Io ti fotto. L'Italia è un Paese fondato sulla fregatura: ecco tutti i modi in cui gli italiani raggirano gli altri (e sé stessi)

Marco Morello,Carlo Tecce

Scrivi una recensione
Collana: Inchieste
Anno edizione: 2010
In commercio dal: 11 novembre 2010
Pagine: 222 p., Brossura
  • EAN: 9788862201377
pagabile con 18App pagabile con Carta del Docente
Articolo acquistabile con 18App e Carta del Docente

€ 7,00

€ 14,00
(-50%)

Venduto e spedito da IBS

7 punti Premium

Quantità:
LIBRO

Altri venditori

Mostra tutti (3 offerte da 14,00 €)

Gaia la libraia

Gaia la libraia Vuoi ricevere un'email sui tuoi prodotti preferiti? Chiedi a Gaia, la tua assistente personale

In Italia, fottere l'altro - una parola più tenue non renderebbe l'idea - è un vizio che è quasi un vanto, "lo ti fotto" è una legge: di più, un comandamento. Convinti di questo, due giovani e brillanti giornalisti hanno esplorato ogni angolo d'Italia alla ricerca dei mille versanti del fottere, dai più quotidiani e apparentemente veniali ai più imprevisti e diabolici: dai meccanici e i tassisti pronti a fregare il prossimo cliente fino ai professionisti del raggiro, abili a evadere il fisco e poi a passare per moralisti, lenti a dichiarare bancarotta, lesti a scappare. E ancora: i mutui e le carte di credito patacca, le vacanze-estorsione, il fottere in rete, la carità truffaldina di Onlus inesistenti o sprecone... Per finire con il "fottere pubblico": gli appalti, le consulenze, gli espedienti micro e macro per svuotare le casse dell'Italia. Una progressiva "estensione del dominio del fottere" che rischia di coinvolgere non solo le alte sfere, i grandi criminali e i poveri diavoli, ma oramai la stessa classe media, impoverita e resa cinica dalla sensazione di esser rimasta l'unica a farsi ancora imbrogliare. In "lo ti fotto" c'è dunque di tutto e ce n'è per tutti: è un libro spassoso, scritto con una verve rara nei libri d'inchiesta, ma al contempo un reportage impietoso e allarmante, che - speriamo - scuoterà i lettori: se si continua a fottere perché "tanto in Italia tutti fottono", il Paese ha i giorni contati.
4
di 5
Totale 2
5
0
4
2
3
0
2
0
1
0
  • User Icon

    Michela

    14/06/2013 09:13:26

    Un bel saggio, ma da leggere con calma. Nel senso che ogni capitolo ti lascia un po' di ansia addosso spiegando cose che immaginiamo, ma che in modo effettivo non ci vengono spiegate dai giornali. Le pause servono per farci riflettere o per non andare in crisi. Truffe, movimenti studiati a puntino, ingiustizie, bisognosi usati senza scrupoli per far soldi, insomma...uno schifo! Ma l'Italia è anche questo e i due autori del libro ci aprono un po' gli occhi. Formativo, insegna a svegliarsi, a non rimanere ingenui e troppo fiduciosi delle apparenze.

  • User Icon

    valentinomelis

    09/10/2011 20:28:25

    Libro ottimo. Condivido pienamente, per averlo "provato sulla mia pelle", l'aforisma di G.Prezzolini citato dagli autori a pagina 67: "Il Furbo è sempre in un posto che si è meritato non per le sue capacità, ma per la sua abilità a fingere di averle". Consiglio assolutamente la lettura di questo saggio.

Note legali