DISPONIBILITA' IMMEDIATA

L' incanto delle sirene. Un'indagine dell'ispettore Ferraro

Gianni Biondillo

Con la tua recensione raccogli punti Premium
Editore: Guanda
Formato: EPUB con DRM
Testo in italiano
Cloud: Scopri di più
Compatibilità: Tutti i dispositivi (eccetto Kindle) Scopri di più
Dimensioni: 471,55 KB
Pagine della versione a stampa: 328 p.
  • EAN: 9788823513969
pagabile con 18App pagabile con Carta del Docente
Articolo acquistabile con 18App e Carta del Docente

€ 6,99

Punti Premium: 7

Venduto e spedito da IBS

EBOOK
Aggiungi al carrello
spinner
Fai un regalo
spinner

non è possibile acquistare ebook su dispositivi Apple. Puoi comunque aggiungerli alla wishlist

Gaia la libraia

Gaia la libraia Vuoi ricevere un'email sui tuoi prodotti preferiti? Chiedi a Gaia, la tua assistente personale

«Biondillo tira i fili, si diverte con qualche scherzetto al lettore, si dilunga sull’umanità (o mancanza di) delle sue creature»
L’Unità

«Anche questa volta Gianni Biondillo ci ha preso»
Ilfattoquotidiano.it

«Il miracolo ancora una volta si rinnova: c’è il giallo, costruito maneggiando con perizia tutti gli strumenti del caso; c’è Milano»
Ilfattoquotidiano.it

«Gianni Biondillo i lettori non li delude mai»
Il Giorno

Certe volte a Milano il caldo può essere insopportabile perfino a settembre. La città ricomincia la sua attività più nervosa di prima. Anche l’ispettore Ferraro ha ripreso a lavorare, acciaccato dagli anni nel corpo e nell’animo. E sarebbe ben felice di potersi defilare se non si trovasse sempre nel posto sbagliato al momento sbagliato. Insomma, forse Ferraro le vacanze doveva prendersele durante la settimana della moda, nei giorni in cui la città sembra letteralmente impazzire. Mai come questa volta però, dopo il clamoroso omicidio di una top model durante una delle sfilate più attese e la conseguente ricaduta mediatica. Bisogna scoprire assolutamente chi è l’assassino, ne va della reputazione e della sicurezza nazionale. Il caso non dovrebbe essere affidato a Ferraro ma nel mondo della moda c’è chi lo conosce bene: Luisa Donnaciva. Sarà lei a obbligarlo a indagare sull’omicidio, con esiti e svolte sorprendenti. Intorno all’ispettore, e al rarefatto ambiente in cui indaga, c’è un altro mondo che si agita, lottando per sopravvivere: ci sono Mimmo e i suoi rapporti conflittuali con la nuova malavita del quartiere; c’è il Baffo che vuole tornare a casa perché sente che la sua esistenza è ormai al termine; c’è Aisha, una bambina in fuga da una guerra al di là del Mediterraneo. E c’è la scrittura di Biondillo, che ride, piange e si emoziona assieme ai suoi personaggi.

4,4
di 5
Totale 5
5
3
4
1
3
1
2
0
1
0
Scrivi una recensione
Con la tua recensione raccogli punti Premium
  • User Icon

    Gi

    17/03/2016 10:39:39

    Se non conosci Ferraro questo libro potrebbe non piacerti, così come potresti rimanere deluso se non sai cosa vuol dire crescere a Quarto Oggiaro o, analogamente, in una periferia simile di qualsiasi grande città. Ho trovato ottimo questo libro, e non solo come poliziesco. Nel mondo letterario ci sono più commissari e ispettori che pagine lette ma Ferraro è Ferraro, che poi si dice Ferraro ma si intende Biondillo. Anche altre volte l'autore ha provato a mischiare storie differenti ma questa volta ci è entrato con entrambi i piedi e, a mio parere, non ha fatto danno. Questo libro, che si può definire tanto romanzo quanto poliziesco, racconta, a volte con una prosa piacevolmente più fine, alcune angolazioni di vita reale, quella che ognuno noi può toccare con mano tutti i giorni. Non mi piacciono i personaggi, di qualsiasi libro, che vivono la loro storia in un mondo irreale, costruito ad arte; per quello c'è la fantascienza. Questo non significa che il libro non abbia pecche, ad esempio, ogni tanto tende a scivolare in un melenso troppo marcato, ma ci può anche stare. Alla prossima indagine.

  • User Icon

    Massimo F.

    12/01/2016 17:43:55

    Sempre ad alto livello Biondillo, con i suoi urban-thriller che ruotano attorno all'ispettore Ferraro, scontroso borgataro fattosi poliziotto. Forse un po' a corto di idee rispetto ad altre precedenti produzioni, l'autore ha intrecciato due storie autonome venendo meno (in piccola parte) alla sua consueta linearità. Comunque più che piacevole.

  • User Icon

    Alberto

    20/12/2015 09:07:12

    Ho terminato ieri sera a mezzanotte (tardissimo per me che alle 9, se non c'è un buon programma di sport in TV, sono già a letto con un buon romanzo da leggere) il recentissimo "L'incanto delle sirene". BRAVO BIONDILLO!!! Non aggiungo altro. No, non è vero, aggiungo. Questo romanzo mi pare fra i migliori dei suoi, con il doppio intreccio che rimbalza la suspence come la pallina di tennis da un lato del campo all'altro. Personaggi ben delineati, ambientazione d'attualità, giusto mix di argomenti seri e meno seri. Belli i dialoghi, come è nel suo stile. Da leggere.

  • User Icon

    Simone

    22/11/2015 18:07:42

    L'ispettore Ferraro sta a Milano come l'ispettore Rebus ad Edimburgo, così come Biondillo è in assoluto il miglior scrittore di polizieschi in Italia allo stesso modo di Ian Rankin per l'area anglofona. Opinione personale ovviamente, ma questa è di nuovo un'altra ottima prova di scrittura tesa, emozionale, divertente e commovente?. Forse c'è qualche sbavatura, qualche conclusione affrettata, ma ancora una volta ho riso e pianto con Mimmo, il Baffo ed Aisha. Ovviamente se uno conosce l'universo che ruota attorno ai personaggi di Biondillo è tutto più facile anche se non è strettamente necessario. Come posso ora aspettare almeno un altro anno senza Ferraro?

  • User Icon

    Daniele B.

    19/11/2015 12:51:23

    Letto in pochi giorni. Il libro è da subito piacevole, dato l'inusuale inizio con il risveglio di Mimmo (anziché con il solito Ferraro). I tempi letterari e la storia parallela del Baffo catturano il lettore, mentre l'ambientazione "fashion modaiola" è ben descritta e molto interessante. Anche in questo noir alla milanese vengono trattate tematiche sociali non semplici, come l'occupazione delle case popolari e la mancate assegnazioni di quest'ultime. Infine è stato piacevole ritrovare certi vecchi personaggi come il Comaschi e la signorina Luisa Donnaciva.

Vedi tutte le 5 recensioni cliente
  • Gianni Biondillo Cover

    Architetto e saggista scrive per il cinema e per la televisione. Fa parte della redazione di Nazione Indiana. Ha pubblicato per l'Universale di Architettura diretta da Bruno Zevi, Carlo Levi e Elio Vittorini. Scritti di architettura (1997) e Giovanni Michelucci. Brani di città aperti a tutti (1999). Nel 2001 ha pubblicato, per Unicopli: Pasolini. Il corpo della città, con un'introduzione di Vincenzo Consolo. Il suo primo romanzo, nel 2004 per i tipi di Guanda, è Per cosa si uccide, "un tributo di riconoscenza dello scrittore verso la propria città, che viene descritta in tutte le sue molteplici sfaccettature". Sempre per Guanda sono usciti Con la morte nel cuore  (2005), Per sempre giovane (2006), Il giovane sbirro (2007) e nel 2008 la raccolta di saggi... Approfondisci
Questo prodotto lo trovi anche in:
Note legali