Categorie
Editore: Guanda
Collana: Le Fenici
Anno edizione: 2015
Pagine: 144 p., Brossura
  • EAN: 9788823512900
Approfitta delle promozioni attive su questo prodotto:
Disponibile anche in altri formati:

€ 7,65

€ 9,00

Risparmi € 1,35 (15%)

Venduto e spedito da IBS

8 punti Premium

Disponibile in 3 gg lavorativi

Quantità:
Aggiungi al carrello

Recensioni dei clienti

Ordina per
  • User Icon

    Sergio

    02/10/2016 18.17.33

    Secondo libro di Marco Vichi che leggo, fuori della serie completa del commissario Bordelli. L'autore ha indubbiamente uno stile narrativo svelto, vivace, che cattura l'attenzione del lettore, anche se la storia narrata, in questo caso, rasenta quasi il surreale per l'atteggiamento tenuto per tutto il libro dal proprietario dell'appartamento che diventa succube del suo inquilino. Dico "surreale" perché è un comportamento remissivo, di sudditanza, che quasi fa rabbia al lettore, tale da sembrargli alla fine poco plausibile. Ma poi, pensandoci bene, non è che il personaggio finisce col diventare una metafora di certi soggetti deboli, sopraffatti dalla maleducazione e dal bullismo dei prepotenti che, a volte, incrociamo nella nostra vita? Nel finale (a sorpresa, occorre dire), Vichi, tuttavia, indora la pillola che ha somministrato al lettore riscattando il "bullo" di turno, anche se si resta perplessi sulle possibilità materiali di un eventuale utilizzo del tangibile segno di riconoscenza dell'"inquilino".

  • User Icon

    Riccardo

    01/02/2015 19.33.52

    Se avete mai avuto brutte esperienze di convivenza questo è il libro per voi. Nella prima parte, purtroppo realistica, è così coinvolgente da far innervosire; poi prende una piega inaspettata e coglie il lettore di sorpresa. Scorrevole e veramente ben scritto. Consigliato!

  • User Icon

    Giorgia

    07/03/2013 10.12.12

    Molto carino: l'autore ha una scrittura semplice e simpatica. La storia poi è avvincente senza risultare claustrofobica. Le due figure principali, Carlo il proprietario di casa e Fred l'inquilino, sono ben modellate e interagiscono divertendo il lettore. Non da ultimo, un imprevedibile colpo di scena. Consigliato.

  • User Icon

    simone

    27/03/2010 14.16.55

    Questo è il terzo libro di Vichi che leggo, dopo"Il brigante" e "Nero di luna". Ottimo libro, niente da dire. L'autore - come si ricava dalle note di copertina- era qui al suo esordio, ma riesce con una consumata abilità a costruire un romanzo intrigante, serrato nel ritmo, avvincente. Sicuramente rispetto agli altri libri che ho letto, più recenti, si notano piccoli squilibri nella scrittura,che evidentemente l'ormai esperto Vichi ha limato negli anni.Ma sono dettagli in un quadro d'insieme ottimo: il protagonista , più che"l'inquilino" del titolo, è il personaggio narrante, colui che affitta una stanza del proprio appartamento per necessità di denaro. E fa quasi rabbia quel suo cedere alle angherie ed alle maleducate abitudini dell'inquilino, macerandosi dal nervoso ma non riuscendo a mettere alla porta il fastidioso ospite.Il finale poi è un colpo di genio che ribalta totalmente le cose per come le vedevamo nel resto del libro.Da leggere.

  • User Icon

    massimo

    30/01/2010 03.28.08

    Ho scoperto Vichi leggendo i libri dedicati al commissario Bordelli... da quel momento ho comprato tutti i suoi libri e questo è il primo che leggo " fuori serie " . L'ho trovato spassoso, triste, fantasioso, ben scritto e mai noioso... se anche gli altri fossero così tanto di cappello al signor Scrittore Marco Vichi... a chi non lo conoscesse lo consiglio di cuore..

Vedi tutte le 5 recensioni cliente (dalla più recente) Scrivi una recensione