-15%
Io, figlio di mio figlio - Gianluca Nicoletti - copertina

Io, figlio di mio figlio

Gianluca Nicoletti

Con la tua recensione raccogli punti Premium
Editore: Mondadori
Anno edizione: 2018
In commercio dal: 27 marzo 2018
Pagine: 240 p., Brossura
  • EAN: 9788804687139
pagabile con 18App pagabile con Carta del Docente
Articolo acquistabile con 18App e Carta del Docente

€ 15,30

€ 18,00
(-15%)

Punti Premium: 15

Venduto e spedito da IBS

Quantità:
LIBRO
Aggiungi al carrello
spinner
PRENOTA E RITIRA
* Servizio momentaneamente attivo solo nella Regione Lazio. Scopri il servizio

Io, figlio di mio figlio

Gianluca Nicoletti

Caro cliente IBS, grazie alla nuova collaborazione con laFeltrinelli oggi puoi ritirare il tuo prodotto presso la libreria Feltrinelli a te più vicina.

Non siamo riusciti a trovare l'indirizzo scelto

Prodotto disponibile nei seguenti punti Vendita Feltrinelli

{{item.Distance}} Km

{{item.Store.TitleShop}} {{item.Distance}} Km

{{item.Store.Address}} - {{item.Store.City}}

Telefono: {{item.Store.Phone}}

Fax: {{item.Store.Fax}}

{{getAvalability(item)}}

Prenota ora per ritirarlo oggi dalle {{item.FirstPickUpTime.hour}}:0{{item.FirstPickUpTime.minute}} Prenota ora per ritirarlo oggi dalle {{item.FirstPickUpTime.hour}}:{{item.FirstPickUpTime.minute}}
Prenota ora per ritirarlo oggi dalle {{item.FirstPickUpTime.hour}}:0{{item.FirstPickUpTime.minute}} Prenota ora per ritirarlo oggi dalle {{item.FirstPickUpTime.hour}}:{{item.FirstPickUpTime.minute}}
*Solo al ricevimento della mail di conferma la prenotazione sarà effettiva

Spiacenti, il titolo non è disponibile in alcun punto vendita nella tua zona

Compralo Online e ricevilo comodamente a casa tua!
Scegli il Negozio dove ritirare il tuo prodotto
Entro le {{shop.FirstPickUpTime.hour}}:0{{shop.FirstPickUpTime.minute}} riceverai una email di conferma Entro le {{shop.FirstPickUpTime.hour}}:{{shop.FirstPickUpTime.minute}} riceverai una email di conferma
Recati in Negozio entro 3 giorni e ritira il tuo prodotto

Inserisci i tuoi dati

Errore: riprova

{{errorMessage}}

Riepilogo dell'ordine:


Io, figlio di mio figlio

Gianluca Nicoletti

€ 18,00

Ritira la tua prenotazione presso:


{{shop.Store.TitleShop}}

{{shop.Store.Address}} - {{shop.Store.City}}

Telefono: {{shop.Store.Phone}} / Fax: {{shop.Store.Fax}} E-mail: {{shop.Store.Email}}


Importante
1
La disponibilità dei prodotti non è aggiornata in tempo reale e potrebbe risultare inferiore a quella richiesta
2
Solo al ricevimento della mail di conferma la prenotazione sarà effettiva Solo al ricevimento della mail di conferma la prenotazione sarà effettiva (entro le {{shop.FirstPickUpTime.hour}}:0{{shop.FirstPickUpTime.minute}}) Solo al ricevimento della mail di conferma la prenotazione sarà effettiva (entro le {{shop.FirstPickUpTime.hour}}:{{shop.FirstPickUpTime.minute}})
3
Una volta ricevuta la mail di conferma, hai tempo 3 giorni per ritirare il prodotto messo da parte (decorso questo termine l'articolo verrà rimesso in vendita)
4
Al momento dell'acquisto, ai prodotti messi da parte verrà applicato il prezzo di vendita del negozio

* Campi obbligatori

Grazie!

Richiesta inoltrata al Negozio

Riceverai una Email di avvenuta prenotazione all'indirizzo: {{formdata.email}}

Entro le {{shop.FirstPickUpTime.hour}}:0{{shop.FirstPickUpTime.minute}} riceverai una Email di avvenuta prenotazione all'indirizzo: {{formdata.email}}

Entro le {{shop.FirstPickUpTime.hour}}:{{shop.FirstPickUpTime.minute}} riceverai una Email di avvenuta prenotazione all'indirizzo: {{formdata.email}}

N.Prenotazione: {{pickMeUpOrderId}}

Io, figlio di mio figlio

Gianluca Nicoletti

€ 18,00

Quantità: {{formdata.quantity}}

Ritira la tua prenotazione presso:

{{shop.Store.TitleShop}}

{{shop.Store.Address}} - {{shop.Store.City}}

{{shop.Store.Phone}}


Importante
1 La disponibilità dei prodotti non è aggiornata in tempo reale e potrebbe risultare inferiore a quella richiesta
2 Solo al ricevimento della mail di conferma la prenotazione sarà effettiva Solo al ricevimento della mail di conferma la prenotazione sarà effettiva (entro le {{shop.FirstPickUpTime.hour}}:0{{shop.FirstPickUpTime.minute}}) Solo al ricevimento della mail di conferma la prenotazione sarà effettiva (entro le {{shop.FirstPickUpTime.hour}}:{{shop.FirstPickUpTime.minute}})
3 Una volta ricevuta la mail di conferma, hai tempo 3 giorni per ritirare il prodotto messo da parte (decorso questo termine l'articolo verrà rimesso in vendita)
4 Al momento dell'acquisto, ai prodotti messi da parte verrà applicato il prezzo di vendita del negozio

Altri venditori

Mostra tutti (2 offerte da 18,00 €)

Gaia la libraia

Gaia la libraia Vuoi ricevere un'email sui tuoi prodotti preferiti? Chiedi a Gaia, la tua assistente personale

Quello che il genitore di un autistico non racconterà mai

"Noi siamo figli dei nostri figli autistici e insieme vi mostriamo l'esempio di come i "cervelli ribelli" possono essere lo stimolo fantasioso ad aprirsi al nuovo e all'originale in una società imprigionata nella gabbia dei propri pregiudizi."

«Possibile che non l'hai ancora capito? Anche tu sei un autistico!» La frase detta quasi come un'ovvietà da una giovane neuropsichiatra a Gianluca Nicoletti, padre di Tommy - un ragazzone autistico di vent'anni con una capacità espressiva limitata all'universo di un bimbo di tre -, è di quelle che hanno il potere di cambiare una vita. Anche perché confermata ufficialmente dai risultati di test mirati e dalla successiva diagnosi, clinicamente precisa e inequivocabile: sindrome di Asperger, un disturbo dello spettro dell'autismo associato spesso, come in questo caso, a un alto quoziente intellettivo. Alla luce di tale sconvolgente consapevolezza, tutto assume contorni diversi e muta bruscamente di segno. Il presente, che, vissuto nell'impegno totalizzante di procurare a Tommy la massima felicità possibile e di immaginare un futuro decente per lui quando sarà solo, si arricchisce ora di nuovi significati, perché la scoperta della comune neurodiversità tra padre e figlio rischiara e rafforza la visceralità di un legame in cui non è più così chiaro chi dei due dà o riceve aiuto. Il passato, come dimostra la spietata autoanalisi con cui Nicoletti rivisita e reinterpreta in chiave «autistica», senza ipocrisia né falsi pudori, le fasi cruciali della propria esistenza: l'infanzia solitaria, il tormentato rapporto con la famiglia, i successi e i fallimenti professionali, le relazioni sentimentali, la paternità, i tic e le idiosincrasie personali, ritrovando in ognuna il filo rosso di un'incolmabile distanza dai valori e dai comportamenti della maggioranza neurotipica. E soprattutto il futuro, che, tra relazioni mediate da strumenti digitali e abbattimento di strutture affettive tradizionali e rassicuranti, sembra destinato a fare degli autistici ad alto funzionamento l'avanguardia più credibile di un prossimo salto evolutivo rispetto alla socialità. Io, figlio di mio figlio è un'appassionata e coraggiosa autoriflessione rivolta in particolare, anche se non solo, ai genitori di ragazzi autistici, che Nicoletti ha fatto uscire dall'ombra e dall'isolamento con il docufilm "Tommy e gli altri", trasmesso con successo in televisione, e che ora invita a scoprire e a rivendicare con orgoglio la propria neurodiversità.
4
di 5
Totale 1
5
0
4
1
3
0
2
0
1
0
Scrivi una recensione
Con la tua recensione raccogli punti Premium
  • User Icon

    Luca

    20/04/2019 09:18:32

    Il libro è scritto da Gianluca Nicoletti, che convive da anni con un figlio autistico ed è la storia della scoperta dello stesso autore del libro di avere la stessa malattia del figlio, certamente un autistico molto diverso dal figlio. L'autore, secondo i test che hai eseguito è un autistico ad alto funzionamento intelligente e che può vivere senza problemi nel mondo. In seguito alla diagnosi dell'autismo, rivede la propria vita e comincia ad interpretare meglio certi suoi comportamenti. Quello che ci racconta Nicoletti è che abbiamo tutti qualcosa di anormale dentro di noi e pertanto dobbiamo imparare a rispettare le differenze degli altri che si comportano in modi che potrebbero anche non essere tanto diversi da noi.

Gianluca Nicoletti è uno che sulla comunicazione ha costruito la sua intera carriera. Massmediologo, giornalista, precursore dell’avvento del digitale in Rai, durante la settimana all’ora di pranzo discute degli argomenti più disparati con gli ascoltatori di Radio 24. Eppure a lui la gente non è che vada così a genio: da piccolo amava rifugiarsi sugli alberi per raccontarsi storie, quando intuisce che le parole del suo interlocutore non gli interessano si distrae o lo interrompe, e invece di guardarlo negli occhi preferisce focalizzarsi sui bottoni della sua giacca. Sono comportamenti dietro i quali, a 63 anni suonati, è finalmente riuscito a trovare una ragione scientifica: così come suo figlio Tommy, anche lui è autistico. E non si scherza mica, non è una provocazione — in fondo al suo nuovo libro, Io, figlio di mio figlio, è possibile trovare il referto del medico con tanto di lastre al cervello. La diagnosi è inequivocabile: sindrome di Asperger.

Ecco che allora il titolo del suo blog rivolto ai genitori di figli da lui definiti “un po’ matti”, Per noi autistici, assume tutto un altro significato. Nicoletti è infatti uno che sull’autismo scrive da tempo, ma questa volta lo fa da un punto di vista incredibilmente intimo e personale. Si rifiuta di farsi portavoce sindacale di quei genitori, non è né vuole essere il loro capo-branco. La sua è una pura e semplice testimonianza, pur con tutto il peso che inevitabilmente gli verrà affibbiato dal suo prestigio e con tutte le critiche che prevedibilmente gli pioveranno addosso. Ma tant’è, come lui stesso afferma ha smesso di preoccuparsi di ciò che la gente pensa di lui. Proprio come Tommy.

Per mezzo della sua penna agile e anarchica, il giornalista si mette completamente a nudo, nel suo caratteristico flusso di pensieri torrenziale ma programmato. Sciorina aneddoti di vita vissuta (tra cui spicca la denuncia alla Televisione di Stato per il suo allontanamento nel 2004), prese di posizione ben precise al movimento anti-vaccini e visioni pessimistiche sull’integrazione dei cosiddetti “cervelli ribelli” nella realtà “neurotipica”. Allo stesso tempo, in uno slancio se non ottimistico per lo meno timidamente speranzoso, spiega perché gli autistici costituiscono un passaggio evolutivo necessario verso un futuro non immediato in cui si avrà sempre più bisogno di loro.

La sua consueta ironia, in queste pagine pungente e provocatoria come non mai, non manca, ma fa da cornice alla domanda drammatica con cui ogni genitore di figli “sbarellati” è costretta a fare i conti ogni giorno: “cosa ne sarà di loro quando noi non ci saremo più?” È proprio qui che si gioca tutta la gravitas del lavoro, tra la confessione di pensieri inconfessabili e una nuova consapevolezza, raggiunta a più di 60 anni. Quella che senza Tommy e la serenità di quelle serate spese a “casa papà” a guardare La Sirenetta su un iPad di prima generazione, Nicoletti sarebbe probabilmente sempre lo stesso ma più “scoglionato” e più rassegnato, in breve più vecchio. Il “superpotere”, come lo chiama lui, donatogli da quel gigante riccioluto del figlio che indossa sempre pantaloni mimetici e magliette colorate, è l’ipergioventù. Un’àncora che lo tiene attaccato al presente e che gli fa scrivere libri necessari come Io, figlio di mio figlio.

Recensione di Alessandro Schirano


  • Gianluca Nicoletti Cover

    Giornalista, nota e pungente voce della radio italiana, conduce la trasmissione «Melog» (Radio 24) e collabora alla «Stampa». È autore di: Ectoplasmi. Esistere nell'aldilà catodico: il potere medianico della televisione, Golem, Perché la tecnologia ci rende umani, Il libro infame. Memorie dal tempo a castello, e, da Mondadori, Le vostre miserie, il mio splendore, Una notte ho sognato che parlavi. Così ho imparato a fare il padre di mio figlio autistico, Una briciola di universo. Come ho iniziato a 52 anni a essere padre, Alla fine qualcosa ci inventeremo, Io, figlio di mio figlio. Approfondisci
| Vedi di più >
Questo prodotto lo trovi anche in:
Note legali