L' Italia spensierata

Francesco Piccolo

Con la tua recensione raccogli punti Premium
Editore: Laterza
Collana: Contromano
Edizione: 5
Anno edizione: 2007
In commercio dal: 18 gennaio 2007
Pagine: 182 p., Brossura
  • EAN: 9788842079187
Salvato in 7 liste dei desideri

€ 4,86

€ 9,00

Punti Premium: 9

Usato di Libraccio.it venduto da IBS

Garanzia Libraccio
Quantità:
LIBRO USATO

Scrivi cosa pensi di questo articolo
5€ IN REGALO PER TE
Bastano solo 5 recensioni. Promo valida fino al 25/09/2019

Scopri di più

Nuovo - attualmente non disponibile
Attualmente non disponibile
Leggi qui l'informativa sulla privacy
Inserisci la tua email ti avviseremo quando sarà disponibile
spinner

Grazie, riceverai una mail appena il prodotto sarà disponibile

Non è stato possibile elaborare la tua richiesta, riprova.

Scrivi cosa pensi di questo articolo
5€ IN REGALO PER TE
Bastano solo 5 recensioni. Promo valida fino al 25/09/2019

Scopri di più

Gaia la libraia

Gaia la libraia Vuoi ricevere un'email sui tuoi prodotti preferiti? Chiedi a Gaia, la tua assistente personale

Ci sono cose che non fareste mai. Così dite: né ora né mai. Affollare uno studio televisivo con i fan di Baudo, per esempio. Sgomitare in autogrill durante l'esodo delle vacanze. Mettersi in coda per il giro della morte sulle montagne russe. Affrontare il pigia pigia per il film di Natale, ma anche per la notte bianca. E poi succede che vi ritrovate dentro le cose che non fareste mai. A tutti, prima o poi, succede. "È il momento in cui ci si chiede se ci si sente un po' stupidi. E la risposta non è: no. La risposta è: sì. Ma questo sì è comprensivo e caloroso, suggerisce un diritto a essere un po' stupidi qualche volta nella vita. E a lasciarsi andare."
2,5
di 5
Totale 14
5
1
4
2
3
5
2
1
1
5
Scrivi una recensione
Con la tua recensione raccogli punti Premium
  • User Icon

    Guia

    18/05/2012 00:02:17

    La parte su Domenica in è un davvero tirata per le lunghe, le altre invece le ho trovate divertenti (soprattutto quella su Natale a Miami). Certo, non si può dire che manchi lo stile!

  • User Icon

    Silvia M.80

    18/01/2011 14:02:02

    Molto simpatico, un argomento davvero interessante e divertente, ma purtroppo è un pò noioso da leggere.

  • User Icon

    alex

    07/12/2007 13:11:35

    libro brutto.Ripetivo quando descrive le situazioni e allunga il brodo in maniera noiosissima.Spesso cerca di usare l'ironia ma fa danni peggiori. Parla di autoreferenzialità della televisione ma la stessa puo' essere applicata allo scrittore quando ci racconta di non essere mai andato a vedere un film di Natale, snob che non si puo' permettere di esserlo.

  • User Icon

    Francesco

    07/10/2007 19:50:18

    Noioso e scritto piuttosto male.

  • User Icon

    ant

    11/09/2007 22:37:46

    Arguto, disincantato, molto attuale e ficcante...mi ricorda molto Antonio Pascale, da tenere d'occhio direi

  • User Icon

    Alessio

    28/07/2007 09:57:23

    Un'ottima idea, rovinata da un tono monocorde ed esoso e dalla totale assenza di stile. Peccato per l'occasione sprecata.

  • User Icon

    Lucia

    06/06/2007 14:25:57

    Divertente e acuto, soprattutto nel capitolo dedicato al film di Natale (chi ha trovato snob l'atteggiamento dell'autore dovrebbe forse rileggere la conclusione dell'episodio). Ottimo ritratto di manie e riti collettivi, realizzato con intelligenza e ironia.

  • User Icon

    Patroclo

    05/05/2007 08:27:51

    a me non é dispiaciuto, certo non va oltre al bozzetto di costume, ma é ricco di notazioni divertenti e a volte acute, é diciamo un libello spensierato, parafrasando il titolo.

  • User Icon

    Teox

    30/03/2007 10:48:40

    E' un libretto abbastanza breve ma nonostante ciò riesce ad essere terribilmente prolisso e pieno di particolari inutili... bella l'idea ma sviluppata malissimo a mio parere... pesante ed esageratamente snob.

  • User Icon

    FRANCESCA

    26/03/2007 11:14:44

    Occasione perduta... peccato perché l'idea di uno spaccato della società attuale era buona, ma non è per niente incisivo. Si concentra troppo su sé stesso e trascura il resto del mondo. Sono d'accordo con chi dice che 180 pagine sono un'enormità. Mi dispiace perché l'avevo acquistato con sana curiosità e speravo di identificarmi.

  • User Icon

    luc

    12/03/2007 15:45:15

    incuriosita ho acquistato il libro che fin dalle prime pagine mi ha dato un senso di insofferenza. mi ha dato fastidio questo voler ergersi al di sopra della mediocrità e quindi la descrizione di volersi sacrificare per capire, studiare e raccontare cosa prova l'italiano medio a fare cose che né "lui" né i suoi amici mai farebbe! (al cinema non incontra infatti nessuno che lui conosca...!). A chi è diretto un volumetto del genere? non ho mai partecipato a Domenica In, non vado per autogrill, neppure a Mirabilandia, non vado al cinema a vedere film di Natale ma sinceramente quanto descritto (e la metodologia della descrizione) non tocca alcuna corda, neppure un minimo di divertimento!

  • User Icon

    Graziano

    07/03/2007 13:37:23

    Sono d'accordo con Ispano, a volte una maggiore sintesi avrebbe fatto bene all'economia generale dei capitoli: Da consigliare comunque per le descrizioni di luoghi e sensazioni. Molto originali e ben argomentati i capitoli relativi a Domenica in e al film di Natale, soprattutto in merito al film, materia che l'autore conosce bene. Graziano

  • User Icon

    ispano

    23/02/2007 09:16:15

    La tira un po' per le lunghe; qualche pagina in meno gli avrebbe fatto solo bene.

  • User Icon

    Carolina

    15/02/2007 15:47:42

    Micidiale, va dritto all'osso e fa ridere (e sorridere) proprio perché tocca contraddizioni e realtà così vere da risultare anche commoventi. Poi, naturalmente, non si ride e basta, ma ti spinge a riflettere, a dare un'occhiata più profonda alla nostra quotidianità. Davvero un ottimo acquisto, peccato solo per una cosa: troppo poche pagine, non è giusto!

Vedi tutte le 14 recensioni cliente
Nel prologo che precede queste quattro incursioni, tra il divertito e il malinconico, nei templi della bêtise contemporanea (ma Piccolo non la considera certo tale), l'autore parte da un fotogramma che ha la stessa consistenza di una "scena primaria": soggiorno di casa Piccolo, anno 1969, l'io narrante ha cinque anni. In questo caso, però, la Urszene non è un evento infantile traumatizzante, un vissuto nel rituale solipsismo assediato da inestinguibili sensi di colpa, ma invece una "visione" incistata nella retina e nel cervello di tutti coloro che hanno vissuto quegli anni, intrisa di quell'aura fra il ricattatorio e il seduttivo che sempre caratterizza ogni forma di retrospettiva nostalgica. Sullo schermo della tv di casa Piccolo si materializzano infatti le gemelle Kessler che cantano la sigla-tormentone di una vecchia Canzonissima: Quelli belli come noi. Per l'autore quell'irresistibile refrain "è il punto in cui si incontrano l'omologazione più (s)frenata e la felicità più nitida". Sarà questa specie di madeleine catodica a convincerlo dell'esistenza di una possibile, virtuosa congiuntura fra due modi di percezione del mondo: "il senso di allarme" (ovvero la paura di perdersi e annullarsi nella massa, nel coro indistinto della mandria televisiva e consumista) e "la volontà di partecipazione" (cioè la consapevolezza dell'insopportabile alterigia dello snobismo).
Se Jules Renard, nel suo Diario, ironizzava perfidamente sulla presunzione di chi ritiene che "les bourgeois, ce sont les autres", Piccolo si prodiga invece per esplorare e comprendere quell'universo che sembra tanto lontano e incomprensibile a certa élite intellettuale; per questo si aggira con pazienza e acribia in quei luoghi nei quali si è costretti a fare quelle "cose che non fareste mai". È come assistere al rovesciamento antifrastico dell'elegia finale di Blade Runner: "Io ho visto luoghi che voi umani non potete neanche immaginare", che Piccolo squaderna perchè questi luoghi invece li "attraversa", li viviseziona e poi ci comunica, con uno stile in cui la colloquialità non impedisce mai la riflessione lucida e spesso amara, che cosa succede "a indagare in questa parte oscura di noialtri, capire un po' di più sia di noi, sia degli altri". Allora, con sommo sprezzo del ludibrio di certa intellighenzia soi-disant, Piccolo assiste in studio a una puntata di Domenica in, visita gli autogrill più famosi d'Italia (anche se per motivi opposti) durante un affollatissimo weekend, vede il classico film di Natale della premiata coppia Boldi - De Sica proprio il giorno di Natale in un cinema romano stracolmo, si reca con bambine al seguito in quella specie di santuario del divertimentificio che è Mirabilandia.
Piccolo, in realtà, sembra faccia tutto questo anche per noi, tanto che, durante la lettura, più volte si prova per l'autore la stessa accorata simpatia, non esente da un fastidioso senso di superiorità, che si prova per le …cavie. Lo fa, tra l'altro, utilizzando una pedagogia del sorriso e della ragione, osservando e catalogando, con distaccato e consapevole understatement, le caratteristiche, i vizi e le virtù del contemporaneo mammifero italiano, per dirla con Manganelli. Lo fa con candore e orgoglio, rivendicando l'appartenenza alla categoria dei "felici molti", di quelli cioè che, se visti dalla prospettiva esclusivista, ma fallibile della "torre d'avorio", paiono irreparabilmente, ma superficialmente, dalla parte del torto: "Ridiamo alle spalle di tutti quelli che sono più ignoranti di noi, e così ci sentiamo più intelligenti. (…) È una scelta ideologica, la stessa che ho fatto tra quelli che dicono 'un attimino' e quelli che sbuffano e correggono, e affermano: 'Non sopporto quelli che dicono un attimino'; sto con i primi. È una vocazione". Il rischio, magari implicito, è che le avventure di Piccolo rieditino il demone antico dello snobismo antisnobistico. Ma questo retropensiero è esorcizzato da Piccolo stesso il quale, in questo libro che, pagina dopo pagina, si rivela anche come un reportage antropologico, spiega come proprio la dietrologia complottistica sia una specie di patto fondativo su cui si basa l'esistenza e la storia del nostro paese, "Convinto non solo che dietro ogni cosa ci sia qualcosa che la piloti e la determini, qualcuno che vuole che le cose vadano così; è l'intero paese è anche convinto di sapere cosa e perché ciò accade, anche se non lo sa".
Da quale parte lui si collochi, invece, lo ribadisce ancora meglio nel brillante epilogo. Con il perfido, ironico candore che è tratto consustanziale al suo stile (sembra un mix fra Mr. Chance, il protagonista di Oltre il giardino, e il bambino della favola andersoniana che svergogna le nudità monarchiche), racconta una veltroniana "notte bianca". L'io narrante, mentre una città intera è in preda a una specie di vertiginoso delirio culturale a trecentosessanta gradi, un'offerta smisurata di "vinici caposseli [che] cantavano canzoni, jazzisti [che] facevano assoli interminabili e scrittori [che] stavano per concludere maratone di lettura", si addormenta e fa un sogno di quelli che, come dice un personaggio di Altan, si vorrebbe non condividere.
  Linnio Accorroni
  • Francesco Piccolo Cover

    Scrittore e sceneggiatore.I suoi ultimi libri sono: La separazione del maschio, Momenti di trascurabile felicità, Il desiderio di essere come tutti (Premio Strega 2014), Momenti di trascurabile infelicità, L’animale che mi porto dentro.Ha firmato, tra le altre, sceneggiature per Nanni Moretti (Il Caimano, Habemus Papam, Mia madre), Paolo Virzì (My name is Tanino, La prima cosa bella, Il capitale umano, Ella & John - The Leisure Seeker, Notti magiche), Francesca Archibugi (Il nome del figlio, Gli Sdraiati), Silvio Soldini (Agata e la tempesta, Giorni e nuvole).Ha sceneggiato la serie tv L’amica geniale, tratta dall’omonimo best seller dell’autrice Elena Ferrante.È stato autore di molti programmi televisivi come: Vieni via con me, Quello... Approfondisci
| Vedi di più >
Note legali