L' Italia in presadiretta. Viaggio nel paese abbandonato dalla politica

Riccardo Iacona

Editore: Chiarelettere
Collana: Reverse
Anno edizione: 2010
Pagine: 170 p., Brossura
  • EAN: 9788861901155
Approfitta delle promozioni attive su questo prodotto:
Disponibile anche in altri formati:

€ 11,56

€ 13,60

Risparmi € 2,04 (15%)

Venduto e spedito da IBS

12 punti Premium

Disponibile in 3 gg lavorativi

Quantità:
Aggiungi al carrello

€ 7,34

€ 13,60

Usato di Libraccio.it venduto da IBS

Recensioni dei clienti

Ordina per
  • User Icon

    Antonio

    22/10/2010 10:54:59

    Come si è mai potuti arrivare fino a questo punto? Il quadro dell'Italia che Iacona racconta, è devastante. Grazie a questo libro, che ho divorato, ho capito quanti sono i principi di libertà oramai annichiliti. Con il passare del tempo, questo Paese ha assistito, sotto tutti gli aspetti, al graduale depauperamento di quasi tutti i principi che governano e regolano la nostra democrazia. Un libro da leggere, per non permettere a niente e a nessuno di appropriarsi anche di quella poca libertà che ci resta, poiché, ed è risaputo, restare all'oscuro di certi episodi, delinea quasi, un perpetuare il ripristino di certi regimi del passato, rendendoci tutti complici e compartecipi del fallimento che sta dilangando in questo Paese. Interessa a tutti, nessuno escluso, difendere questi princìpi inviolabili; non farlo, vuol dire, ammettere la nostra inerzia al cambiamento, si parte sempre dal basso e per far si che questo fenomeno avvenga, dovremmo essere in molti a volerlo.

  • User Icon

    Aldo Funicelli

    20/09/2010 15:57:23

    Dovremmo essere grati a giornalisti come Riccardo Iacona (e i giornalisti di Report, e i giornalisti di Annozero ..) per il lavoro che svolge: raccontare del paese che spesso non appare sulla televisione. E dunque (poichè la maggioranza degli italiani si informa proprio grazie alla televisione) di quella parte del paese che non esiste. Come i profughi dalle guerre in Africa o in Afghanistan che, dopo un viaggio terribile , dopo le prigioni e le torture liche dell'amico Gheddafi, vengono respinti davanti alle nostre coste. E rispediti ad un paese che non rispetta la Convenzione sui rifugiati (del 1951).

Scrivi una recensione