopico monologo del protagonista si nutre di citazioni letterarie, ma anche di considerazioni sull’attualità, e di descrizioni paesaggistiche dei panorami montuosi della Svizzera interna, supportate da un’approfondita conoscenza delle scienze geologiche. Le sue divagazioni narrative si avvolgono a spirale, in una scrittura fagocitante, che esibisce uno sfoggio di erudizione compiaciuto e ironico nell’affrontare gli argomenti e le discipline più varie, per tornare sempre al tema principe: la letteratura. L’amore per il libro, inteso anche come oggetto di culto e da collezione, sovrasta ogni altra passione: l’Illettore vive di memorie librarie, e forse proprio grazie ad esse, in conclusione del volume, riuscirà a ritrovare la salute e la capacità di uscire dalla sua tana: «Mi darò da fare, voglio provarci».

  • Hermann Bürger Cover

    Hermann Burger (1942-1989) è uno dei maggiori scrittori svizzeri del Dopoguerra. Ha insegnato letteratura tedesca al Politecnico di Zurigo. La sua è stata un’esistenza sempre divisa tra la furia creatrice e la depressione. Virtuoso della lingua e dell’invettiva, meticoloso fino alla mania nelle ricerche preparatorie ai suoi romanzi, è stato l’autore ironico e liberatorio di testi spesso paragonati, per l’oltranza stilistica e l’umorismo disperato, a quelli di Franz Kafka e Thomas Bernhard. Dopo aver composto un Tractatus logico-suicidalis, pubblicato il primo volume della sua autobiografia (che contiene anche una storia culturale del sigaro) e acquistato una Ferrari fiammante, si diede la morte con un cocktail di medicine. Approfondisci
Note legali