Chiudi

Siamo spiacenti si è verificato un errore imprevisto, la preghiamo di riprovare.

L' importanza di chiamarti amore - Anna Premoli - ebook

L' importanza di chiamarti amore

Anna Premoli

Con la tua recensione raccogli punti Premium
pagabile con 18App pagabile con Carta del Docente
Articolo acquistabile con 18App e Carta del Docente
Testo in italiano
Cloud: Scopri di più
Compatibilità: Tutti i dispositivi (eccetto Kindle) Scopri di più
Dimensioni: 774,33 KB
Pagine della versione a stampa: 315 p.
  • EAN: 9788854195813
Salvato in 12 liste dei desideri

€ 2,99

Punti Premium: 3

Venduto e spedito da IBS

spinner

Scaricabile subito

EBOOK

Compatibile con tutti i dispositivi, eccetto Kindle

Cloud: Sì Scopri di più

Aggiungi al carrello
spinner
Fai un regalo
spinner

non è possibile acquistare ebook su dispositivi Apple. Puoi comunque aggiungerli alla wishlist

Gaia la libraia

Gaia la libraia Vuoi ricevere un'email sui tuoi prodotti preferiti? Chiedi a Gaia, la tua assistente personale

Numero 1 nelle classifiche italiane

Giada sa bene di essere una ragazza dal carattere piuttosto difficile, quindi non si stupisce affatto di trovarsi in una fase della propria vita nella quale non va d’accordo con nessuno: con il suo ragazzo storico la situazione è appesa a un filo e del rapporto con i suoi genitori. meglio non parlare. Ma Giada ha un obiettivo: laurearsi con il massimo dei voti e il prima possibile. Il resto dei problemi può passare in secondo piano. Così credeva, almeno finché lo stage presso una prestigiosa società di consulenza di Milano non la mette di fronte a quello che per lei è sempre stato il prototipo dei ragazzi da evitare come la peste: Ariberto Castelli, fiero rappresentante del partito delle camicie su misura e dei pullover firmati. E tra loro c’è un precedente molto imbarazzante che potrebbe crearle qualche complicazione che non aveva assolutamente messo in conto...

Un’autrice da mezzo milione di copie
Vincitrice del Premio Bancarella
Numero 1 in classifica


«Anna Premoli è capace di tuffare il genere del rosa nazionale in suggestioni internazionali e ben piantate nello spirito del nostro tempo.»
la Repubblica

«Anna Premoli è uno spot vivente del self-publishing: dal web al Premio Bancarella con il suo romanzo d’esordio.»
Vanity Fair

«Il primo vero caso italiano di self-publishing fortunato.»
La Stampa


Anna Premoli

È nata nel 1980 in Croazia e vive a Milano, dove si è laureata alla Bocconi. Lavora nel campo degli investimenti finanziari per una holding di partecipazioni. La scrittura è arrivata per caso, come “metodo antistress” durante la prima gravidanza. Ti prego lasciati odiare è stato il libro fenomeno del 2013: è stato per mesi ai primi posti nella classifica, i diritti cinematografici sono stati opzionati dalla Colorado Film e ha vinto il Premio Bancarella. I suoi romanzi sono tradotti in diversi Paesi. Con la Newton Compton ha pubblicato anche Come inciampare nel principe azzurro; Finché amore non ci separi; Tutti i difetti che amo di te; Un giorno perfetto per innamorarsi; L’amore non è mai una cosa semplice; L’importanza di chiamarti amore; È solo una storia d’amore; Un imprevisto chiamato amore e Non ho tempo per amarti.

Gaia la libraia

Gaia la libraia Vuoi ricevere un'email sui tuoi prodotti preferiti? Chiedi a Gaia, la tua assistente personale

3,61
di 5
Totale 8
5
4
4
0
3
2
2
0
1
2
Scrivi una recensione
Con la tua recensione raccogli punti Premium
  • User Icon

    Flo

    23/09/2018 20:52:05

    Il libro non mi ha fatto particolarmente impazzire. Sì scorrevole, a tratti anche divertente, ma... ma.. gli manca qualcosa

  • User Icon

    Angelique

    05/10/2017 17:58:28

    Ho adorato questo romanzo, quasi quasi più del precedente, ma d'altronde Anna Premoli è una garanzia! Ariberto è l'uomo che tutte noi vorremmo e Giada con la sua personalità è un personaggio affatto scontato! Super consigliato per passare qualche ora di spensieratezza.

  • User Icon

    Babila

    20/07/2017 09:25:36

    Rispetto alla storia precedente, questo libro è stato una vera delusione. La protagonista femminile è davvero odiosa, emblema di una personalità e maturità inesistenti, priva di qualsiasi profondità, viziata, alternativa con i soldi di papà. Un po' meglio il protagonista maschile. Il libro straripa di cliché e vedute ristrette. Tornassi indietro, non lo ricomprerei.

  • User Icon

    Babila

    18/07/2017 07:49:33

    Rispetto alla storia precedente, questo libro è stato una vera delusione. La protagonista femminile è davvero odiosa, emblema di una personalità e maturità inesistenti, priva di qualsiasi profondità, viziata, alternativa con i soldi di papà. Un po' meglio il protagonista maschile. Il libro straripa di cliché e vedute ristrette. Tornassi indietro, non lo ricomprerei.

  • User Icon

    Dany

    17/05/2017 14:16:57

    Bello bello bello! Tornano i personaggi accennati nel romanzo precedente e, in verità, ci speravo perché si intuiva un grande potenziale! I protagonisti sono ben caratterizzati e ci si affeziona all'istante. L'ironia è sempre presente e la scrittura scorrevole e godibilissima. Lo consiglio vivamente a tutte le amanti del genere.

  • User Icon

    Mariflo

    14/08/2016 16:50:07

    Letto in una mattinata di mare, buona lettura da ombrellone, non noiosa e poco impegnativa. Storia senza grossi sussulti e tipico - per la Premoli, intendo - lieto fine. Consigliato solo in edizione economica.

  • User Icon

    bruna

    14/07/2016 17:11:43

    Bellobello bello, letto in un pomeriggio afoso diluglio, Giada è troppo forte e Berta e molto simpatico ,bella storia , alla prossima

  • User Icon

    roberta

    04/07/2016 16:06:38

    Bellissimo , l'ho divorato. All'inizio può sembrare la solita storia banale ma invece no..il personaggio di Giada è illustrato con mille sfaccettature e molto corrispondente a quanto noi donne siamo brave a complicarci la vita. Ariberto...indescrivibile, anzi no...finalmente un bel personaggio intelligente, vivo. Una bella storia con cui passare alcune ore della propria vita e ritrovarsi alla fine, ma anche durante, con il sorriso sulle labbra.

Vedi tutte le 8 recensioni cliente


Il caso editoriale degli ultimi anni. Autrice del best seller Ti prego lasciati odiare vincitrice del Premio Bancarella.

Non si sceglie di chi innamorarsi, accade in modo del tutto inconsapevole e per motivi così misteriosi che è inutile cercare di comprendere le ragioni. È questa la lezione che impara sulla propria pelle la protagonista del nuovo romanzo di Anna Premoli.
Giada è una ragazza brillante e anticonformista, che sfoggia con orgoglio i suoi piercing e i tatuaggi come simbolo di ribellione e rifiuto delle convenzioni. Scontrosa, ironica e sempre pungente, è un tipo che difficilmente viene notato dal genere maschile. La sua vita subisce uno scossone quando conosce Ariberto Castelli di Fievolo, un bellissimo ragazzo che rappresenta però l’incarnazione di un sistema che lei non ha mai sopportato: il rampollo di una ricca famiglia milanese, il classico figlio di papà, proprio il tipo che piacerebbe a sua madre e, solo per questo motivo, certamente non a lei. Eppure, costretti a lavorare a stretto contatto in una prestigiosa azienda milanese, tra di loro si instaura una sorprendente sintonia che sfocia ben presto in una grande attrazione.
Potrebbe essere la storia perfetta con il ragazzo perfetto, se non fosse per la paura di lei di cambiare, di conformarsi alle regole della “società civile”, di rinnegare se stessa per lui. Ma, si sa, l’amore è una forza inarrestabile e qualsiasi valore, qualsiasi convinzione, qualsiasi pregiudizio crolla di fronte a esso. Giada le prova tutte per odiarlo e per farsi odiare, ma Ari le tiene testa e riesce a farsi spazio nel suo cuore con dolcezza e ostinazione.

Il romanzo ha tutte le caratteristiche per catturare l’attenzione delle lettrici appassionate di romance: ironia, freschezza, una trama accattivante e scorrevole. Rispetto agli altri libri della Premoli, inoltre, questo è senza dubbio più audace: le scene d’amore non sono solo accennate ma l’intensa passione che travolge i protagonisti riesce a coinvolgere anche chi legge, come le scene di un film.
La scrittrice è abile nel delineare con precisione la psicologia dei giovani protagonisti, nel farci vivere con intensità le loro emozioni e i loro turbamenti. La vicenda è narrata interamente dal punto di vista di Giada, un personaggio alternativo, quanto di più lontano possibile dalla tipica eroina romantica. Caparbia e risoluta, fa tribolare e tiene con il fiato sospeso Ariberto, una via di mezzo tra il ragazzo della porta accanto e il principe azzurro bello, dolce e premuroso che la maggior parte delle ragazze sogna. Due personaggi completamente opposti e proprio per questo perfetti perché si completano. E, se vogliamo, anche una piccola rivincita femminile nei confronti del bello e maledetto, del bad boy di tanti romanzi contemporanei.

Anna Premoli, brillante consulente finanziaria arrivata alla scrittura quasi per caso, conferma dunque il suo talento, già evidente da Ti prego lasciati odiare, il libro fenomeno del 2013. Autopubblicato e balzato in poco tempo in cima alle classifiche degli ebook più venduti, il romanzo è arrivato ad aggiudicarsi il prestigioso premio Bancarella. Un caso editoriale non isolato, che fa molto riflettere sulle nuove frontiere del self-publishing in Italia.

  • Anna Premoli Cover

    Nata nel 1980 in Croazia, nel 1987 si è trasferita a Milano, dove si è laureata in Economia dei mercati finanziari, presso la Bocconi. Ha lavorato alla J.P.Morgan e, dal 2004, al Private Banking di una banca privata, dove si occupa di consulenza finanziaria e ottimizzazione fiscale. La matematica è sempre stata il suo forte, la scrittura invece è arrivata per caso, come “metodo antistress” durante la prima gravidanza. Ti prego lasciati odiare è stato il libro fenomeno del 2013: ha vinto il Premio Bancarella e ne sono stati opzionati i diritti cinematografici. Con la Newton Compton ha pubblicato tra gli altri: Come inciampare nel principe azzurro, Finché amore non ci separi, Tutti i difetti che amo di te, Un giorno perfetto per innamorarsi,... Approfondisci
Note legali
Chiudi