Chiudi

Siamo spiacenti si è verificato un errore imprevisto, la preghiamo di riprovare.

Impresa impossibile. Storie di italiani che hanno combattuto e vinto la crisi - Corrado Formigli - copertina

Impresa impossibile. Storie di italiani che hanno combattuto e vinto la crisi

Corrado Formigli

0 recensioni
Con la tua recensione raccogli punti Premium
pagabile con 18App pagabile con Carta del Docente
Articolo acquistabile con 18App e Carta del Docente
Editore: Mondadori
Anno edizione: 2013
In commercio dal: 2 gennaio 2014
Pagine: 116 p., Brossura
  • EAN: 9788804634164
Salvato in 6 liste dei desideri

€ 8,91

€ 16,50
spinner
Nuovo - attualmente non disponibile
Attualmente non disponibile
Leggi qui l'informativa sulla privacy
Inserisci la tua email ti avviseremo quando sarà disponibile
spinner

Grazie, riceverai una mail appena il prodotto sarà disponibile

Non è stato possibile elaborare la tua richiesta, riprova.

Gaia la libraia

Gaia la libraia Vuoi ricevere un'email sui tuoi prodotti preferiti? Chiedi a Gaia, la tua assistente personale

Storie di italiani che hanno combattuto e vinto la crisi.

«Sono tante le facce di italiani perbene che mi tornano in mente. Facce stravolte, voci strozzate, gesti duri. I tartassati dalla crisi, quelli presi a calci dalle istituzioni e dalle banche. I piccoli e medi imprenditori onesti sono i nuovi eroi italiani. Mai avrei pensato di arrivare a scriverlo. E dedicare loro il mio primo libro. Raccontando otto imprese eccezionali nel cuore della recessione. Al di là della retorica del padroncino spolpato da Equitalia, nel crac italiano di questi mesi c’è anche molta improvvisazione, tanta cialtroneria. L’incapacità di reggere la competizione. La crisi sta facendo selezione, liberandoci di chi è inadeguato a stare sul mercato, dei mille furbetti che sono rimasti immeritatamente a galla nella grande palude. La crisi inghiotte le nostre imprese a ritmi impressionanti, e nel caos muoiono i sani e i malati. Ma se vogliamo raccontare cosa c’è domani, non possiamo fermarci ai defunti. Non lo scrivo per buonismo o spirito di patria: per come siamo messi oggi, il pessimismo è un sentimento onesto. E non è con l’ottimismo elettorale che ci caveremo fuori dai guai. Però limitarsi a raccontare chi è caduto e chi cadrà non basta più. Io ho due figlie e sto tentando di capire se l’Italia è ancora un Paese per loro. Perciò ho preso la macchina e percorso il nostro Paese da Nord a Sud. Imbattendomi nell’Italia che ci crede, nonostante il vento cattivo che soffia contro. Le persone che conoscerete in queste pagine sono generose, creative, orgogliose ed egocentriche. Ho cercato prodotti speciali, visioni curiose, intenti maniacali. Ho trovato imprenditori geniali. Incazzati, disillusi e un po’ folli, però mai stanchi di provarci. C’è un filo che lega tutte le storie: il talento incredibile delle donne e degli uomini che hanno portato al successo le loro imprese. Per opporsi al declino, hanno sviluppato la fantasia e il senso di comunità. Riuscendo a moltiplicare i fatturati in situazioni disperate. E dimostrando che in Italia la crisi si può ancora vincere. Che il made in Italy è la memoria di ciò che eravamo e rischiamo di non essere più. Che solo coinvolgendo i giovani nelle aziende si possono tenere accesi sogni e desideri. Perché non può esserci impresa impossibile senza umanità.»
Gaia la libraia

Gaia la libraia Vuoi ricevere un'email sui tuoi prodotti preferiti? Chiedi a Gaia, la tua assistente personale

  • Corrado Formigli Cover

    Giornalista televisivo e conduttore di Piazzapulita su La7, è stato il primo giornalista italiano a entrare a Kobane durante l'assedio dello Stato islamico. NEgli ultimi venr'anni è stato inviato nei principali contesti ed eventi internazionali per Rai, Mediaset, SkyTG24 e La7. Ha vinto per due volte il premio Ilaria Alpi per i suoi reportage sulle stragi islamiste in Algeria e l'apartheid in Sudafrica. Recentemente ha pubblicato Impresa impossibile. Storie di italiani che hanno combattuto e vinto la crisi (Modadori 2013) e Il falso nemico. Perché non sconfiggiamo il califfato nero (Rizzoli 2016). Approfondisci
Note legali