Increspature. Vol. 2

Giulia Ventale

Anno edizione: 2018
In commercio dal: 14 gennaio 2018
Pagine: 560 p., Brossura
  • EAN: 9788892338531
pagabile con 18App pagabile con Carta del Docente

Articolo acquistabile con 18App e Carta del Docente

Approfitta delle promozioni attive su questo prodotto:

€ 24,65

€ 29,00

Risparmi € 4,35 (15%)

Venduto e spedito da IBS

25 punti Premium

Disponibile in 3 settimane

Quantità:
 
 
 

Recensioni dei clienti

Ordina per
  • User Icon

    anna torreca

    28/01/2018 18:17:06

    Un romanzo duro, pieno di spigoli, aspro, profondo. Non è stato facile leggerlo, perché i colpi di scena sono implacabili, si inseguono, sembrano non finire mai. Quando ti sembra che la storia stia prendendo una piega più positiva, quando ti sembra che ci sia una possibilità, tutto si infrange improvvisamente. L’analisi interiore della protagonista è toccante, la narrazione è incisiva, coinvolgente. Mi sono sentita “dentro” la storia, l’ho percepita a pelle. Questa lettura mi ha fatto maturare molte riflessioni che prima non mi sfioravano. È la raffigurazione dei mille volti dell’animo umano, così spesso contradditori e a tratti ingestibili, in particolare quelli che emergono quando il motore che guida è il disturbo mentale.

  • User Icon

    monica rossi

    19/01/2018 19:55:03

    Il seguito del primo volume mi ha trovata parzialmente impreparata, perché se è vero che già nel primo tomo si percepiva la crescente drammaticità degli eventi, è ancor più vero che qui la situazione assume contorni sempre più patologici. Sfocia man mano nella negazione di sé, nell’annullamento della propria persona, con conseguenze drammatiche. L’epilogo mi conferma l’estremo rischio che si corre nel consentire alla malattia mentale di camminare al proprio fianco, inoltrandosi così su un sentiero denso di trappole e terribilmente in sentore di autodistruzione. Tutte coloro che vivono un rapporto tormentato, ricattatorio e intriso di tentativi di sopraffazione dovrebbero leggere questo romanzo, per cercare di maturare una vera coscienza della violenza che si cela spesso dietro la distorta e strumentale concezione dell’amore. E trarne, spero, la forza di uscirne.

Scrivi una recensione