Iron Towns. Città di ferro - Riccardo Duranti,Anthony Cartwright - ebook

Iron Towns. Città di ferro

Anthony Cartwright

Con la tua recensione raccogli punti Premium
pagabile con 18App pagabile con Carta del Docente
Articolo acquistabile con 18App e Carta del Docente
Traduttore: Riccardo Duranti
Editore: 66th and 2nd
Formato: EPUB
Testo in italiano
Cloud: Scopri di più
Compatibilità: Tutti i dispositivi (eccetto Kindle) Scopri di più
Dimensioni: 459,58 KB
Pagine della versione a stampa: 274 p.
  • EAN: 9788832970081
Salvato in 1 lista dei desideri

€ 12,99

Punti Premium: 13

Venduto e spedito da IBS

EBOOK

Compatibile con tutti i dispositivi, eccetto Kindle

Cloud: Sì Scopri di più

Aggiungi al carrello
spinner
Fai un regalo
spinner

non è possibile acquistare ebook su dispositivi Apple. Puoi comunque aggiungerli alla wishlist

Gaia la libraia

Gaia la libraia Vuoi ricevere un'email sui tuoi prodotti preferiti? Chiedi a Gaia, la tua assistente personale

Sul corpo di Liam Corwen sono tatuati i protagonisti della storia del calcio, Eusébio, Van Basten, Ronaldo. Una storia nella quale ha rischiato di entrare anche lui, che appena maggiorenne esordì in nazionale senza toccare palla. E ora, a distanza di quasi vent’anni, si appresta a chiudere una carriera deludente nella squadra di Iron Town. O, come vorrebbero i suoi abitanti, Iron Towns: antiche roccaforti siderurgiche ridotte a «un labirinto di vecchie officine» scoperchiate, «strane reliquie metalliche», villaggi bruciati, stregati come le brughiere del leggendario regno di Mercia. Con due matrimoni falliti alle spalle e un figlio che vede solo in webcam, il bilancio della vita privata di Liam non è diverso da quello dei suoi amici di sempre, Dee Dee, Goldie, Mark Fala, le donne e gli uomini delle «città di ferro», ormai arrugginite come le ambizioni di una generazione tradita dalla Storia, ma caparbiamente in «attesa» di un riscatto personale e collettivo. Ancora una volta Cartwright ricorre alla metafora del football per narrare mondi scomparsi, quelli di una solidarietà operaia ormai sconfitta e di un calcio sempre più estraneo al suo unico, legittimo proprietario: il pubblico. Mondi ricoperti da uno strato di cenere sollevata da incendi che non hanno mai smesso di bruciare.
Gaia la libraia

Gaia la libraia Vuoi ricevere un'email sui tuoi prodotti preferiti? Chiedi a Gaia, la tua assistente personale

5
di 5
Totale 2
5
2
4
0
3
0
2
0
1
0
Scrivi una recensione
Con la tua recensione raccogli punti Premium
  • User Icon

    Luca

    03/10/2018 17:47:24

    Magnifico romanzo corale ambientato in un mondo di working class heroes in via di estinzione. Da collocare nella libreria a fianco di "Maledetto United" di David Peace. Accompagnare con l'ascolto di Billy Bragg in cuffia e, ovviamente, una pinta di buona birra!

  • User Icon

    Andrea Avvenengo Dalberto

    15/09/2017 09:04:58

    La cadente stella sportiva locale, Liam Corwen, un corpo marchiato che è un dizionario dell'epica calcistica internazionale e un passato professionale che è un po' mitologia locale, un po' tremendo sberleffo; Goldie, già manovale del crimine locale che ha pagato il proprio debito con la giustizia istituzionale ma non con quella degli uomini e concittadini; Mark Fala, impantanatosi nelle sabbie mobili di un'esistenza senza scopo dopo il fallimento del definitivo decollo nell'empireo del calcio che conta. E donne che la crisi industriale hanno visto mutare in solitudine il patriarcato operaio che fu, altri uomini e altre donne che le circondano, madri, figlie e e nipoti, pezzi sparsi di un nucleo identitario frammentato dalle detonazioni di un realtà spietata e cannibale ma inevitabilmente attratti l'un l'altro da uno Zeitgeist dove famiglia, calcio e alcool sono identità, proiezione, metafora, riscatto o resa nei confronti di ciò che sarebbe potuto essere e non potrà più essere. Ma la storia insegna che tutto è già stato e di nuovo qualcosa sarà e casa è il luogo dove bisogna essere per se stessi, per chi ancora c'è e chi non c'è più, perché nella vita come on terrace “In ogni folla c'è gente che è assente”. Tutti più o meno coscientemente sanno che, al contrario di chi su quello stesso pezzo di terra ha fatto la storia, fondato o spazzato via civiltà, dato vita a mitologie, nulla rimarrà di loro come lascito al mondo, eccetto figli lontani dal corpo e dalla mente, asettici tabellini calcistici, voci al casellario giudiziale. Ma anche se tutto cambia e i ciclopici labirinti siderurgici ormai dormono il sonno rugginoso ed eterno degli sconfitti dalla Storia, nulla cambia nel senso di appartenenza che i suoi figli difficili sentono nei confronti di quella terra di cui non si conosce il futuro, ma lo si scoprirà, perché lì si resta o lì si torna, qualsiasi sia il prezzo.

  • Anthony Cartwright Cover

    Anthony Cartwright è un autore inglese nato nel 1973 a Dudley, laureato in Letteratura angloamericana alla University of East Anglia. Dopo aver lavorato in un impianto di inscatolamento carni, nei pub, al mercato di Old Spitalfields, per la metropolitana di Londra, ha insegnato inglese in diverse scuole dell’East London e del Nottinghamshire. Il suo esordio, The Afterglow, è stato tra i vincitori del Betty Trask Award nel 2004. Elogiato da illustri colleghi come David Peace e Jonathan Coe, Cartwright si dichiara onorato di appartenere alla famiglia del realismo sociale britannico, ma il suo tributo maggiore va, oltre che al serbatoio di storie del Black Country, alla scrittura degli americani Don DeLillo e James Ellroy. Il taglio e` il quarto libro dell’autore pubblicato... Approfondisci
Note legali