Invito all'opera. Ediz. italiana e inglese

Achille Bonito Oliva

0 recensioni
Scrivi una recensione
Editore: Drago (Roma)
Anno edizione: 2016
In commercio dal: 1 gennaio 2016
Pagine: 160 p., ill.
  • EAN: 9788898565177
pagabile con 18App pagabile con Carta del Docente
Articolo acquistabile con 18App e Carta del Docente

€ 24,65

€ 29,00
(-15%)

Venduto e spedito da IBS

25 punti Premium

Attualmente non disponibile
Leggi qui l'informativa sulla privacy
Inserisci la tua email ti avviseremo quando sarà disponibile

Grazie, riceverai una mail appena il prodotto tornerà disponibile

Non è stato possibile elaborare la tua richiesta, riprova.

Gaia la libraia

Gaia la libraia Vuoi ricevere un'email sui tuoi prodotti preferiti? Chiedi a Gaia, la tua assistente personale

Questo libro documenta l'attività degli ultimi 23 anni di ricerca de Il Ponte Contemporanea e completa la serie editoriale dei precedenti volumi: 'The bridge of art', 'Riparte' e 'Artisti solitari'.Qui è focalizzato il progetto 'Invito all'opera', ideato da Achille Bonito Oliva, Giuliano Matricardi e Bruno Puiatti e sviluppato in un'articolata serie di mostre dal 2009 al 2011 con la particolare ottica della centralità dell'opera. Lavori singoli individuati nella produzione di artisti di diverse generazioni e presentati in dialogo tra grandi nomi delle avanguardie storiche e ultime ricerche. La seconda sezione del libro dal titolo 'Crossroad' presenta il percorso più recente della galleria, tra collettive tematiche e personali aperte a tutti i linguaggi del contemporaneo con uno sguardo rivolto al futuro. Un futuro già annunciato dall'internazionalizzazione della galleria che festeggia i suoi 23 anni anche aprendo una sede in Cina nella città di Wuhan, in Tan Hua Lin Road, frizzante area internazionale in continua evoluzione creativa. Una nuova attività che si sdoppia nei due continenti con il nome Il Ponte Chu Contemporanea, scelto con i nuovi partner cinesi che hanno saputo riconoscere il valore della storica galleria romana e, attraversando idealmente questo ponte culturale, ne hanno congiunto le mani nel gesto di accordo rappresentato appunto dall'ideogramma Chu. Si apre dunque una nuova stagione fertile di scambi tra Oriente e Occidente a conferma della natura fluida e nomade dell'arte contemporanea.
Note legali