Editore: Garzanti Libri
Anno edizione: 2016
Formato: Tascabile
In commercio dal: 17 marzo 2016
Pagine: 206 p., Brossura
  • EAN: 9788811671121
pagabile con 18App pagabile con Carta del Docente

Articolo acquistabile con 18App e Carta del Docente

Approfitta delle promozioni attive su questo prodotto:
Usato su Libraccio.it - € 6,48
Descrizione

"In questo Stato" venne scritto di ora in ora, per registrare la straordinaria agitazione o eccitazione delle settimane così drammatiche ed equivoche del "caso Moro". Si presentava quindi come "un deposito, magazzino, inventario e diario critico di tante cose pubbliche e private, personali e politiche dette, lette, fatte, scritte, vissute nel nostro Paese durante i due incredibili mesi" che separano il 16 marzo, data del sequestro del leader democristiano e dell'omicidio della sua scorta, e il 9 maggio 1978, quando il suo cadavere venne fatto ritrovare in via Caetani. Pubblicato poche settimane dopo gli eventi che racconta, questo "instant book" viene ora riproposto con una nuova postfazione. Ne emerge la realtà di un Paese che ha vissuto i suoi anni di piombo fra "delitti & canzoni", secondo le proprie tradizioni ataviche, ora aggiornate: bande armate con feroci esecuzioni capitali sui marciapiedi; e applauditissime esecuzioni musicali, in vinile o "live". Un Paese che si dimostra ancora oggi smaccatamente senza Storia e senza Memoria.

€ 10,20

€ 12,00

Risparmi € 1,80 (15%)

Venduto e spedito da IBS

10 punti Premium

Disponibilità immediata

Quantità:
 
 
 

Recensioni dei clienti

Ordina per
  • User Icon

    Camco

    19/09/2018 08:37:14

    La scrittura di Arbasino corre indietro a sé stessa, saltella e fa le boccacce, ritmica e come sconclusionata, evanescente, monellaccia, dunque non me l’aspettavo affatto fosse suo il pugno di questo saggio civile duro e inclemente, pasoliniano nella sostanza per quanto arbasinianissimo nelle forme. L’Italia è il paese delle ricorrenze dei suoi irrisolti e le osservazioni all’istante di Arbasino sui linguaggi espressi dall’Italia del rapimento Moro andavano bene allora e ora allo stesso modo, perché la nostra presunta civiltà non è ancora uscita dal covo in cui l’hanno sequestrata, e noi stiamo ancora a chiederci se ce l’abbia trascinata qualcuno lì dentro o se vi ci sia rifugiata da sola, come non conoscesse posto ideale migliore per sé.

Scrivi una recensione