Categorie

James Frey

Traduttore: B. Amato
Editore: TEA
Collana: Esperienze
Anno edizione: 2003
Formato: Tascabile
Pagine: 459 p. , ill. , Brossura
  • EAN: 9788850204793

Recensioni dei clienti

Ordina per
  • User Icon

    valerioboing

    29/03/2015 16.56.15

    Un libro scritto con un linguaggio duro e a volte innovativo. E' la storia della riabilitazione fisica e morale di un tossicodipendente. A me è piaciuto molto.

  • User Icon

    MICHELA

    08/01/2015 11.48.16

    Con un linguaggio diretto e a tratti crudo e un ritmo incalzante l'autore ci fa conoscere la sofferenza e le complesse componenti psicologiche che si nascondono dietro a queste malattie da cui guarire è particolarmente difficile, seppur non impossibile. Un libro intenso che scava nel profondo dell'essere umano e che sottolinea la fragilità che si nasconde in ognuno di noi. Mai banale e soprattutto mai retorico, riesce a catturare l'attenzione del lettore dalla prima all'ultima pagina. Per quanto mi riguarda si è rivelata una lettura impegnativa, emotivamente parlando, per cui l'ho letto "a sorsi" per riuscire così ad assorbire completamente la storia. Gli avrei dato un bel voto se non avessi scoperto, solo dopo averlo finito, che l'autore è stato accusato di aver inventato molte parti del libro. Queste accuse sono stata successivamente verificate e purtroppo si sono rivelate vere. Lo stesso autore, davanti all'evidenza, ha dovuto ammettere di aver cambiato vari particolari e di aver aggiunto episodi mai accaduti con lo scopo di creare dei momenti di "tensione" e suspense. La mia delusione non è stata poca! Ero convinta di trovarmi di fronte a fatti realmente avvenuti e invece lo sono solo in parte. Ritengo che l'autore abbia sbagliato a voler far passare il libro per una cosa che non è in quanto la sincerità e il rispetto verso il lettore è fondamentale.

  • User Icon

    Ema

    30/03/2014 14.45.00

    Questo libro è come la Furia che attanaglia James nel momento in cui entra nella struttura e smette di assumere alcol e droga. Mentre lo leggi, arriva piano piano dallo stomaco e ti prende tutto il corpo, ti paralizza, grida nella tua mente che ti sta possedendo e non ti lascia scampo, sta a te farla calmare e aspettare che passi. E' un libro sull'amicizia che lega le persone accomunate dall'unico scopo della loro vita, guarire e smettere di essere dipendenti; un libro sull'amore, sentimento a cui ci si appende per cercare di salvarsi, di pensare a qualcosa che non sia la dipendenza che ci insegue; una libro sulla paura, paura delle piccole e grandi cose, di respirare, vivere, essere pronti ad affrontare il mondo dopo aver distrutto il nostro. Veramente toccante la parte finale dove si scopre che fine hanno fatto tutte le persone in terapia con James, d'altronde si sa, c'è una percentuale di guarigione del 15%, la furia non dà scampo.

  • User Icon

    the answer

    15/03/2014 20.08.01

    un libro consigliato a chi vuole entrare nell'inferno della dipendenza da droghe ,ma trova la forza di combatterle per scegliere di vivere o morire.Molto crudo ,ti entrea nella pelle,il titolo del libro indovinatissimo.Avvincente,emozionante,molto ben scritto.Da leggere perchè ti fa riflettere sui vari fattori delle peculiarità delle persone e dalla vita

  • User Icon

    Elena

    30/01/2014 14.38.42

    Questo libro mi è piaciuto veramente molto. La vita da tossico e l'esperienza in un centro riabilitativo raccontata con un linguaggio crudo e vero, semplice e coinvolgente. Un libro che a tratti mi ha davvero emozionato, l'autore mi ha trasmesso le sue paure quando le raccontava, i suoi pensieri, le sensazioni che provava..e devo dire che un paio di volte mi sono anche commossa. Certo, le descrizioni dei propri pensieri e delle situazioni possono sembrare un po' pesanti (per questo non do 5/5), ma credo che servano per capire a fondo la situazione e appunto le emozioni e sensazioni che lui prova. Un libro consigliassimo per parla della droga ma non la conosce, per chi pensa che sia facile disintossicassi. Una testimonianza nei minimi particolari.

  • User Icon

    MARCO

    05/09/2013 01.48.30

    E' scritto bene! J.F. ti accompagna con la scrittura/ nella scrittura a raccontare la ricerca della sopravvivenza vissuta come una reale scommessa con se stessi...la difficoltà a uscirne vivi trasuda dalle sue pagine...e la fine del libro ci lascia un senso di massimo rispetto per tutti i personaggi, da quello più simpatico a quello più antipatico, perchè si arriva a cogliere le difficoltà di ciascuno di loro (noi)a percorrere il prorio (nostro) cammino in questa vita con il fardello del proprio karma. E' una lettura che servirebbe a molti!

  • User Icon

    Eli

    27/02/2013 13.59.32

    Libro molto crudo e molto vero.. Veramente un bel libro assolutamente da leggere..

  • User Icon

    Certenotti

    15/09/2012 23.33.45

    Uno dei libri più belli che abbia mai letto.Posso dre che è stato fondamentale in un momento delicato della mia vita??beh può sembrare una frase fatta ma non è così. Questo libro è arrivato in un momento in cui sentivo di aver perso tutto, e questa storia dura..cruda questa storia di amicizia vera nata in condizioni disperate non la dimenticherò mai Non credo sia un libro per tutti..però leggetelo non ve ne pentirete

  • User Icon

    veronica

    15/09/2012 22.58.23

    Bello,crudo e molto veritiero.Scritto e raccontato nei minimi dettagli,a volte un po' forte nelle espressioni ma sicuramente ti fa capire cosa comporta diventare dipendente da alcool e droga.Consigliato

  • User Icon

    Cla

    11/04/2012 17.17.58

    Crudo, Violento, Straziante. Un viaggio nell'inferno delle dipendenze narrato magistralmente. Indimenticabili alcuni passaggi, fra i quali il seguente merita di essere menzionato: "So che quando si toglie la dignità a un uomo resta un buco, un profondo buco nero pieno di disperazione, umiliazione e odio per se stessi, pieno di vuoto, di vergogna e di disonore, pieno di perdita e isolamento e Inferno. È un fottuto buco profondo buio, orribile, e quel buco è dove quelli come me vivono la loro vita triste, fottuta, senza dignità, inumana, e dove muoiono soli, miserabili, devastati e dimenticati". Un libro stupendo.

  • User Icon

    Blue

    12/02/2012 15.52.13

    uno scrittore geniale. una prosa geniale, narrata in modo geniale. James Frey è lo scrittore del XXI secolo. e non è qualcosa che si può descrivere è qualcosa che senti. una scrittura che raggiunge le viscere, si insedia lì e vi rimane dalla prima all'ultima pagina.

  • User Icon

    Carmine

    01/01/2012 19.20.16

    Un libro che nella prima parte vivace cattura il lettore (personalmente un dejavu), spietatamente bello quando parla degli insetti e dell'effetto dei farmaci che ti somministrano per annullare il dolore e la vita; ma c'è anche tanta noia in questo libro, con sprazzi di intensità che ogni tanto ammutoliscono la monotonia.. Ho letto decisamente letto di meglio su storie di droghe. Giudizio finale: sopravvalutato!!

  • User Icon

    Gianpi

    23/08/2011 22.40.09

    Interessante la descrizione degli stati d'anio e risvolti piscologici delle dipendenze. Molto diretto e crudo peculiarita' del testo. Purtoppo molo noioso in molte e lunghe pagine.

  • User Icon

    Mauro

    28/07/2011 19.41.42

    Ho finito oggi di leggerlo .Bellissimo. Una scrittura semplice e comunicativa. Non pretende di essere un capolavoro , e come il protagonista, non pretende di piacere,non pretende niente. Però comunica , attraverso le parole scorre un bel messaggio: qualsiasi cosa succede questo dipende da te, non sarà facile, non sarà semplice ma dipende solo da te; e che si impara da tutti, anche da chi ormai è un relitto. Lo consiglio vivamente.

  • User Icon

    Alecs

    31/08/2010 21.38.38

    Nudo e crudo, commovente nella sua realtà. In uno stile davvero moderno e assolutamente aderente al contesto narrativo, troviamo un affresco perfetto delle bassezze dell'umanità dei giorni nostri e i suoi possibili slanci di vita. Da leggere.

  • User Icon

    Giada

    21/01/2010 19.43.51

    Questo è il libro che regalerei a tutti per dare a tutti la grande possibilità di leggerlo!! Stupendo!!!

  • User Icon

    elisabetta riva

    30/11/2009 21.17.59

    Marco, 30 novembre alle ore 18.00 Questo è quello che mi ha screitto il mio amico Marco prima di entrare in comunità, ho già messo la mia recensione positiva su questo libro e vi voglio dire il suo pensiero al riguardo delle comunità e della ns forza interiore. "Ciao Betty, stamattia ero ancora a ...ho provato a chiamarti ma avevi il cell spento poi sn dovuto tornate a..... Come ti dicevo la precomunità sarà un test per te per vedere quanta è ampia la tua motivazione, sarà dura perche ci sarà gente sul disperato andante e nn ci sarà molto da fare, devi trovarti qualche cosa per passare il tempo..portati libri e magari scrivi, nn portare oggetti di valore come ti dicevo ci sono persone che sn li solo per un pasto caldo ma nn hanno nessuna voglia di rimettersi. Dunque armati di santa pazienza, e cerca di vederla come un'opportunità per fare i conti con te stessa. Quando poi sarai in una vera comunità, li incomincia il tuo cambiamento, devi cercare di fidarti delle persone che ci sn li e pensa che tutto quello che fanno lo fanno per te, alle volte vorrai ammazzarli o sbattere la porta in faccia e magari di piantare tutto....sii te stessa e cerca di pensare che cambiare è possibile, ti ricordi com'ero? sai che ora nn devo neanche fare fatica a dire di no alla bottiglia... nn bere è la cosa più naturale per me, nn fa più parte della mia vita, in questo periodo ho un sacco di problemi, ma nn riesco ad immaginarmi con la bottiglia in mano... sensazione bellissima...libero!!! ho una vita tutta nuova, se mi dicevano che sarei cambiato così, nn ci avrei creduto! ora cerca di nn pensare al passato e a quello che hai perso pensa solo al presente giorno per giorno, trova una piccola cosa che ti faccia felice ogni giorno....Don Aldo dice sempre che se ci mettessero davanti ttte le cose che dobbiamo mangiare in tutta la nostra vita... ci verrebbe la nausea...ma giorno per giorno il cibo ci soddisfa..." Dico a tutti: questo libro è la verità di Marco. Grazie di cuore.

  • User Icon

    Stefano

    21/10/2009 13.34.40

    Stupendo. Riesce a "trascinare" il lettore da una sensazione all'altra, anche se prevale un sentimento di solitudine e disperazione ma si vede scritto con coraggio e volontà. Pagine e pagine che ci fanno percepire sconforto e l'altalena dei sentimenti di tutti i personaggi che incontreremo e che per superare le proprie malattie e dipendenze (c'è di tutto, alcool, crack, eroina, anfetamina,...) dovranno mettere a dura prova mente e corpo. Linguaggio crudo e diretto ma un esperienza di vita vera riportata in modo egregio. Leggendolo ammetto di aver provato più di una volta qualche smorfia di disgusto, ma per descrivere l'inferno non si è mai troppo duri. Il metodo di scrittura è piuttosto semplice ma serve un breve periodo per abituarcisi. Fa, infatti, scarso uso della punteggiatura ed i discorsi riportati istintivamente come se fossero frasi nella mente dell'autore che ripercorre brevi passi della sua vita. Credo che serva a farci immedesimare nel fiume di pensieri, parole e sensazioni che travolgono il protagonista (appena 23 enne), ci sentiremo così parte del suo passato ed i suoi problemi saranno i nostri (nei limiti 8P). In realtà non credo sia fino in fondo una biografia, ma di sicuro c'è molto della vita passata dell'autore, il giovane James Frey. Consigliatissimo, ma non per tutti dato il contenuto piuttosto shockante. Libro per persone mature e che vogliono capire e comprendere.

  • User Icon

    Lomax

    01/09/2009 11.23.02

    Libro duro, che affonda come un pugno nello stomaco. Di incredibile potenza narrativa, di straordinaria carica emotiva. E, come già detto, poco importa che la storia sia frutto di immaginazione: va comunque letta perché rimane dentro!

  • User Icon

    ciomegna

    14/05/2009 17.12.50

    Libro veramente pesante e noioso

Vedi tutte le 71 recensioni cliente (dalla più recente) Scrivi una recensione