Chiudi

Siamo spiacenti si è verificato un errore imprevisto, la preghiamo di riprovare.

In nome della madre - Erri De Luca - copertina

In nome della madre

Erri De Luca

Con la tua recensione raccogli punti Premium
Editore: Feltrinelli
Collana: I narratori
Anno edizione: 2006
In commercio dal: 23 febbraio 2009
Pagine: 79 p., Brossura
  • EAN: 9788807017094
Salvato in 82 liste dei desideri

€ 8,75

€ 9,00
(-3%)

Venduto e spedito da Diraco Store

spinner

Disponibilità immediata

Solo una copia disponibile

+ 4,90 € Spese di spedizione

Quantità:
LIBRO
Nuovo - attualmente non disponibile
Attualmente non disponibile
Leggi qui l'informativa sulla privacy
Inserisci la tua email ti avviseremo quando sarà disponibile
spinner

Grazie, riceverai una mail appena il prodotto sarà disponibile

Non è stato possibile elaborare la tua richiesta, riprova.

Altri venditori

Mostra tutti (3 offerte da 3,60 €)

Gaia la libraia

Gaia la libraia Vuoi ricevere un'email sui tuoi prodotti preferiti? Chiedi a Gaia, la tua assistente personale

L'adolescenza di Miriam/Maria smette da un'ora all'altra. Un annuncio le mette il figlio in grembo. Qui c'è la storia di una ragazza, operaia della divinità, narrata da lei stessa. L'amore smisurato di Giuseppe per la sposa promessa e consegnata a tutt'altro. Miriam/Maria, ebrea di Galilea, travolge ogni costume e legge. Esaurirà il suo compito partorendo da sola in una stalla. Ha taciuto. Qui narra la gravidanza avventurosa, la fede del suo uomo, il viaggio e la perfetta schiusa del suo grembo. La storia resta misteriosa e sacra, ma con le corde vocali di una madre incudine, fabbrica di scintille. L'enorme mistero della maternità. Una lettura della storia di Maria che restituisce alla madre di Gesù la meravigliosa semplicità di una femminilità coraggiosa, la grazia umana di un destino che la comprende e la supera. De Luca al vertice della sua sapienza narrativa.
Gaia la libraia

Gaia la libraia Vuoi ricevere un'email sui tuoi prodotti preferiti? Chiedi a Gaia, la tua assistente personale

4,51
di 5
Totale 53
5
36
4
12
3
2
2
2
1
1
Scrivi una recensione
Con la tua recensione raccogli punti Premium
  • User Icon

    giuseppe giovannini

    16/11/2020 20:54:34

    Erri De Luca riesce a far emergere il non-detto della Bibbia: sentimenti, sensazioni, pensieri, emozioni, paure, gioie. Un libro delicato, da leggere e ri-leggere!

  • User Icon

    Manu95

    01/09/2020 14:17:13

    In nome della madre di De Luca è una lettura davvero intensa, in cui si assapora una parola alla volta. È la storia dell'Annunciazione di Maria, vista con gli occhi un uomo e tradotta in un delicato racconto di grande forza espressiva. Certamente leggerò altri libri di De Luca.

  • User Icon

    FEDERICA

    29/07/2020 07:38:38

    È un libro spirituale più che religioso, incentrato sulla storia di Miriam, Maria di Nazareth, donna ebrea che improvvisamente si trova ad attendere nel suo grembo il Salvatore del mondo. È la storia dell’amore della madre per suo figlio, del dolore, della responsabilità. Lo consiglio a chi vuole leggere la nascita di Gesù da un punto di vista diverso, quello della madre.

  • User Icon

    Felicia

    08/05/2020 19:39:45

    Breve e intenso come una preghiera.

  • User Icon

    salvo

    01/01/2020 22:37:59

    Uno dei migliori libri sulla figura di Maria, al di la del devozionismo, che rende ancora più palpabile l'umanità di colei che per due miliardi di persone, è la madre di Dio

  • User Icon

    Concetta

    29/10/2019 09:23:55

    Un libro profondo, vero, calato nella realtà quotidiana di un tempo lontano che non ha più confini definiti ma giunge - pienamente vero - fino a noi. La storia di Miriam, letta, raccontata e vissuta con gli occhi e il cuore di una donna. Un libro veramente bellissimo.

  • User Icon

    diana

    10/03/2019 15:31:58

    Davvero interessante. Mi ero approcciato al libro con diffidenza: sparita dopo dieci pagione. L'ho terminato e l'ho letto nuovamente. Lo consiglio.

  • User Icon

    Patrizia

    04/03/2019 18:03:57

    Rilettura dei vangeli dell'infanzia, dall' Annunciazione alla Natività, che attinge tanto ai racconti canonici quanto alle tradizioni apocrife per rielaborare una visione originale e introspettiva degli eventi biblici, focalizzata sul punto di vista di Maria. Una lettura che scorre veloce, ma tuttavia non banale perché capace di sfiorare le corde dell'anima del lettore ( credente o meno) mediante l'uso di immagini semplici ma poetiche.

  • User Icon

    enrico

    14/12/2017 15:29:13

    sono dieci anni che ,ad ogni avvento , rileggo questo libro ed ogni volta mi sembra sempre più bello!

  • User Icon

    marco spinetta

    06/03/2014 17:45:59

    Finalmente ho capito che cosa c'è nel presepio, il valore del bue e dell'asina, il potere della stella cometa. De Luca, in stato di grazia, ci spiega che cosa vuole dire "Ave, Miriàm, piena di grazia", come mai nessun predicatore saprà fare.

  • User Icon

    silvia

    10/06/2013 19:05:33

    Invio questa recensione perchè questo è uno dei libri più BRUTTI che io abbia mai letto in vita mia e sono invero stupita da tutti questi commenti estasiati! personalmente, mi ha infastidita dalla prima all'ultima pagina: mieloso, ad effetto, falso, ridondante...e vagamente misogino. Il signor de Luca ha trovato certamente il suo filone e la sua miniera d'oro,ammetto che possa anche piacere e soprattutto ognuno di noi ha i propri gusti e rispetto ed onore all'autore ed ai suoi lettori ma... la poesia e la grazia vanno cercati altrove, non fermiamoci qui.

  • User Icon

    Luisa

    06/06/2012 10:56:25

    Come una madre qualsiasi...così Erri De Luca ci parla della Madonna e del suo percorso verso il suo bambino, una madre, con sogni e sentimenti simili a quelli di tutte le madri, contesa tra la voglia di conoscere il suo bambino e quella di tenerselo per sempre in grembo per difenderlo, proteggerlo, non dividerlo con nessuno. Sono madre da poco e mi ritrovo in tutto il libro, sono le mie quelle sensazioni, sono miei quei pensieri. Fantastico.

  • User Icon

    erika mugnaini

    01/01/2012 19:01:17

    Un canto d'amore: quello di Maria per il suo bambino. Al di là di ogni uomo, di ogni legge, la perfetta schiusa del suo grembo musicata in parole. Una poesia, il monologo della Madonna con Josuha/Gesù, dolcissima dichiarazione d'amore di una madre al figlio. Da leggere con la propria madre,finchè si può, con il proprio figlio se lo si ha. Fa venire in mente notti di luna e acque rischiarate da chiarori materni.Bellissimo.

  • User Icon

    paola

    21/06/2011 23:51:10

    un libro come pochi, emozionante, tenero, dolce...... un libro assolutamente da leggere e rileggere

  • User Icon

    alex

    16/04/2011 12:35:06

    Leggero, fresco, disarmante, coinvolgente, semplice, complice, questo è il rapporto tra Maria e Gesù che Erri De Luca magistralmente ci descrive in queste pagine bagnate di un amore divino prima che materno. Personaggi, stati d'animo e contesti che risultano familiari e ci rendono meno fantastico e meno lontano l'avvento e la notte che ha cambiato le sorti del nostro vivere. Bravo Erri.

  • User Icon

    Ilaria

    23/03/2011 23:49:26

    Complimenti di vero cuore...Un testo puro, semplice e diretto pur nella sua complessità, profondamente vero e sincero. Grazie per questa bella emozione e gioiosa riflessione... di quanto l'amore possa colmarci e dare luce anche là dove noi non possiamo vedere, nel suo infinito, caldo e avvolgente mistero, proprio come l'utero di una madre.

  • User Icon

    Paolo Zecchi

    10/01/2011 23:26:00

    Una riscrittura del vangelo, a tratti poetica e anche toccante, a tratti stucchevole (alcune frasi da bacio Perugina, alcune insulse come quella di copertina). Dall'autore di "Non ora non qui" mi aspettavo qualcosa di meglio.

  • User Icon

    luca28

    05/01/2011 20:51:54

    salve,ho avuto modo di leggero,e l'ho trovato molto profondo,e nel farlo vi assicuro,che non sono riuscito a staccarmi dalla lettura,perchè regala a mio avviso espressioni di grande delicatezza,ed emozioni che appartengono piu'al mondo femminile,ha dei passaggi che riportano al dono della vita, al vissuto nel grembo di una madre,al legame unico che nasce con una creatura.è un libro ricco di sentimenti, per una lettura che si adagia sulla dolcezza delle parole.un ottimo regalo da fare.

  • User Icon

    Sabina

    29/09/2010 14:40:51

    Eccellente libro narrato da Maria, in attesa di Gesù. E' bellissim al'accettazione del volere divino da parte di Maria e Giuseppe, immersi in una società romana di pregiudizi. Maria attende Suo figlio nella Grazia, con gioia, fiducia nel domani e nel Signore, serenità, lietizia sotto la coperta di stelle che la divide dal Sole.

  • User Icon

    Elisa

    12/07/2010 20:32:49

    una lettura dolce, calda, ... proprio una carezza. E l'ultima parte, quando Miriam si chiede cosa desidera per questo figlio, quasi commovente.

  • User Icon

    Rocco

    14/03/2010 19:06:38

    È il primo libro di Erri de Luca che leggo e non mi ha convinto. Reduce dalla lettura de (quello si che è un capolavoro) Il vangelo secondo Gesù Cristo di Saramago, trovo questo libricino inferiore di diversi ordini di grandezza. Normalmente con 7/8 euro riesco a portare a casa libri che mi tengono compagnia e mi appassionano per diversi giorni (l'ultimo preso: la coscienza di zeno), questo -invece- dura meno di un quotidiano e appassiona meno; ma costa sette volte tanto. La stessa storia è molto più coinvolgente e appassionante nel libro di Saramago. Non ditemi che è poesia, non l'ho trovata.

  • User Icon

    marelu

    23/12/2009 10:27:26

    Intenso, meraviglioso, sublime, una poesia d'amore unica

  • User Icon

    piergiorgio

    11/10/2009 10:31:13

    Libro splendido! E' una poesia d'amore, di Iosef per Miriam e di Miriam per il figlio...La pagina sulla descrizione della grazia è meravigliosa, intensa...

  • User Icon

    alessandra

    07/10/2009 21:32:32

    A costo di risultare scontata dico che raramente ho trovato libri in cui la tenerezza e la delicatezza sono così ben rese dal linguaggio usato. La figura più sorprendente è quella di Iosef così silenzioso eppure così attaccato all'evidenza di quel fatto nonostante tutto il mondo sia contro di lui e la sua amata. Un libro che tutti dovrebbero leggere almeno come terapia contro il cinismo e la mancanza di sentimenti.

  • User Icon

    Monica

    26/08/2009 21:07:19

    un portinaio saggio...che ti sta accanto con amore e discrezione...un romanzo bello con quella giusta malinconia...tanta vita,tanta poesia!

  • User Icon

    diablo

    13/05/2009 10:16:55

    stupendo, un piccolo grande libro che restituisce un'immagine profonda e umana della Vergine..anche per atei e dubbiosi

  • User Icon

    ornella

    27/05/2008 16:58:05

    una carezza calda sull'anima, questa la mia sensazione ad ogni riga...una meraviglia di scrittura che parla un linguaggio inconfondibile quello dell'universo "AMORE"...grazie per essere cosi capace..erri ...mille volte grazie, grazie per la poesia...

  • User Icon

    Tinama

    03/04/2008 11:43:48

    E’ una rilettura semplice, poetica ma allo stesso tempo forte della maternità di Maria che ha del reale pur rimanendo nel mistero con una delicatissima storia d’amore come sottofondo. “Miriam, sai cos’è la grazia? ….Non è un’andatura attraente, non è il portamento elevato di certe nostre donne bene in mostra. E’ la forza sovrumana di affrontare il mondo da soli senza sforzo, sfidarlo a duello tutto intero senza neanche spettinarsi… E’ un dono e tu l’hai avuto. Chi lo possiede è affrancato da ogni timore… Tu sei piena di grazia… Tu la spargi, Miriam: pure su di me.” Non c’è più bella dichiarazione d’amore. Il coraggio e la fede di Josef e di Miriam che sanno affrontare i pregiudizi e la società del loro tempo con purezza di intenti sono ancora un miraggio per l’uomo di oggi? E’ un libro da leggere per trovare la forza di essere uomini e donne a 360°.

  • User Icon

    monichina

    08/02/2008 17:46:34

    IN NOME DI MIA MADRE ANZI IN NOME DELLE NOSTRE MADRI ABBIAMO INAGURATO LA VITA MA DIO IN NOME DI SE STESSO HA FATTO INAUGURARE IL MONDO...CHE GRANDE PASTICCIO CHE FECE...NE HO LETTI TROPPI DI LIBRI MA QST è QUELLO KE RICORDO PIU PIACEVOLMENTE PER IL SUO CONTENUTO E LA SUA FRASE INIZIALE...IN NOME DEL PADRE SI INAUGURA LA PREGHIERA IN NOME DELLA MADRE SI INAGURA LA VITA....MONICA

  • User Icon

    VICE

    08/02/2008 12:11:57

    Ho sempre difficoltà con i libri di De luca. Mi prendono per traverso e tagliano le mie inquietudini e pensieri mettendole in parola semplice, che rende essenziale ciò che sento e non riesco a "chiuedere". Sono colpi di luce e colore che legano l'immagine al respiro. Anche in questo libro, ancora una volta, c'è questo amore che non è "confessionale" ma è di tutti quelli che lo provano; c'è questo farsi carico, in Giuseppe, di un impegno che trascende tempi e luoghi e che ha in sè una forza indescrivibile; vi è tutta l'umanità di un fatto "umano", prima che religioso. Una serie di valori universali che ci appartengono, credo, prima di qualsiasi battesimo o affiliazione. Vi è bellezza e valore e non condanna e peccato o mistero non "umano". Ho sempre pensato che Giuseppe potesse essere bello e giovane nell'amore. E così Maria. E che l'atto che ha preceduto la nascita non fosse necessariamente "macchia e...peccato". Mi piace questo libro. Mi avvicina al mistero. MI piace questo De Luca. Entra dentro. Va verso il "dentro". E come sempre, con quella semplicità che si oppone al banale.

Vedi tutte le 53 recensioni cliente
  • Erri De Luca Cover

    Diciottenne, vive in prima persona la stagione del '68 ed entra nel gruppo extraparlamentare Lotta Continua. Poi sceglie di esercitare diversi mestieri manuali in Africa, Francia, Italia: camionista, operaio, muratore. Studia da autodidatta l'ebraico e traduce alcuni libri della Bibbia. È opinionista de «il Manifesto».Ha pubblicato con Feltrinelli: Non ora, non qui (1989), Una nuvola come tappeto (1991), Aceto, arcobaleno (1992), In alto a sinistra (1994), Alzaia (1997), Tu, mio (1998), Tre cavalli (1999), Montedidio (2001), Il contrario di uno (2003), Mestieri all’aria aperta. Pastori e pescatori nell’Antico e nel Nuovo Testamento (con Gennaro Matino, 2004), Solo andata. Righe che vanno troppo spesso a capo (2005), In nome della madre (2006), Almeno 5 (con Gennaro... Approfondisci
Note legali