Categorie

Marina Cattaruzza

Editore: Il Mulino
Anno edizione: 2014
Pagine: 592 p. , Brossura
  • EAN: 9788815247087
  Gli ultimi dibattiti svoltisi in parlamento prima che la democrazia crollasse ruotarono significativamente intorno alle ambiguità politiche e alle debolezze di un paese uscito a pezzi dalla guerra. Ebbero fra i principali temi quello della questione adriatica, da un lato per la sistemazione dei confini sul versante orientale, con il corollario del Trattato di Rapallo, qui sottoposto dalla curatrice a fine critica; dall'altro, più nello specifico, per il comportamento da tenersi nei riguardi di Gabriele d'Annunzio, nemico di quell'ordine istituzionale e deciso a promuovere, dal laboratorio fiumano, una visione diametralmente opposta a quella di Nitti e Giolitti - il primo dei quali ne strumentalizzò l'impresa a vantaggio dell'Italia come spauracchio per le potenze occidentali. In riferimento a tale dialettica, dagli sviluppi decisivi, il volume curato da Marina Cattaruzza, docente a Berna e corrispondente dell'Accademia austriaca delle scienze, colma una lacuna: fino a oggi non si era posto a sufficienza l'accento sul ruolo dello scontro politico intorno al nuovo assetto dell'Adriatico in rapporto all'indebolimento dei governi nel primo dopoguerra come pure al coevo panorama europeo e ai limiti stessi dell'interventismo democratico. Fra i protagonisti della selezione qui proposta - e introdotta da un approfondito studio - incontriamo nomi noti, fra cui quelli di Turati, Nitti, Salvemini e Federzoni. Ma ciò che più colpisce è come ben tre governi (Orlando, Nitti e Giolitti) cadessero su tale questione, di cui si può pertanto ben dire che contribuisse all'instabilità all'origine dell'avvento del fascismo.   Daniele Rocca