-15%
L' isola di Arturo - Elsa Morante - copertina

L' isola di Arturo

Elsa Morante

Con la tua recensione raccogli punti Premium
pagabile con 18App pagabile con Carta del Docente
Articolo acquistabile con 18App e Carta del Docente
Editore: Einaudi
Edizione: 2
Anno edizione: 2014
Formato: Tascabile
In commercio dal: 18 luglio 2014
Pagine: 402 p.
  • EAN: 9788806222642
Salvato in 428 liste dei desideri

€ 11,05

€ 13,00
(-15%)

Punti Premium: 11

Venduto e spedito da IBS

Quantità:
LIBRO
Aggiungi al carrello
spinner
PRENOTA E RITIRA
* Servizio momentaneamente attivo solo nella Regione Lazio. Scopri il servizio

L' isola di Arturo

Elsa Morante

Caro cliente IBS, grazie alla nuova collaborazione con laFeltrinelli oggi puoi ritirare il tuo prodotto presso la libreria Feltrinelli a te più vicina.

Non siamo riusciti a trovare l'indirizzo scelto

Prodotto disponibile nei seguenti punti Vendita Feltrinelli

{{item.Distance}} Km

{{item.Store.TitleShop}} {{item.Distance}} Km

{{item.Store.Address}} - {{item.Store.City}}

Telefono: {{item.Store.Phone}}

Fax: {{item.Store.Fax}}

{{getAvalability(item)}}

Prenota ora per ritirarlo oggi dalle {{item.FirstPickUpTime.hour}}:0{{item.FirstPickUpTime.minute}} Prenota ora per ritirarlo oggi dalle {{item.FirstPickUpTime.hour}}:{{item.FirstPickUpTime.minute}}
Prenota ora per ritirarlo oggi dalle {{item.FirstPickUpTime.hour}}:0{{item.FirstPickUpTime.minute}} Prenota ora per ritirarlo oggi dalle {{item.FirstPickUpTime.hour}}:{{item.FirstPickUpTime.minute}}
*Solo al ricevimento della mail di conferma la prenotazione sarà effettiva

Spiacenti, il titolo non è disponibile in alcun punto vendita nella tua zona

Compralo Online e ricevilo comodamente a casa tua!
Scegli il Negozio dove ritirare il tuo prodotto
Entro le {{shop.FirstPickUpTime.hour}}:0{{shop.FirstPickUpTime.minute}} riceverai una email di conferma Entro le {{shop.FirstPickUpTime.hour}}:{{shop.FirstPickUpTime.minute}} riceverai una email di conferma
Recati in Negozio entro 3 giorni e ritira il tuo prodotto

Inserisci i tuoi dati

Errore: riprova

{{errorMessage}}

Riepilogo dell'ordine:


L' isola di Arturo

Elsa Morante

€ 13,00

Ritira la tua prenotazione presso:


{{shop.Store.TitleShop}}

{{shop.Store.Address}} - {{shop.Store.City}}

Telefono: {{shop.Store.Phone}} / Fax: {{shop.Store.Fax}} E-mail: {{shop.Store.Email}}


Importante
1
La disponibilità dei prodotti non è aggiornata in tempo reale e potrebbe risultare inferiore a quella richiesta
2
Solo al ricevimento della mail di conferma la prenotazione sarà effettiva Solo al ricevimento della mail di conferma la prenotazione sarà effettiva (entro le {{shop.FirstPickUpTime.hour}}:0{{shop.FirstPickUpTime.minute}}) Solo al ricevimento della mail di conferma la prenotazione sarà effettiva (entro le {{shop.FirstPickUpTime.hour}}:{{shop.FirstPickUpTime.minute}})
3
Una volta ricevuta la mail di conferma, hai tempo 3 giorni per ritirare il prodotto messo da parte (decorso questo termine l'articolo verrà rimesso in vendita)
4
Al momento dell'acquisto, ai prodotti messi da parte verrà applicato il prezzo di vendita del negozio

* Campi obbligatori

Grazie!

Richiesta inoltrata al Negozio

Riceverai una Email di avvenuta prenotazione all'indirizzo: {{formdata.email}}

Entro le {{shop.FirstPickUpTime.hour}}:0{{shop.FirstPickUpTime.minute}} riceverai una Email di avvenuta prenotazione all'indirizzo: {{formdata.email}}

Entro le {{shop.FirstPickUpTime.hour}}:{{shop.FirstPickUpTime.minute}} riceverai una Email di avvenuta prenotazione all'indirizzo: {{formdata.email}}

N.Prenotazione: {{pickMeUpOrderId}}

L' isola di Arturo

Elsa Morante

€ 13,00

Quantità: {{formdata.quantity}}

Ritira la tua prenotazione presso:

{{shop.Store.TitleShop}}

{{shop.Store.Address}} - {{shop.Store.City}}

{{shop.Store.Phone}}


Importante
1 La disponibilità dei prodotti non è aggiornata in tempo reale e potrebbe risultare inferiore a quella richiesta
2 Solo al ricevimento della mail di conferma la prenotazione sarà effettiva Solo al ricevimento della mail di conferma la prenotazione sarà effettiva (entro le {{shop.FirstPickUpTime.hour}}:0{{shop.FirstPickUpTime.minute}}) Solo al ricevimento della mail di conferma la prenotazione sarà effettiva (entro le {{shop.FirstPickUpTime.hour}}:{{shop.FirstPickUpTime.minute}})
3 Una volta ricevuta la mail di conferma, hai tempo 3 giorni per ritirare il prodotto messo da parte (decorso questo termine l'articolo verrà rimesso in vendita)
4 Al momento dell'acquisto, ai prodotti messi da parte verrà applicato il prezzo di vendita del negozio

Altri venditori

Mostra tutti (9 offerte da 13,00 €)

Gaia la libraia

Gaia la libraia Vuoi ricevere un'email sui tuoi prodotti preferiti? Chiedi a Gaia, la tua assistente personale

Vincitore premio Strega 1957

Il romanzo è un'esplorazione attenta della prima realtà verso le sorgenti non inquinate della vita. L'isola nativa rappresenta una felice reclusione originaria e, insieme, la tentazione delle terre ignote. L'isola, dunque, è il punto di una scelta e a tale scelta finale, attraverso le varie prove necessarie, si prepara qui, nella sua isola, l'eroe ragazzo-Arturo. È una scelta rischiosa perché non si dà uscita dall'isola senza la traversata del mare materno; come dire il passaggio dalla preistoria infantile verso la storia e la coscienza.
Gaia la libraia

Gaia la libraia Vuoi ricevere un'email sui tuoi prodotti preferiti? Chiedi a Gaia, la tua assistente personale

4,38
di 5
Totale 98
5
60
4
25
3
7
2
5
1
1
Scrivi una recensione
Con la tua recensione raccogli punti Premium
  • User Icon

    Carol

    02/11/2019 13:44:25

    Una lettura che rimane attuale perché in fondo è un romanzo di formazione, la storia di un adolescente sognatore che, dopo aver sperimentato tutti quei sentimenti contrastanti tipici di quest'età, guarda con occhi nuovi i genitori (interessante il confronto anche con la madre morta che non ha mai conosciuto), la sua isola e persino se stesso. Amore, gelosia, solitudine, senso di inadeguatezza, spavalderia, rabbia, confusione: tante le emozioni che Arturo si trova a provare in un turbinio che lo porterà a lasciare per la prima volta l'isola in cui è nato e cresciuto, ma in modo del tutto diverso da come fino allora lo aveva immaginato. Consigliato.

  • User Icon

    giorgio g

    11/10/2019 05:35:12

    Della stessa autrice, molti anni fa, avevo letto “Aracoeli”, ma non ero riuscito a portarlo alla fine. È comprensibile la ritrosia con cui mi sono accostato all’”Isola di Arturo”. Stavolta sono riuscito a finire il libro, nonostante le sue 400 pagine, ma con quale fatica! Si vede che è il genere di libro a cui non sono abituato: la vita errabonda di Arturo nella piccola isola di Procida, il suo vivere nella casa dei guaglioni, il suo incontro con la matrigna di poco più anziana di lui e verso cui nutre una profonda antipatia, mi hanno lasciato completamente indifferente.

  • User Icon

    Vinc

    25/09/2019 16:14:17

    Ho trovato la prima parte del romanzo abbastanza noiosa e tetra. Ricche descrizioni della natura incontaminata di Procida si univano ad altre più malinconiche della "casa dei guaglioni" dove abita Arturo. I personaggi sono odiosi all'inizio, soprattutto il protagonista, arrogante, misogino, selvaggio... Nella seconda parte, con la comparsa di Nunziata, la storia si fa più interessante, ci sono diversi colpi di scena e Artù si confronterà con un nuovo se stesso. La fine è stata davvero commovente e ho apprezzato moltissimo le tematiche affrontate in questo romanzo di formazione e sempre attuali: la misoginia, l'omosessualità, il difficile rapporto con i genitori, l'adolescenza.

  • User Icon

    Giusepina

    24/09/2019 07:57:46

    Romanzo in cui si può trovare profondità umana raccontata in modo leggero e preciso, che fanno continuare la lettura senza aver voglia di smettere, e di rileggerlo per risentire quella specifica umanità raccontata. Consigliatissimo

  • User Icon

    Chiara

    23/09/2019 14:10:46

    Il primo libro in cui mi sono trovata ad essere risucchiata nella narrazione e coinvolta fino ad alzare gli occhi e rendermi conto che erano passate ore, intorno a me. Un romanzo di formazione molto, molto bello.

  • User Icon

    Chiara Marianiello

    23/09/2019 12:46:34

    Appena finito di leggere, questo libro entra di diritto tra i miei libri preferiti di sempre. Arturo è un giovane uomo che si trova a crescere da solo sull’isola di Procida, idealizzando la figura paterna e odiando ogni donna, finché non incontrerà l’amore. Il suo è un percorso di crescita e maturazione, infatti consiglio questo libro a chi si trova ad affrontare la fase adolescenziale, perché potrà riconoscersi nei pensieri e nelle inquietudini di Arturo. Ma in realtà questo libro dovremmo leggerlo tutti, perché è semplicemente una pietra miliare della nostra letteratura.

  • User Icon

    Simona

    22/09/2019 18:53:54

    Elsa Morante ha una scrittura onirica e realistica al tempo stesso, in grado di trasportare in un altro mondo, vicino al nostro ma anche lontano. Noi siamo Arturo, ci immedesimiamo e ci fa male. Arturo è un ragazzo che cresce e che cambia su un'isola che sembra sperduta, quasi l'isola che non c'è invece esiste, l'isola di Procida. L'Italia quindi, il nostro mondo che sembra però in una favola, ma anche nella dura realtà.

  • User Icon

    s.g.

    22/09/2019 10:10:56

    Capolavoro assoluto. Viaggio nell'adolescenza di un ragazzo che riesce a toccare le corde del cuore e dei sentimenti.

  • User Icon

    Lagil

    22/09/2019 09:47:35

    Devo essere sincera, non ha particolarmente colpito. Se la trama è interessante è anche però allungata all'estremo, ci sono parti di descrizioni sull'isola o della vita del protagonista francamente inutili. Il finale come un fulmine a ciel sereno, con poche pagine a spiegare il mutamento anche no

  • User Icon

    Michela

    21/09/2019 09:39:57

    Letto da adolescente, ormai più di una diecina di anni fa. Ricordo la lettura di questo romanzo con grande piacere e sento adesso l'esigenza di riprenderlo per poterlo leggere con una coscienza nuova e più matura. La stagione infantile viene esaminata lungo il suo percorso magico che si interrompe però bruscamente con la rivelazione del segreto paterno, la quale segnerà il passaggio dall'infanzia, per l'appunto, al mondo adolescenziale, più duro e consapevole, dove ogni magia sembra rompersi definitivamente.

  • User Icon

    Angelo

    20/09/2019 19:56:51

    Troppe emozioni mi travolgono. Dalla prima lettura, nella meravigliosa prosa della Morante mi sono riconosciuto e mi riconosco come in uno specchio che mi venga brutalmente messo davanti. Ed è per questo che ancora mi sconvolge. Lettura impossibile da dimenticare, rivelatrice, appassionante. Libro che gioca un ruolo importante nelle nostre vite, letti durante l’adolescenza, o da adulti.

  • User Icon

    Katia

    20/09/2019 13:19:10

    Il protagonista e narratore degli eventi è un ragazzo di nome Arturo che nasce e vive a Procida. Orfano di madre dalla nascita Arturo vive con l’unica compagnia della sua isola con la sua fauna e della sua flora in continua attesa del padre che, essendo marinaio, salpa a Procida solo poche volte l’anno. Trascorre il suo tempo a leggere storie sugli “eccellenti condottieri”, a studiare l'atlante per progettare i suoi viaggi futuri e idolatrare il padre che crede il più grande eroe della storia. Elsa Morante crea attorno all’isola un’aura magica dalla quale Arturo non vuole allontanarsi nonostante sogni da quando ne ha memoria di salpare per mari sconfinati, scoprire territori inesplorati come il padre prima di lui. È un romanzo che mi ha fatto innamorare dei paesaggi tipici delle isole partenopee e dei particolari che la contraddistinguono da tutti i luoghi del mondo.

  • User Icon

    Ilaria

    20/09/2019 07:34:10

    L’isola di Arturo è la pittoresca Procida, con le sue scogliere, con il mare che si frange sulla riva, con quell’odore salmastro che tutto impregna, con i suoi pescatori che attraccano le piccole barchette al molo, con le sue stradine irte, le poche case illuminate da una debole lucina la sera. Lui è il piccolo Arturo, voce narrante e guida del lettore, orfano di madre e figlio di un padre assente eppure mitizzato come uno dei grandi eroi raffigurati nei vecchi libri di condottieri con cui egli spezza la sua solitudine tra una passeggiata sulla scogliera e una nuotata alla ricerca di gustosi ricci di mare. Un romanzo scritto con una maestria narrativa impeccabile, denso di contenuto, di immagini, di pensieri, perchè ciò che si impone la Morante è di creare un dualismo tra la visione del mondo da parte di un bambino prima ed adolescente poi e la rappresentazione del mondo reale e quotidiano del tempo in cui la storia è ambientata, ossia intorno al finire degli anni Trenta del secolo scorso. L’incontro-scontro tra i due mondi rappresentati sfocia in riflessioni dense, in centratissime raffigurazioni psicologiche che fotografano gli angoli più complessi dell’animo di un bambino. Arturo osserva e interpreta tutto ciò che ruota intorno a sé, valendosi di tutta la sua esperienza di bimbo maturata da solo, eppure una figura forte e decisa, pronto a reagire senza cedere all’ autocommiserazione. Una storia amarissima come fiele, a tratti lacerante, divisa tra i silenzi della solitudine, le condizioni di una vita aspra ed i colori di numerosi sentimenti, come l’amore, il bisogno disperato d’affetto, la bontà d’animo. Una narrazione rigogliosa che non patisce cedimenti e cali emozionali, che anzi cresce ed esplode nel canto di liberazione di uomo.

  • User Icon

    Cassandra

    19/09/2019 16:25:53

    Ho appena voltato l'ultima pagina del romanzo "l'isola di Arturo" di Elsa Morante, premio Strega 1957 e mio primo approccio con l'autrice. Ho detto addio a Procida, non senza rammarico, assieme al protagonista che decide di lasciarsela alle spalle per sempre, assieme alla sua vecchia vita. Perchè Aturo parte, alla fine, verso nuovi luoghi, verso una nuova esistenza. Un viaggio dentro al viaggio, questo romanzo: tra le stanze della Casa dei guaglioni all'Osteria del Porto, seguiamo Arturo, nell'avvicendarsi delle stagioni, tra i suoi tormenti interiori, tra nuove consapevolezze maturate attraverso il tempo che culminano nell'atto recisivo della partenza, che suona come un taglio al cordone ombelicale che lo lega alla materna isola. Lasciare Procida, infatti, significa essere ormai cresciuti. E Arturo ci insegna una cosa importante: la vita stessa è un viaggio e ad un certo punto, si sa, partire è necessario, se non inevitabile. Mi mancherá Procida, l'isola di Arturo, in cui mi son immersa e ho camminato nei pomeriggi di questa calda estate, trovando refrigerio tra le pagine, non potendo recarmi al mare fisicamente e come ogni buon romanzo che si ripone, ma, anche, come al termine di un qualsiasi bel viaggio, mi lascia ora un vuoto nel cuore, anelando a ritornarci nuovamente.

  • User Icon

    Luisa

    19/09/2019 12:39:16

    Affascinante la scrittura un po’ arcaica della Morante,commovente la figura di Arturo, ragazzino solo, che per esorcizzare la solitudine mitizza il padre, uomo molto mediocre ed egoista agli occhi di chi legge. Struggente la bontà e la dedizione della matrigna/bambina

  • User Icon

    mariadc

    19/09/2019 10:47:49

    Dopo la lettura di grandi libri in lingua straniera, la Morante ci riporta ad assaporare la bellezza della nostra lingua italiana. La storia di Arturo è poi primitiva, commovente, e non so perché mi ha ricordato molto le tragedie greche, la loro nobiltà. Apprezzato dalla prima all’ultima pagina, consigliatissimo sopratutto agli appassionati di letteratura italiana che ancora non hanno avuto il piacere di leggerlo.

  • User Icon

    Martina

    19/09/2019 10:39:51

    Finalmente ho letto questo gioiello della letteratura italiana, giustamente insignito del premio Strega nel 1957. É un romanzo di formazione, tratta della crescita fisica e caratteriale di Arturo, che vive praticamente solo sull’isola di Procida, tra mare e scampagnate, autodidatta e cresciuto con un odio viscerale per qualsiasi donna, odio trasmesso dal padre; tuttavia, una donna turberà le sue convinzioni, insieme alla scoperta di segreti familiari riguardanti il padre, figura che aveva prima sempre idealizzato a dismisura. Lo stile della Morante mi ha conquistato, aulico ma allo stesso tempo molto scorrevole e fluido. L’unico mio pentimento è di aver letto questo libro troppo tardi, e non vedo l’ora di rimediare approfondendo la produzione di Elsa Morante.

  • User Icon

    serafini lino pasqualino

    30/08/2019 15:30:46

    molto bello questo libro della Morante. bella storia e scritta in modo arcaico ma efficace

  • User Icon

    Valentina

    10/08/2019 13:27:12

    Un libro che sa di mare e di speranza. Personaggi e luoghi meravigliosi. Sicuramente uno dei premi Strega più belli di sempre.

  • User Icon

    Eufrosine Piras

    11/07/2019 11:00:09

    Un capolavoro. Descrizioni di paesaggi,(geografici e dll'anima) di stati d'animo,di conflitti interiori, di conflitti tra persone,di sentimenti, suscitati dai luoghi(il firmamento,l'oceano,la spiaggia,le coste,il paese....) dagli animali ,(Immacolatella la cagnetta) dalle persone....,.veramente toccanti, commoventi ,scritti in una maniera magistrale. Lo consiglio vivamente

Vedi tutte le 98 recensioni cliente
  • Elsa Morante Cover

    Elsa Morante è stata una scrittrice, saggista, poetessa e traduttrice. Figlia di una maestra, Elsa Morante non frequentò la scuola elementare e imparò da sola a leggere e scrivere. Iniziò giovanissima a scrivere filastrocche, favole per bambini, poesie e racconti brevi, e a pubblicare su svariati giornaletti per ragazzi. Nel 1942 i suoi scritti per ragazzi vennero raccolti in un volume da lei stessa illustrato e pubblicati da Einaudi con il titolo Le bellissime avventure di Caterì dalla trecciolina (poi riscritto nel 1959 con il titolo Le straordinarie avventure di Caterina). Tra il 1935 e il 1940 scrive eleganti cronache di costume per riviste culturali. Da quell’esercizio giornalistico nacque il primo volume di racconti, Il gioco segreto, che uscì... Approfondisci
Note legali