Categorie

Antonio Lobo Antunes

Curatore: M. J. De Lancastre
Editore: Feltrinelli
Anno edizione: 2014
Formato: Tascabile
Pagine:

12 ° nella classifica Bestseller di IBS Libri - Narrativa straniera - Avventura - Narrativa di guerra e combattimento

  • EAN: 9788807884085

Recensioni dei clienti

Ordina per
  • User Icon

    luca

    23/05/2016 20.10.26

    Narrazione molto intensa, fortemente riflessiva, dalla quale emergono la sofferenza di un'esperienza di guerra che si è impressa indelebilmente nella mente. La disperazione del protagonista-autore, il dolore della guerra, la crudeltà e la spietatezza del conflitto e del colonialismo. La sofferenza degli uomini, il loro essere spaesati, sopraffatti. Ottima lettura, fa pensare....

  • User Icon

    Elena

    07/04/2016 09.04.21

    La potenza narrativa di Antunes è qualcosa di difficilmente spiegabile, in questo libro ho ritrovato Echi del Viaggio di Celine e Cuore di tenebra di Conrad, uno spaventoso e meraviglioso incontro con un uomo e il suo passato. Un passato che non vuole decidersi a tacere e che lui seppellisce malamente, in nome di una lucidità che stancamente lo mantiene nel presente. La cosa ha un prezzo da pagare, un prezzo così pesante che altro non rimane che la solitudine e sporadici incontri in bar, dove la moltitudine umana alla ricerca disperata di una spalla da sfiorare almeno per una notte si incontra. Lo squallore in questo libro è bandito dalla bellezza dello stile con cui è raccontato, un libro da sottolineare in ogni pagina (ho scoperto che solo ciò che per me è un capolavoro è da sottolineare in ogni pagina) un libro che nonostante il linguaggio volutamente forte è di una bellezza da rimanere senza respiro. Piccolo stralcio: " il tempo ci ha donato la saggezza dell'incredulità e del cinismo, abbiamo perso la semplicità franca della giovinezza al secondo tentativo di suicidio, dopo esserci svegliati in un pronto soccorso sotto l'occhio celestiale di un San Pietro con lo stetoscopio al collo, e diffidiamo dell'umanità come diffidiamo di noi stessi, perché conosciamo l'egoismo acido del nostro carattere nascosto sotto le apparenze ingannatrici di una vernice generosa".

Scrivi una recensione