Chiudi

Siamo spiacenti si è verificato un errore imprevisto, la preghiamo di riprovare.

Le isole di Norman - Veronica Galletta - copertina

Le isole di Norman

Veronica Galletta

Con la tua recensione raccogli punti Premium
Editore: Italo Svevo
Collana: Incursioni
Anno edizione: 2020
Pagine: 304 p., Brossura
  • EAN: 9788899028459
Salvato in 90 liste dei desideri

€ 17,10

Venduto e spedito da Libreria Nani

spinner

Disponibile in 3 gg lavorativi

Solo 2 copie disponibili

+ 5,50 € Spese di spedizione

Quantità:
LIBRO

Altri venditori

Mostra tutti (6 offerte da 17,10 €)

Gaia la libraia

Gaia la libraia Vuoi ricevere un'email sui tuoi prodotti preferiti? Chiedi a Gaia, la tua assistente personale

Riconoscimento Premio Campiello Opera Prima - Finalista al Premio Wondy per la letteratura resiliente 2021

«Galletta è un'esordiente che si distingue, e sorprende, per la netta presenza di un talento già maturo e rigoroso» - Orazio Labbate, La Lettura

«Un romanzo interessante e sconcertante» - Angelo Guglielmi, Tuttolibri

Elena, giovane studentessa, abita sull'isola di Ortigia insieme al padre, ex militante del Partito comunista, e alla ma-dre, che vive chiusa in camera da diversi anni, circondata da libri che impila secondo un ordine chiaro solo nella sua testa. Quando all'improvviso la donna va via di casa, Elena cerca di elaborare la sua assenza dando inizio a un viaggio ri-tuale attraverso i luoghi dell'Isola, quasi fosse una dispersione delle ceneri. Parallelamente, nel tentativo di fare luce su un evento traumatico della sua infanzia, di cui porta addosso i segni indelebili, la ragazza capirà che i ricordi molto spesso non sono altro che l'invenzione del passato.
Gaia la libraia

Gaia la libraia Vuoi ricevere un'email sui tuoi prodotti preferiti? Chiedi a Gaia, la tua assistente personale

3,4
di 5
Totale 5
5
0
4
2
3
3
2
0
1
0
Scrivi una recensione
Con la tua recensione raccogli punti Premium
  • User Icon

    antonio

    04/04/2021 16:30:46

    Mantenersi nel vago, alludere, sono espedienti narrativi che personalmente ho sempre apprezzato ma richiedono una mano ferma e sapiente, pena l’evidenza del bluff e la conseguente irritazione del lettore. I confini narrativi devono essere ben chiari e delineati (se vuoi divertirti a trasgredirli). Non ci si può limitare a ripetere e ripetere frasi o descrizioni ad effetto, pretendendo ti creino da sole la giusta atmosfera... questi, a mio parere, i principali difetti del romanzo. Un’occasione mancata per Ortigia, per una metafora "del mappare" come conoscenza di sé e del mondo. Peccato. (Il libro l’ho acquistato anche per la qualità cartacea, e lo stupendo vintage grafico-editoriale).

  • User Icon

    Marco

    04/11/2020 17:20:13

    Testo piacevole. Molto belle le descrizioni di Ortigia. La narrazione galleggia e la storia fluttua tra passato e presente, tra silenzi, pensieri, brevi dialoghi. Il tema della ricerca geografica del senso della scomparsa è forse il punto di forza di questo romanzo. Per molti, ma non per tutti.

  • User Icon

    Michela

    13/10/2020 12:11:19

    Una scrittura precisa ed evocativa allo stesso tempo, per ripercorrere la memoria come un viaggiatore che segua gli itinerari su una mappa. Elena, la protagonista, disegna le proprie mappe dell'isola di Ortigia e della stanza di sua madre, per cercare il senso di una scomparsa e della propria vita.

  • User Icon

    Rebecca

    28/07/2020 17:58:57

    Un libro intenso, avvolgente, quotidiano sulla razionalizzazione dell'assenza e del passato. Elena mappa la geografia della sua famiglia, del crollo che sta per verificarsi, tenta di salvare e salvarsi. E nel suo percorso c'è qualcosa di lirico e profondamente umano.

  • User Icon

    Benny B

    22/06/2020 13:34:13

    Di questo libro ricorderò gli odori, la materia, le melanzane fritte, la geografia di un luogo concluso e misterioso, e il finale inconcludente. L'idea iniziale della mappatura dei libri nella stanza della madre utilizzata come percorso per le "missioni" rituali in città della protagonista, mi è sembrata debole (non si sa che libri siano e che relazione abbiano con la madre.) Ma ho trovato piacevole che con questo pretesto l'Isola di Ortigia diventi un'Isola del tesoro, impervia ma rassicurante, da percorrere in cerca di risposte e dove ogni cosa accade nel suo perimetro. La forza del libro sta qui. Solo, rimane tutto in sospeso, vago: i ricordi e il passato da riscrivere, la fuga della madre, le cicatrici. Temi che reggono tutta la trama ma che poi si dissolvono all'improvviso. Tanto da farmi chiedere: cosa ha voluto dire l'autrice, alla fine, con questa storia? Molto bello lo stile, ricco e suggestivo.

Vedi tutte le 5 recensioni cliente

Quando la giuria del Campiello ha dichiarato Le isole di Norman vincitore del premio Opera Prima, la mia sorpresa è stata tanta. Proprio in quel momento, stavo tenendo quel libro dalle mani, lo stavo leggendo per farne oggetto della mia prossima recensione. È stata una vittoria inattesa, e un attimo straniante.

Al di là del fattore meramente soggettivo, la proclamazione a vincitore di questo romanzo d’esordio, uscito dalla penna della bravissima Veronica Galletta, mi ha spiazzato per un duplice motivo. Il primo, è perché Le isole di Norman è stato pubblicato nemmeno due mesi fa. Questo vuol dire che è bastato davvero poco tempo perché questo romanzo bruciasse alla velocità del fulmine qualsiasi altro esordio compreso tra, circa, maggio 2019 e giugno 2020. Ognuno interpreti questo fatto come vuole, in base alla sua (anche mancata) esperienza di lettura e percezione del libro. Il mio discorso non vuole essere una valutazione binaria del merito o meno del premio, ma qualcosa che parte da questo evento per guardare un po’ più in là, nei dintorni di questo romanzo.

Da parte mia – ed eccoci al secondo motivo –, Le isole di Norman mi è sembrato un romanzo che vanta una voce ben salda, che invidiabilmente conosce già i suoi equilibri e le sue capacità; nonché un’opera ben tratteggiata e delicata. Eppure, mancante di una certa forza, quella stessa forza che, se la giuria l’ha individuata e premiata, dalla mia parte non ha soffiato abbastanza per spazzare via i dubbi. Per convincere. No, allora: Le isole di Norman non è un romanzo che mi convince, men che meno come una vittoria Opera Prima.

Non voglio togliere nulla all’eccellente Galletta, le cui qualità sono comodamente attestate da una finale al premio Calvino e dall’ospitalità di importanti riviste letterarie. Ci mancherebbe. E quando parlo di forza non parlo di dinamismo: lasciamo i feuilleton alle epoche a cui appartengono. No, la forza, il mordente, la grinta sono quelli linguistici, immaginativi, poetici. Le isole di Norman è un romanzo soprattutto assorto. Assorto nel paesaggio dell’isola di Ortigia, vero protagonista del romanzo; assorto nella mente sensibile e vertiginosa del narratore in prima persona: Elena, una matricola universitaria che, nella ricerca lungo tutta l’isola di sua madre scappata di casa, non cerca altro che una mappa di sé, nuove coordinate per ritrovare un io sfranto e labile. Assorto in una storia placidamente contemplativa (del dentro come del fuori) che, se è facilmente in grado di conquistare qualsiasi palato con la sua atmosfera e lo sguardo intimo verso i propri personaggi, forse manca di convincere chi oggi è arrivato a esigere qualcosa di più dagli esordi e dagli autori contemporanei in generale. Soprattutto se finiscono poi premiati da realtà illustri quali il Campiello.

Elena, la protagonista, si muove lungo un duplice percorso: in lungo e in largo per l’isola, alla ricerca della madre; a ritroso del tempo, evocato da facce note, situazioni, momenti epifanici. Eppure, l’atmosfera, il gusto del romanzo, restano quelli del piccolo paesaggio all’interno della pallina di vetro: un mondo accogliente precluso all’adesione, perduto nel passato e con il passato, a cui guardare con nostalgia. Un occhio abbastanza attento e allenato nel (provare a) seguire i funzionamenti e le produzioni del nostro gargantuesco mercato editoriale si può accorgere facilmente di come questo gusto narrativo spunti e sia spuntato anche presso tantissimi altri romanzi e romanzieri. Tanti gli scrittori e le scrittrici della generazione precedente alla mia (parlo di autori e autrici che oggi vanno per o hanno superato la quarantina d’anni) che si fanno statue rivolte a contemplare i passati, e con essi gli interni del proprio animo, attraverso un legame indissolubile con un luogo e un tempo personali che si tenta di rendere condivisi e condivisibili. Penso a chi, da quando collaboro con Il Rifugio dell’Ircocervo, mi è capitato tra le mani, recensiti e no: Patrignanelli, Longo, Forgione, e ora Galletta, sono i primi che mi vengono in mente. Ma ce ne sono davvero tanti altri.

È un discorso il mio, quindi, che approfitta proprio della vittoria de Le isole di Norman per guardare anche nei dintorni di questo romanzo, esulando dal tipo della semplice recensione-resoconto. Soprattutto, facilitato dal fatto che c’è un altro premio letterario in arrivo, e sempre per esordienti, che per di più è praticamente omonimo del Campiello Opera Prima: cioè il POP della Fondazione Mondadori. Premio diverso e, ovviamente, esordienti candidati diversi (tra cui un altro della Italo Svevo – Gaffi, segno che questa piccola rinata realtà, insieme all’eccellente Dario De Cristofaro, sta lavorando davvero bene). E se si guarda ai nomi e ai romanzi di quella decina, ci si accorge quanto siano non solo molto diversi tra loro, ma anche molto diversi dal prima. Senza entrare nel merito: semplicemente, voci che comunicano novità e capacità di interessare. Ecco, allora, le due mancanze che non ho potuto ignorare nel leggere e commentare Le isole di Norman. Un buon esordio, che una giuria ha reputato valido di un prestigioso premio, certo: ma altre realtà stanno spingendo, o almeno cercano di mostrare e di dimostrare, non solo come un “altro” esordio sia possibile, ma che forse davvero ce n’è bisogno: da parte di altri premi, altri editori, altri lettori, altri critici e para-critici.

Certo, Le isole di Norman rimane, come ho detto prima, un buon libro nonché un’opera prima di notevole capacità. E resta innegabile il talento di Galletta, che personalmente mi piacerebbe vedere cimentato in tanto altro. Ma vederlo premiato al Campiello mi ha dato la sensazione di una vittoria già celebrata troppo spesso. Già festeggiato, già dato: un po’ come Francesco Guccini, ma questo è un altro discorso, e qui mi fermo.

Recensione di Michele Maestroni

Note legali
Chiudi