copertina

Israele una pace in guerra

Fiamma Nirenstein

Con la tua recensione raccogli punti Premium
pagabile con 18App pagabile con Carta del Docente
Articolo acquistabile con 18App e Carta del Docente
Editore: Il Mulino
Collana: Contemporanea
Anno edizione: 1996
In commercio dal: 27 giugno 1996
Pagine: 144 p.
  • EAN: 9788815055644
Salvato in 1 lista dei desideri

€ 4,46

€ 8,26
Nuovo - attualmente non disponibile
Attualmente non disponibile
Leggi qui l'informativa sulla privacy
Inserisci la tua email ti avviseremo quando sarà disponibile
spinner

Grazie, riceverai una mail appena il prodotto sarà disponibile

Non è stato possibile elaborare la tua richiesta, riprova.

Gaia la libraia

Gaia la libraia Vuoi ricevere un'email sui tuoi prodotti preferiti? Chiedi a Gaia, la tua assistente personale

L'immagine di Israele che la Nirenstein disegna nel volume è quella di una società ancora in formazione, ma che tuttavia è entrata in una fase irreversibile post-sionista. Per lungo tempo l'esercito e la guerra sono stati il ventre unificatore di polacchi, russi, americani, etiopi e marocchini immigrati. Il lutto e la vittoria, la lotta per la sopravvivenza e i riti collettivi hanno forgiato i comportamenti dell'intera nazione, le pratiche familiari, l'uso del tempo libero, l'etica dei costumi. Poi, a partire dal '73 con la guerra del Kippur, la guerra del Libano e l'Intifada, l'invincibile esercito popolare di Israele si è trasformato in un popolo che ambisce alla normalità, per cui la pace è diventata un bene necessario.
Gaia la libraia

Gaia la libraia Vuoi ricevere un'email sui tuoi prodotti preferiti? Chiedi a Gaia, la tua assistente personale

3,67
di 5
Totale 3
5
1
4
1
3
0
2
1
1
0
Scrivi una recensione
Con la tua recensione raccogli punti Premium
  • User Icon

    Fabrizio Porro

    22/09/2012 00:11:58

    Da quando è in corso il processo di pace, l'immagine e la realtà di Israele sono profondamente mutate, nell'altalena di vittorie e sconfitte, di accelerazioni e franate che hanno segnato questi anni di "Pace in guerra". Fiamma Nirenstein racconta e spiega tutto questo in presa diretta : il mito della specialità ebraica e la folle corsa verso la normalità, l'impietoso e talvolta devastante processo di revisione storica a cui sono stati sottoposti eroi ed istituzioni; la scoperta del nemico interno accanto alla persistente minaccia di quello esterno; i mutati rapporti con gli arabi, i palestinesi, gli ebrei della diaspora. La maggioranza degli israeliani oggi pratica stili di vita e di consumo che sono più simili a quelli di una prospera e moderna società occidentale che a quelli del loro austero passato. Anche per questo la pace è diventata un bene sempre più necessario. Ma l'assassinio di Yitzhak Rabin e gli attentati di Hamas hanno alzato ancora una volta la posta in gioco. La questione della sicurezza e l'antica paura sono tornate in primo piano, determinando la vittoria elettorale di Benjamin "Bibi" Netanyahu. La strada tracciata è comunque irreversibile, per lo stesso Netanyahu,anche se ora la divisione passa tra chi, arabo o ebreo, dentro o fuori Israele, guarda al futuro o rimane prigioniero del passato.

  • User Icon

    Paolo Legato

    31/01/2006 16:14:18

    Un bel libro, agevole e pieno di spunti. Da leggere sicuramente.

  • User Icon

    Ludovico Licata

    09/12/2002 13:14:20

    Mi pare di leggere nel sottofondo del testo un certo razzismo al contrario. Gli ebrei così tanto perseguitati dai nazisti, ora vorrebbero assurgere a perseguitati della storia. Troppo vittimismo, troppo pietismo. Meglio darsi una mossa, non vi pare?

Note legali