Offerta imperdibile
Salvato in 15 liste dei desideri
disponibilità immediata disponibilità immediata
Info
In una stanza sconosciuta
17,10 € 18,00 €
LIBRO
Venditore: IBS
+170 punti Effe
-5% 18,00 € 17,10 €
disp. immediata disp. immediata
Chiudi
Altri venditori
Prezzo e spese di spedizione
ibs
17,10 €
disponibilità immediata disponibilità immediata
Info
Nuovo
Libreria Nani
17,10 € + 5,95 € Spedizione
disponibile in 3 gg lavorativi disponibile in 3 gg lavorativi
Info
Nuovo
Libreria Bortoloso
18,00 € + 5,49 € Spedizione
disponibile in 5 gg lavorativi disponibile in 5 gg lavorativi
Info
Nuovo
LIBRIAMO
18,00 € + 5,49 € Spedizione
disponibilità immediata disponibilità immediata
Info
Nuovo
Multiservices
18,00 € + 5,50 € Spedizione
disponibile in 8 gg lavorativi disponibile in 8 gg lavorativi
Info
Nuovo
Bookbay Book Store
18,00 € + 5,90 € Spedizione
disponibile in 5 gg lavorativi disponibile in 5 gg lavorativi
Info
Nuovo
Altri venditori
Prezzo e spese di spedizione
ibs
17,10 €
disponibilità immediata disponibilità immediata
Info
Nuovo
Libreria Nani
17,10 € + 5,95 € Spedizione
disponibile in 3 gg lavorativi disponibile in 3 gg lavorativi
Info
Nuovo
Libreria Bortoloso
18,00 € + 5,49 € Spedizione
disponibile in 5 gg lavorativi disponibile in 5 gg lavorativi
Info
Nuovo
LIBRIAMO
18,00 € + 5,49 € Spedizione
disponibilità immediata disponibilità immediata
Info
Nuovo
Multiservices
18,00 € + 5,50 € Spedizione
disponibile in 8 gg lavorativi disponibile in 8 gg lavorativi
Info
Nuovo
Bookbay Book Store
18,00 € + 5,90 € Spedizione
disponibile in 5 gg lavorativi disponibile in 5 gg lavorativi
Info
Nuovo
Altri venditori
Prezzo e spese di spedizione
Chiudi
In una stanza sconosciuta - Damon Galgut - copertina
Chiudi

Prenota e ritira

Verifica la disponibilità e ritira il tuo prodotto nel Negozio più vicino. Scopri il servizio

Chiudi

Riepilogo della prenotazione

In una stanza sconosciuta Damon Galgut
€ 18,00
Ritirabile presso:
Inserisci i dati

Importante
  • La disponibilità dei prodotti non è aggiornata in tempo reale e potrebbe risultare inferiore a quella richiesta
  • Per facilitarti il ritorno in libreria, abbiamo introdotto un nuovo servizio di coda virtuale. Ufirst ti permette di prenotare comodamente da casa il tuo posto in fila e può essere utilizzato in tante librerie laFeltrinelli, fino a 30 minuti prima della chiusura del negozio. Verifica qui l’elenco aggiornato in tempo reale dove è attivo il servizio Ufirst.
  • Una volta ricevuta la mail di conferma, hai tempo 3 giorni per ritirare il prodotto messo da parte (decorso questo termine l’articolo verrà rimesso in vendita)
  • Al momento dell’acquisto, ai prodotti messi da parte verrà applicato il prezzo di vendita del negozio.
Chiudi

Grazie!
Richiesta inoltrata al negozio

Chiudi

Descrizione


In questo nuovo romanzo dello scrittore sudafricano Damon Galgut, un giovane viaggiatore solitario attraversa l'Africa occidentale, la Svizzera, la Grecia e l'India. Senza cognizione precisa di cosa stia cercando e riluttante all'idea di tornare a casa, segue i sentieri dei viaggiatori che incontra sul suo cammino. Trattato da amante, accompagnatore, guardiano, ogni nuovo incontro - con uno straniero enigmatico, un gruppo di indolenti vagabondi, una donna sul baratro - lo porta a confrontarsi sempre più a fondo con la sua identità. Attraversando lande pacifiche e frenetici incroci di confini, ogni nuova direzione è permeata da profondi lutti mentre il protagonista viene sospinto verso una tragica conclusione. "In una stanza sconosciuta" è un romanzo pieno di rabbia e compassione, di un desiderio nostalgico e combattuto, e di un'intensa e evocazione della vita on the road. Pubblicato inizialmente su The Paris Review in tre parti, una delle quali selezionata per il National Magazine Award e un'altra per l'O. Henry Prize, "In una stanza sconosciuta" è stato finalista al Man Booker Prize nel 2010.
Leggi di più Leggi di meno

Dettagli

E/O
2011
1 aprile 2011
209 p., Brossura
9788876419645

Valutazioni e recensioni

5/5
Recensioni: 5/5
(1)
Scrivi una recensione Scrivi una recensione
5
(1)
4
(0)
3
(0)
2
(0)
1
(0)
Umberto Mottola
Recensioni: 5/5

E' un grande romanzo, e non solo di viaggi, perché pieno di umanità, i personaggi hanno un grande spessore emotivo e credo che non li dimenticherò facilmente, specialmente Anna che deve fare i conti ogni minuto della sua vita con la malattia mentale. A pagina 53 leggiamo: "...uno degli elementi più irresistibili di un viaggio, il senso di terrore che soggiace a tutto, che rende più intense e acute le sensazioni, ...". L'autore analizza e descrive bene i legami e le tensioni che nascono dalle frequentazioni durante un viaggio. A pagina 126 leggiamo: "...sto scrivendo di me solo, ..., ed è proprio per questa ragione che ho sempre fallito in ogni amore, ...". Notevoli le pagine in cui Damon lotta per salvare la sua amica Anna. Però, nei dialoghi, ritengo che quando si pongono delle domande vada messo il punto interrogativo. Un po' abusato anche l'uso di spazi bianchi per indicare stacchi temporali o emotivi. Interessante il rapporto un po' ambiguo di Damon col compagno di escursioni Reiner.

Leggi di più Leggi di meno
Chiudi

Recensioni

5/5
Recensioni: 5/5
Scrivi una recensione Scrivi una recensione
5
(1)
4
(0)
3
(0)
2
(0)
1
(0)

Voce della critica

Un uomo cammina per pianure, montagne e città; è solo con se stesso anche quando si accompagna ad altri. Nelle latitudini sconfinate e sempre diverse di tre continenti sembra volere sperimentare la possibilità di un incontro significativo con l'altro, di un rapporto che vada oltre la casualità, che sia capace di resistere nel tempo a prove estreme, ma ogni volta è sconfitto dalla propria incapacità di andare oltre se stesso di e offrirsi all'altro senza riserve.
Il nuovo romanzo del sudafricano Damon Galgut, In una stanza sconosciuta, nell'originale sottotitolato Three Journeys, finalista al Man BookerPrize 2010, non utilizza tuttavia i moduli convenzionali del travel book perché non sono i luoghi a interessare il narratore, a cui i paesaggi appaiono "una serie di forme, trame e linee che non hanno alcun rapporto con lui", quanto l'indagine intorno a un sé oscuro e ossessivamente osservato. L'esperienza stessa del viaggio appare così vanificata nella sua percezione: "Un viaggio è un gesto inscritto nello spazio, svanisce nel momento stesso in cui viene compiuto. Vai da un luogo a un altro, e da lì in un altro luogo ancora, e dietro di te già non c'è più traccia del fatto che ci sei stato (…) perfino l'aria si chiude come acqua alle tue spalle". La "strange room" del titolo finisce per identificarsi con lo spazio ridotto di un io sconosciuto.
I "tre viaggi" del romanzo corrispondono a sezioni coerentemente intitolate non a luoghi ma a tre modi d'essere del camminatore solitario, omonimo dell'autore, in rapporto con l'altro: il seguace, l'amante, il guardiano. Nel primo, ambientato tra Grecia e Lesotho, irretito nell'orbita magnetica di un misterioso giovane tedesco verso il quale sente un'attrazione che potrebbe a ogni momento sfociare in qualcosa d'altro, il narratore si descrive come colui che segue, o forse insegue, vanamente l'altro, mentre la carica erotica si stempera in un malcelato conflitto di potere. Nel secondo, tra Malawi, Tanzania e Svizzera, il camminatore si aggrega a un gruppetto eterogeneo di viaggiatori soggiogato dal fascino di uno di loro. Come nell'esperienza precedente, la tensione e l'attrazione reciproca non producono altro che frustrazioni e attese estenuanti. Nel terzo, ambientato in India, il protagonista si accompagna a un'amica depressa, alcolista e con tendenze suicide, nel tentativo estremo di aiutarla a ritrovare il suo equilibrio. Fallirà, anche questa volta, nonostante l'impegno e il coinvolgimento totale. Non gli resta che riprendere il suo viaggiare compulsivo da un punto all'altro del globo.
Lo stile scarno e asciutto di In una stanza sconosciuta ricorda la scrittura più intima di Coetzee, quella di Infanzia e di Tempo d'estate; e anche altri elementi lo ricordano, come le frequenti spaziature nella pagina, la scarsa punteggiatura, lo sdoppiamento dell'io narrante in un tu o un lui. In Galgut l'alternanza pronominale tra prima e terza persona, ripetuta con frequenza e anche nella stessa frase, crea a volte qualche confusione e non riesce a sottrarsi a un senso di gratuità.
Il disinteresse ostentato per eventi politici, elezioni, situazioni dei paesi attraversati dal suo viaggiatore esprime una frattura tra sé e il mondo difficile da compensare. Damon Galgut, tra i più apprezzati romanzieri della scena letteraria sudafricana contemporanea, sembra esprimere con questa storia un'ossessione autoreferenziale: "Io sto scrivendo di me solo, non conosco altro, ed è proprio per questa ragione che ho sempre fallito in ogni amore, vale a dire nell'essenza della mia vita". Funziona tuttavia ai fini della leggibilità un'indubbia capacità nel costruire la tensione narrativa, come nei due romanzi precedenti apparsi in italiano, Il buon dottore e L'impostore, ambedue per Guanda, in cui l'oscura minaccia e il senso di mistero dominante ben rappresentavano la confusione morale dei personaggi nel mondo sovvertito del post-apartheid.
Paola Splendore

Leggi di più Leggi di meno

Conosci l'autore

Damon Galgut

1963, Pretoria

Damon Galgut nasce in Pretoria, nel Sud Africa, nel 1963. Il suo esordio letterario avviene a soli 17 anni con il romanzo Sinless Season (1984). Il romanzo del 2003, The Good Doctor, ha vinto il Commonwealth Writers Prize (per l’Africa) ed è stato selezionato per il Man Booker Prize. Tra le sue ultime opere ricordiamo In una stanza sconosciuta (Edizioni E/O, 2011), selezionato per il Man Booker Prize, Estate artica (Edizioni E/O, 2014) e La Promessa (Edizioni E/O, 2021), vincitore del Booker Prize 2021.

Chiudi
Aggiunto

L'articolo è stato aggiunto al carrello

Cerca Cerca
Cerca
Chiudi

Chiudi

Siamo spiacenti si è verificato un errore imprevisto, la preghiamo di riprovare.

Chiudi

Verrai avvisato via email sulle novità di Nome Autore