L' infinito nel palmo della mano

Gioconda Belli

Traduttore: T. Gibilisco
Editore: Feltrinelli
Collana: I narratori
Anno edizione: 2009
Pagine: 197 p., Brossura
  • EAN: 9788807017780
Approfitta delle promozioni attive su questo prodotto:
Disponibile anche in altri formati:
Usato su Libraccio.it - € 7,56

€ 10,50

€ 14,00

Risparmi € 3,50 (25%)

Venduto e spedito da IBS

11 punti Premium

Disponibilità immediata

Quantità:

Recensioni dei clienti

Ordina per
  • User Icon

    Ivano Stranieri

    18/12/2012 00:28:16

    La fine è geniale. Vale la pena leggere tutto il libro per leggere l'ultima pagina. E' lì che è racchiusa la genialità di questo testo. Suggerito.

  • User Icon

    LEON

    12/01/2010 18:06:34

    ...CHE DIRE, ADAMO ED EVA PRIMI ESSERI UMANI A CONTATTO CON LA REALTA' VERA E CONCRETA DELLA VITA...E' EMOZIONATE, FA TENEREZZA, E TI SI FORMA DENTRO ANCHE UN PICCOLO SENTIMENTO DI UNA NOSTALGIA ATAVICA!!

  • User Icon

    Maria

    25/08/2009 12:31:26

    Provate a immaginare di trovarvi in un posto dove esiste solo eternità e perfezione, per poi esserne scacciati per avere mangiato il frutto proibito: è questo quello che ha fatto l’autrice nel suo libro, immedesimandosi nei suoi protagonisti. Dopo questo processo di umanizzazione, Adamo ed Eva non possono che apparire quanto mai vicini ad ognuno di noi, con la differenza che è ancora vivido nella loro memoria il ricordo (e il rimpianto) di un paradiso perduto troppo presto. E così si ritrovano a fronteggiare la fame o il dolore senza potersi avvalere della nostra grande alleata che è l’esperienza (propria o degli altri) e in molti casi improvvisano o si lasciano guidare dall’istinto. Proveranno cosa vuol dire scegliere, uccidere per sopravvivere, amare o vedere morire un figlio, ucciso per gelosia dall’altro figlio. In più di una situazione accorrerà in aiuto di Eva (la più curiosa dei due e quella che non smette mai di porsi delle domande) il serpente, sibillino e sobillatore, ma talvolta anche chiarificatore di un disegno troppo grande, per essere compreso. Un libro quanto mai attuale, vicino al nostro modo di pensare, soprattutto per gli interrogativi sparsi nel testo e a cui ogni lettore può dare una personale risposta.

  • User Icon

    Giulia

    24/05/2009 15:54:14

    Un libro originale,drammatico,toccante,emozionante. Nella prima parte,la storia è molto "fisica": la scrittrice,inoltre,ci descrive il Paradiso in maniera eccellente,facendocelo vedere e quasi toccare. Ci si sente invasi da un senso di pace quando si legge dell'acqua,degli animali,della vegetazione. La seconda parte,però,è molto più bella: sicuramente drammatica,specialmente verso la fine,contiene una narrazione appassionante sulle vicende che coinvolgono Adamo,Eva ed i loro figli. Straziante il passo della morte di Abele,molto potenti le descrizioni di Luluwa e degli altri figli. Intensi sono i passi filosofici e riflessivi; affascinante ed enigmatica la figura del Serpente,ancora di più quella elusiva ma al contempo perennemente presente di Elohim. In alcuni tratti,per la drammaticità e l'intensità,la potenza delle descrizioni e delle narrazioni,la forza e la "fisicità",questo libro mi ha ricordato lo splendido "Il Signore delle Mosche". "L'infinito nel palmo della mano" è,in conclusione,un libro bellissimo. Da leggere.

  • User Icon

    Linda

    03/05/2009 22:57:35

    Libro interessante,appassionante soprattutto nella seconda metà.Ho però preferito gli altri libri della Belli,mia scrittrice preferita

  • User Icon

    Sofia

    02/04/2009 18:20:38

    E' una storia fatta di "carne". In questo libro Gioconda Belli sa essere molto umana ed avvicinare alle nostre debolezze di tutti i giorni ed alle nostre sensazioni, una vicenda molto lontana da noi e da sempre fortemente idealizzata. Il punto di vista che ci viene offerto su tutta la vicenza è un inedito. Da leggere per riflettere

Vedi tutte le 6 recensioni cliente (dalla più recente) Scrivi una recensione

Non è la prima volta che uno scrittore si cimenta con l'ambizioso progetto di riscrivere le prime pagine della Bibbia. Come nel caso del romanzo L'infinito nel palmo della mano, la Genesi era stata oggetto dell'attenzione di Mark Twain, al momento di scrivere Il diario di Eva (1906; Feltrinelli, 1983). Viene spontaneo domandarsi la ragione di una simile revisione, operata su un capolavoro assoluto della letteratura sacra. Leggendo le pagine della narratrice e poetessa nicaraguense, è facile pensare che Gioconda Belli sia stata mossa a compassione dalla coppia che esce vergognosa e triste dal giardino dell'eden, come se le rappresentazioni dolenti di Michelangelo e Masaccio non fossero le più adeguate per ricordarli. L'immagine biblica di Adamo ed Eva, cacciati dal paradiso terrestre, si disperde in un susseguirsi di nomi che ne mostra la discendenza e al tempo stesso ne determina l'uscita di scena. Come parte del castigo, le loro carni e le loro parole sono occultate dal passaggio fondamentale della nascita della storia, l'inizio della stirpe umana. L'ostracismo è parte della punizione che li trasforma in simboli del male perché nega loro il corpo. Nell'effigie di Maria che calpesta il serpente dei culti religiosi precristiani, Eva, la nemica sconfitta, non è presente se non per un richiamo oppositivo. Ombra oscura, grande assente. Gioconda Belli ha voluto restituire alla prima coppia il ruolo di protagonisti, attraverso la narrazione dei primi giorni del mondo, in una sorta di compendio e ampliamento ideale dei vangeli apocrifi, testi che l'autrice riconosce come fonte di ispirazione e documentazione.
L'infinito nel palmo della mano è l'opera che consacra il successo di Gioconda Belli. Il premio Biblioteca Breve della casa editrice catalana Seix Barral, di cui il romanzo è stato insignito del 2008, è storicamente un evento fondamentale nella vita degli scrittori ispanoamericani. Per Mario Vargas Llosa, che lo aveva vinto nel 1962, fu il ponte che consentì la diffusione delle sue opere da questa parte dell'oceano, ma l'importanza dell'evento fu enorme soprattutto perché aveva aperto le porte agli autori del continente. Nel caso di Gioconda Belli, l'assegnazione del premio non svolge il ruolo di promozione di un volto nuovo, ma conferma il successo del suo percorso editoriale in Europa. In Italia, dopo una lunga permanenza con la casa editrice e/o, nel 2007 l'autrice passa a Rizzoli, per approdare, con quest'ultima opera, al marchio che pubblica anche le opere di Isabel Allende. Stupisce, in questa fase più recente, la sostituzione della traduttrice e promotrice storica, Margherita D'Amico.
I lettori di Gioconda Belli riconosceranno facilmente l'intenzione di riscatto della figura femminile che il nuovo romanzo propone attraverso l'immagine di Eva, curiosa e istintiva, che risponde con saggezza innata alle esigenze del piano predisposto da Elhoim su di lei e sulla sua discendenza. Secondo un'ininterrotta linea di coerenza, la figura biblica condivide con le eroine a cui l'autrice ci ha abituati la vocazione iconoclasta nei confronti delle consumate abitudini della tradizione patriarcale. Un personaggio mitico equivale in questo senso a un personaggio storico, come nel caso del precedente romanzo, La pergamena della seduzione (ed. orig. 2005, trad. dallo spagnolo di Margherita D'Amico, pp. 383, € 18,50, Rizzoli, Milano 2007). Qui la struttura ripropone il gioco di specchi di La donna abitata (1988; e/o, 1995), opera che custodisce il valore dell'esperienza autobiografica di militanza nel Fronte sandinista dell'autrice. Ancora una volta, due donne di epoche diverse, colte in un momento cruciale della loro esistenza, vivono con coraggio la loro situazione e si confrontano con il loro tempo, fondendo i loro destini. Questa volta Belli riscatta la figura controversa di Giovanna la Pazza, figlia di Isabella di Castiglia e Ferdinando d'Aragona e sposa di Filippo il Bello attraverso l'esperienza della giovane Lucia, che ai giorni nostri ne sussume lo spirito e l'identità. Revisione del mito o della storia, i temi e le modalità non cambiano. Pregi e difetti di una formula vincente, che al momento della conquista del successo editoriale accetta la reiterazione di un messaggio forse un po' consumato, ma capace di attrarre il grande pubblico.
Eva Milano