Categorie

L' inverno del mondo. The century trilogy. Vol. 2

Ken Follett

Editore: Mondadori
Collana: Oscar absolute
Anno edizione: 2016
Formato: Tascabile
Pagine: 957 p., Brossura
  • EAN: 9788804666882

15° nella classifica Bestseller di IBS Libri - Narrativa straniera - Di ambientazione storica

Approfitta delle promozioni attive su questo prodotto:
Disponibile anche in altri formati:

€ 14,45

€ 17,00

Risparmi € 2,55 (15%)

Venduto e spedito da IBS

14 punti Premium

Disponibilità immediata

Quantità:
Aggiungi al carrello

Recensioni dei clienti

Ordina per
  • User Icon

    Elisa

    24/03/2017 21.42.16

    Quando un ottimo scrittore, capace di appassionare il lettore con il suo stile, dimostra di aver studiato in modo serio la storia. Romanzo e fatti realmente accaduti, storici, si intrecciano in modo meraviglioso. Un capolavoro, a mio avviso.

  • User Icon

    misko

    31/10/2016 17.00.51

    molto bello, intrigante la storia romanzata con quella storica che è mi sembra molto obiettiva e verosimile, si legge bene e aiuta a comprendere alcuni fatti storici

  • User Icon

    carla

    24/04/2016 15.49.48

    In passato ho sempre apprezzato i romanzi di Ken Follett per la sua capacità di romanzare una ricostruzione storica che avevo assunto come attendibile. Con "L'inverno del mondo" oltre ad una parte romanzata insipida, l'aspetto che giudico grave perchè irrispettoso nei confronti del lettore è l'insieme di grossolani errori storici non casuali perchè volti a condizionare chi vorrebbe godersi la lettura.

  • User Icon

    Paolo Numana

    10/03/2016 20.33.21

    Premetto che ho letto tutti e tre i libri in fila. Ho scelto di aspettare l'uscita di tutti i libri per gustarmi la storia in maniera continuativa e senza interruzioni memore delle esperienze pregresse in cui non ho assaporato fino in fondo libri della stessa saga usciti a distanza di anni. Detto questo il mio voto è unico nel complesso dell'opera di Follett che trovo narrativa di forte intrattenimento per il lettore che abbina un autore non di molto lontano ai suoi lavori più belli come la Cruna dell'ago ed I pilastri della terra. La ricetta è quella solita che Follett sa esporre in maniera magistrale con una lettura veloce e mai noiosa seppur di quasi 3300 pagine. La storia del 900 è ben descritta e fa da cornice, più che in altre opere di questo autore, alle vicissitudini di molte famiglie disegnate con maestria e che intrecciano emozioni e sentimenti che fanno sentire vivo l'animo del lettore. Non manca il sesso che ovviamente accompagna l'autore in quasi tutte le sue opere, ma devo dire che non è mai esagerato. Voto massimo a questa monumentale opera di Follett che sa attirare il lettore pagina dopo pagina nella storia desiderando conoscere le sorti dei personaggi.

  • User Icon

    Becky

    04/03/2016 15.43.19

    Il mio voto sarebbe un 4.5, anche questo libro è scritto in modo magistrale solo come questo autore è in grado di fare. Mi piace come Follett riesce a far amare e a far immedesimare i lettori nei sui personaggi inoltre essi sono collegati tra di loro e non vi è nessun legame troppo forzato, ma il libro, se vogliamo essere puntigliosi, presenta innumerevoli coincidenze e forse è per questo che non gli ho assegnato un 5. Ho apprezzato che in questo libro ha menzionato agli stupri di massa compiuti dall'Armata Rossa nella sua marcia verso Berlino, un capitolo che non viene mai accennato quando si parla della Seconda Guerra Mondiale.

  • User Icon

    And the Oscar goes to ....

    11/01/2016 10.57.14

    È opinione condivisa da molti che, con il passare degli anni, Follet abbia perso lo smalto dei suoi primi lavori. Lettura molto semplice e scontata, tuttavia non sgradevole. Sarebbe un 3,5/5 ma assegno un 4/5 alla carriera.

  • User Icon

    Francesco

    03/12/2015 10.53.49

    I romanzi migliori di Follett sono quelli ambientati nella Seconda Guerra Mondiale o nella Guerra Fredda, un mondo che conosce evidentemente molto bene. Purtroppo questo secondo capitolo, al pari del primo, sconta una monumentalità artefatta, e cade miseramente proprio nei lunghi e noiosissimi discorsi a tema storico-politico in cui tutti i personaggi, prima o poi, si lanciano per spiegare il contesto in cui si trovano. Per il resto, solito Follett.

  • User Icon

    Sofia

    07/10/2015 15.50.14

    Bellissimo! Della trilogia questo è il più bello, sia per l'abilità nel delineare i personaggi, sia per i riferimenti storici. Nonostante le molte pagine si legge in pochissimo tempo.

  • User Icon

    Alberto

    12/08/2015 15.46.40

    Lo scrittore ha talento ma il libro è noioso; personaggi senza anima con pochissimi approfondimenti culturali del periodo

  • User Icon

    Stefania

    28/06/2015 10.23.17

    Bello! Temevo che il secondo libro della trilogia potesse in qualche modo essere meno avvincente o interessante del primo ed invece così non è stato. L'unica pecca, come è anche già stato fatto notare, un pò banali e scontati a volte i personaggi. Sia negli sviluppi delle loro vite personali sia sugli "incastri" nel ritrovarsi sempre al centro e sempre tutti insieme negli avvenimenti importanti della Storia. Del resto è pur sempre un romanzo. Anche se in alcuni passaggi storici si tende a dimenticarsene. Un modo alternativo per rispolverare il nostro passato e perché no? Anche a farci un pò riflettere. Non rimane che iniziare a leggere il terzo...

  • User Icon

    maria del vecchio

    08/05/2015 11.38.07

    coinvolgente...la notte diventava troppo piccola ...tanta era la voglia di terminarlo.

  • User Icon

    Otis88

    18/03/2015 21.10.30

    Difficile descrivere l'emozione che si prova leggendo le vicende dei personaggi di questo libro. Bellissimo!!!

  • User Icon

    Iryna

    01/03/2015 23.39.21

    Sono appassionata da questo scrittore. Sono pochi scrivono come lui. Il romanzo mi e' piaciuto molto, perche' e' molto realistico. Non e' vero che e' noioso. Anzi, molto intrigante. Lo consiglio a tutti!

  • User Icon

    Michela

    22/02/2015 14.05.53

    Meno pesante del primo libro della trilogia ma comunque con troppi episodi inutili all'economia del racconto. Non è che un'opera debba essere per forza monumentale per essere degna di nota.

  • User Icon

    James Purple

    24/10/2014 15.17.56

    Si potrebbero perdonare i costanti pruriti adolescenziali, si potrebbe perdonare la trama, quasi sempre, quantomeno improbabile e che raggiunge la vetta nell'incidente aereo durante l'attacco al treno (non svelo altro per non rovinare la lettura di chi non l'ha ancora letto) e si potrebbero perdonare i, tanti, capitoli inutili, scritti giusto per allungare il brodo. Non si riesce però a perdonare, a mio modesto parere, chi si propone di scrivere un romanzo storico ma poi ci mette un sacco di strafalcioni e inesattezze, spesso volute ed indirizzate chiaramente a cercare di influenzare le opinioni del lettore. I romanzi di Liala sono brutti uguali ma almeno non sono così pretenziosi. Davvero pessimo.

  • User Icon

    Stefano82

    18/10/2014 12.37.45

    E' il libro della trilogia che mi è piaciuto di più, forse perchè ambientato in un periodo storico particolarmente interessante. Lo stile di Follett è come al solito scorrevole e mai noioso, l'intreccio tra le varie famiglie è geniale e le 1000 pagine scorrono che è una meraviglia. Capolavoro indiscusso.

  • User Icon

    Andrea R.

    07/05/2014 10.56.09

    Ovviamente chi legge Follet si aspetta azione, storia, contesto, trama e un po' di sesso. Direi che anche in questo capitolo nulla è mancato di tutto questo. LLoyd e Werner sono personaggi unici (forse un po' troppo straordianari per essere digeriti come completamente veri), che bene si amalgamano nel cotesto storico in cui si sviluppa il racconto. L'impressione che ho avuto al termine del libro è quella di un lavoro bel fatto, approfondito quanto basta e mai banale. La parte tecnico-scientifica è sostanziosa (molto interessante la parte del progetto MANHATTAN), corroborata da un brio narrativo che poche volte ho incontrato in un romanzo di larga massa. Condivido alcune considerazioni sul fatto che il libro si conclude molto velocemente e che, forse, la ripartizione dello spazio lascia un po' a desiderare. Personalmete credo che il lettore medio attenda lo sviluppo del terzo capitolo per valutare in profondità l'intera trilogia. Personalmete il giusdizioo è estremamente positivo anche se una linea sottotono rispetto alla "Caduta dei giganti". Forse perchè il confronto porta sempre a parogoni a volte difficili, ma certamente il giusdizio è dato dall'assenza di vera novità. Tecnicamente è molto più facile "stendere un filo" che generare il gomitolo di se. Un grazie è dovuto anche alla preziosa descrizione della Berlino del Terzo Reich, della rte delle spie filo-sovietiche e dell'approccio della popolazione col regime dopo i fasti del 1939-41. Non condivido i giudizi negativi fondati sul fatto che Follet sia diverso rispetto ai best-sellers del passato. Personalmente vedo un'evoluzione narrativa e non un regresso. Analizzando i precedenti, in questo libro il sesso riveste un'importanza relativa rispetto, ad asempio, a Mondo senza fine. Personalmente un ottimo libro, da suggerire anche ai lettori più giovani, per fargli cogliere in modo avvicente (anche se pèoco impersonale) i fatti che hanno caratterizzato questo ultimo secolo. BRAVO KEN, grazie per questo bel libro.

  • User Icon

    alex

    29/04/2014 09.34.13

    Che delusione questa trilogia! Ha ridotto la storia del ventesimo secolo ad una banale storiella di guardie e ladri. Rivoglio il Follett de "I pilastri della terra".

  • User Icon

    Tiziano

    26/12/2013 07.51.53

    Ottimo libro, ottima ricostruzione dei punti chiave del ventennio '30-'50. Non do 5 punti per due motivi: i personaggi sembrano troppo inverosimili nel capitare sempre nel posto giusto al momento giusto e, secondo, le carriere così fulminanti dei giovani rampolli, ahimé, anche quelle poco verosimili. Si passa da fare uno stage in un ufficio a diventare sottosegretario agli Esteri. Magari succedesse per meritocrazia anche in Italia!!

  • User Icon

    marta

    24/10/2013 17.36.10

    mi e' piaciuto e lo consiglio! Sembra di vivere la seconda guerra mondiale insieme ai protagonisti! Ho trovato il contesto storico molto ben descritto. Un punto di penalizzazione per un finale un po' troppo sbrigativo e frettoloso... peccato!

Vedi tutte le 23 recensioni cliente (dalla più recente) Scrivi una recensione