Indian. La grande sfida

The World's Fastest Indian

Con la tua recensione raccogli punti Premium
Titolo originale: The World's Fastest Indian
Paese: Stati Uniti; Nuova Zelanda
Anno: 2005
Supporto: DVD
Salvato in 18 liste dei desideri

€ 9,99

Punti Premium: 10

Venduto e spedito da IBS

Attualmente non disponibile
Leggi qui l'informativa sulla privacy
Inserisci la tua email ti avviseremo quando sarà disponibile
spinner

Grazie, riceverai una mail appena il prodotto sarà disponibile

Non è stato possibile elaborare la tua richiesta, riprova.

Gaia la libraia

Gaia la libraia Vuoi ricevere un'email sui tuoi prodotti preferiti? Chiedi a Gaia, la tua assistente personale

Dopo una vita trascorsa a mettere a punto la sua motocicletta Indian del 1920, Burt Munro si mette in viaggio dalla lontana Nuova Zelanda per raggiungere le saline di Bonneville, nello Utah, dove collaudarla e stabilire il record di velocità. Inizialmente dovrà fronteggiare numerosi ostacoli ma alla fine ne uscirà vincitore. Il record mondiale di Burt Munro stabilito nel 1967 resta ancora imbattuto e la sua leggenda vive ancora oggi.
Gaia la libraia

Gaia la libraia Vuoi ricevere un'email sui tuoi prodotti preferiti? Chiedi a Gaia, la tua assistente personale

5
di 5
Totale 4
5
4
4
0
3
0
2
0
1
0
Scrivi una recensione
Con la tua recensione raccogli punti Premium
  • User Icon

    MoviesAddicted

    10/02/2016 13:19:26

    Leggen...dario!!!

  • User Icon

    Mario

    27/11/2008 22:53:54

    La vera storia di un personaggio leggendario: il neozelandese Burt Munro. Il suo record mondiale di velocità, su moto con cilindrata inferiore a 1000 c.c., è ancora imbattuto: 295,45 km/h, pari a 183,58 miglia, ed è stato stabilito il 26 agosto del 1967, quando Munro era sessantottenne, alla guida di una motocicletta che aveva 47 anni, una Indian Scout del 1920. Con la stessa moto, durante le prove, superò anche i trecento km orari. Nel 1920 il modello originale raggiungeva una velocità massima di ottanta km orari.. Nel 1975, per problemi di salute, a Burt (che aveva ormai 76 anni) venne revocata la licenza per le gare: tuttavia egli continuò a correre in qualche corsa clandestina.. A proposito di questo film Anthony Hopkins ha dichiarato in un'intervista: "Non è il solito filmone hollywoodiano, è una sceneggiatura originale, tutta giocata sulle sfumature. E per me è un grosso cambiamento perchè finalmente interpreto un vincente. E' tutta la vita che interpreto psicopatici o uomini rigidi o imbalsamati, mi sono stufato. Non voglio più fare personaggi del genere. Sono un uomo molto felice oggi, e mi riconosco nella filosofia e nel carattere di Burt Munro".

  • User Icon

    Andrea

    15/11/2007 19:45:19

    film molto bello e pulito (senza scene di sesso, senza omicidi...) peccato che nn sia stato pubblicizzato a dovere xkè merita. lo consiglierei a tutti!

  • User Icon

    Ryukashy

    14/11/2007 00:11:55

    Film veramente molto bello e coinvolgente. Un bella favola tratta dalla vera storia di Burt Munro. Da vedere e rivedere. Piacerà molto agli appassionati di moto e corse.

Vedi tutte le 4 recensioni cliente
  • Produzione: IIF Home Video, 2006
  • Distribuzione: Eagle Pictures
  • Durata: 124 min
  • Lingua audio: Italiano (Dolby Digital 5.1);Inglese (Dolby Digital 5.1)
  • Lingua sottotitoli: Italiano; Inglese
  • Formato Schermo: 2,35:1
  • Area2
  • Contenuti: trailers; commenti critici; foto
  • Anthony Hopkins Cover

    Propr. Philip A.H., attore inglese. Formatosi al Cardiff College of Drama, si unisce al National Theatre di L. Olivier dove completa la formazione d'attore teatrale classico. Lavora moltissimo alla televisione e non è restio ad accettare offerte cinematografiche di scarso rischio come trasposizioni teatrali (Amleto, 1969, di T. Richardson, Casa di bambola, 1973, di P. Garland) o colossali produzioni come Charlot (1992) di R. Attenborough. Non rifiuta nemmeno scommesse come The Elephant Man (1980), storia sul dolore e la dignità umana diretta da un D. Lynch non ancora assurto alla gloria degli altari critici. Dopo una lunga e ricca carriera ottiene una vasta popolarità con Il silenzio degli innocenti (1991, Oscar come migliore attore) di J. Demme, in cui interpreta lo psichiatra pluriomicida... Approfondisci
  • Diane Ladd Cover

    Nome d'arte di Rose D. Lanier, attrice, regista e sceneggiatrice statunitense. Bionda, dalla bellezza delicata e poco appariscente, esordisce sul grande schermo nel 1966 con il piccolo ruolo di Gaysh nel drammatico e anarcoide I selvaggi di R. Corman in cui recita accanto al marito, l'attore B. Dern. Nei film successivi si fa notare in parti di sfondo come la Flo dell'intimista Alice non abita più qui (1975) di M. Scorsese e Etta nel giallo La vedova nera (1987) di B. Rafelson. Accanto alla figlia, l'attrice Laura Dern, interpreta il provocatorio Cuore selvaggio (1990) di D. Lynch e la piacevole commedia Rosa Scompiglio e i suoi amanti (1991) di M. Coolidge. Nel 1995 si lascia tentare dalla regia con la commedia Mrs. Munck, scrivendone anche la sceneggiatura. Tra le sue ultime interpretazioni... Approfondisci
Note legali